SCENA V
 
 
Susanna e poi Cherubino.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Susanna
 
 
Va' là, vecchia pedante,
 
 
dottoressa arrogante,
 
 
perché hai letti due libri
 
 
e seccata madama in gioventù…
 
 
Cherubino
 
 
(Esce in fretta.)
 
  190
Susannetta, sei tu?
 
 
Susanna
 
 
Son io, cosa volete?
 
 
Cherubino
 
 
Ah cor mio, che accidente!
 
 
Susanna
 
 
Cor vostro! Cosa avvenne?
 
 
Cherubino
 
 
                         Il Conte ieri,
 
 
perché trovommi sol con Barbarina,
 
  195
il congedo mi diede.
 
 
E se la Contessina,
 
 
la mia bella comare,
 
 
grazia non m'intercede, io vado via,
 
 
(Con ansietà.)
 
 
io non ti vedo più, Susanna mia!
 
 
Susanna
 
  200
Non vedete più me! Bravo! Ma dunque
 
 
non più per la Contessa
 
 
secretamente il vostro cor sospira?
 
 
Cherubino
 
 
Ah che troppo rispetto ella m'inspira!
 
 
Felice te, che puoi
 
  205
vederla quando vuoi!
 
 
Che la vesti il mattino,
 
 
che la sera la spogli, che le metti
 
 
gli spilloni, i merletti…
 
 
(Con un sospiro.)
 
 
                           Ah se in tuo loco…
 
 
Cos'hai lì? Dimmi un poco…
 
 
Susanna
 
 
(Imitandolo.)
 
  210
Ah il vago nastro e la notturna cuffia
 
 
di comare sì bella.
 
 
Cherubino
 
 
(Toglie il nastro di mano a Susanna.)
 
 
Deh dammelo, sorella;
 
 
dammelo, per pietà.
 
 
Susanna
 
 
                    Presto, quel nastro!
 
 
(Susanna vuol riprenderglielo; egli si mette a girare intorno la sedia.)
 
 
Cherubino
 
 
(Bacia e ribacia il nastro.)
 
 
O caro, o bello, o fortunato nastro!
 
  215
Io non tel renderò che colla vita!
 
 
Susanna
 
 
(Seguita a corrergli dietro, ma poi si arresta come fosse stanca.)
 
 
Cos'è quest'insolenza?
 
 
Cherubino
 
 
                       Eh via, sta' cheta!
 
 
In ricompensa poi
 
 
questa mia canzonetta io ti vo' dare.
 
 
Susanna
 
 
E che ne debbo fare?
 
 
Cherubino
 
  220
Leggila alla padrona,
 
 
leggila tu medesma,
 
 
leggila a Barbarina, a Marcellina;
 
 
(Con trasporti di gioia.)
 
 
leggila ad ogni donna del palazzo!
 
 
Susanna
 
 
Povero Cherubin, siete voi pazzo!
 
speaker-icon
N° 6 Aria
 
 
Cherubino
 
     
  225
    Non so più cosa son, cosa faccio,
 
 
or di foco, ora sono di ghiaccio,
 
 
ogni donna cangiar di colore,
 
 
ogni donna mi fa palpitar.
 
     
 
    Solo ai nomi d'amor, di diletto,
 
  230
mi si turba, mi s'altera il petto,
 
 
e a parlare mi sforza d'amore
 
 
un desio ch'io non posso spiegar.
 
     
 
    Parlo d'amor vegliando,
 
 
parlo d'amor sognando,
 
  235
a l'acque, a l'ombre, ai monti,
 
 
ai fiori, a l'erbe, ai fonti,
 
 
a l'eco, a l'aria, ai venti
 
 
che il suon de' vani accenti
 
 
portano via con sé.
 
  240
E se non ho chi m'oda,
 
 
parlo d'amor con me.
 
 
(Va per partire e, vedendo il Conte di lontano, torna indietro impaurito e si nasconde dietro la sedia.)
 
 
SCENA VI
 
 
Cherubino, Susanna e poi il Conte.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cherubino
 
 
Ah son perduto!
 
 
Susanna
 
 
(Cerca mascherar Cherubino.)
 
 
               Che timor! Il Conte!
 
 
Misera me!
 
 
Il Conte
 
 
          Susanna, tu mi sembri
 
 
agitata e confusa.
 
 
Susanna
 
  245
Signor… io chiedo scusa…
 
 
ma… se mai… qui sorpresa…
 
 
Per carità! Partite.
 
 
Il Conte
 
 
Un momento e ti lascio.
 
 
Odi.
 
 
(Si mette a sedere sulla sedia e prende Susanna per la mano, ella si distacca con forza.)
 
 
Susanna
 
 
    Non odo nulla.
 
 
Il Conte
 
  250
Due parole. Tu sai
 
 
che ambasciatore a Londra
 
 
il re mi dichiarò; di condur meco
 
 
Figaro destinai…
 
 
Susanna
 
 
(Timida.)
 
 
                  Signor, se osassi…
 
 
Il Conte
 
 
(Sorge.)
 
 
Parla, parla, mia cara,
 
 
(Con tenerezza e tentando di riprenderle la mano.)
 
 
                       e, con quel dritto
 
  255
ch'oggi prendi su me finché tu vivi,
 
 
chiedi, imponi, prescrivi.
 
 
Susanna
 
 
(Con smania.)
 
 
Lasciatemi, signor; dritti non prendo,
 
 
non ne vo', non ne intendo… Oh me infelice!
 
 
Il Conte
 
 
Ah no, Susanna, io ti vo' far felice!
 
 
(Come sopra.)
 
  260
Tu ben sai quanto io t'amo: a te Basilio
 
 
tutto già disse; or senti,
 
 
se per pochi momenti
 
 
meco in giardin sull'imbrunir del giorno…
 
 
Ah per questo favore io pagherei…
 
 
Basilio
 
 
(Dentro la scena.)
 
  265
È uscito poco fa.
 
 
Il Conte
 
 
                  Chi parla?
 
 
Susanna
 
 
                                              Oh dèi!
 
 
Il Conte
 
 
Esci, e alcun non entri.
 
 
Susanna
 
 
(Inquietissima.)
 
 
Ch'io vi lasci qui solo?
 
 
Basilio
 
 
(Dentro la scena.)
 
 
Da madama ei sarà, vado a cercarlo.
 
 
Il Conte
 
 
(Addita la sedia.)
 
 
Qui dietro mi porrò.
 
 
Susanna
 
 
                     Non vi celate.
 
 
Il Conte
 
  270
Taci, e cerca ch'ei parta.
 
 
(Il Conte vuol nascondersi dietro il sedile, Susanna si frappone tra il paggio e lui, il Conte la spinge dolcemente. Ella rincula, intanto il paggio passa al davanti del sedile, si mette dentro in piedi, Susanna il ricopre colla vestaglia.)
 
 
Susanna
 
 
                          Ohimè! Che fate?
 
 
SCENA VII
 
 
Detti e Basilio.
 
 
Basilio
 
 
Susanna, il ciel vi salvi: avreste a caso
 
 
veduto il Conte?
 
 
Susanna
 
 
                E cosa
 
 
deve far meco il Conte? Animo, uscite.
 
 
Basilio
 
 
Aspettate, sentite,
 
  275
Figaro di lui cerca.
 
 
Susanna
 
 
                    (Oh cieli!) Ei cerca
 
 
chi dopo voi più l'odia.
 
 
Il Conte
 
 
(Veggiam come mi serve.)
 
 
Basilio
 
 
Io non ho mai nella moral sentito
 
 
ch'uno ch'ama la moglie odi il marito.
 
  280
Per dir che il Conte v'ama…
 
 
Susanna
 
 
Sortite, vil ministro
 
 
de l'altrui sfrenatezza:
 
 
(Con risentimento.)
 
 
                        io non ho d'uopo
 
 
della vostra morale,
 
 
del Conte, del suo amor…
 
 
Basilio
 
 
                          Non c'è alcun male.
 
  285
Ha ciascun i suoi gusti: io mi credea
 
 
che preferir doveste per amante,
 
 
come fan tutte quante,
 
 
un signor liberal, prudente e saggio
 
 
a un giovinastro, a un paggio…
 
 
Susanna
 
 
(Con ansietà.)
 
 
                                A Cherubino!
 
 
Basilio
 
  290
A Cherubino! A Cherubin d'amore
 
 
ch'oggi sul far del giorno
 
 
passeggiava qui d'intorno,Mozarts Ergänzung der elidierten Präposition „d'“ (= „di“) vor „intorno“ führt zu einer metrisch überzähligen Silbe im ursprünglichen Siebensilbler des Librettos (Wien 1786): „passeggiava qui intorno,“
 
 
per entrar…
 
 
Susanna
 
 
(Con forza.)
 
 
             Uom maligno,
 
 
un'impostura è questa.
 
 
Basilio
 
  295
È un maligno con voi chi ha gli occhi in testa.
 
 
E quella canzonetta?
 
 
Ditemi in confidenza, io sono amico
 
 
ed altrui nulla dico:
 
 
è per voi, per madama…
 
 
Susanna
 
 
(Mostra dello smarrimento.)
 
  300
(Chi diavol gliel'ha detto?)
 
 
Basilio
 
 
A proposito, figlia,
 
 
istruitelo meglio: egli la guarda
 
 
a tavola sì spesso
 
 
e con tale immodestia,
 
  305
che se il Conte s'accorge… che su tal punto,Im Libretto-Erstdruck „ehi“; in Mozarts Vertonung „che“, wodurch der ursprüngliche Elfsilber „che se il Con3te s'accor6ge… Ehi, su tal pun10to,“ eine metrisch überzählige Silbe erhält.
 
 
sapete, egli è una bestia.
 
 
Susanna
 
 
                           Scellerato!
 
 
E perché andate voi
 
 
tai menzogne spargendo?
 
 
Basilio
 
 
Io! Che ingiustizia! Quel che compro io vendo.
 
  310
A quel che tutti dicono
 
 
io non ci aggiungo un pelo.
 
 
Il Conte
 
 
(Sortendo dal loco etc.)
 
 
Come! Che dicon tutti?
 
 
Basilio
 
 
                      Oh bella!
 
 
Susanna
 
 
                                                     Oh cielo!
 
speaker-icon
N° 7 Terzetto
 
 
Il Conte
 
 
(A Basilio.)
 
     
 
    Cosa sento! Tosto andate
 
 
e scacciate il seduttor.
 
 
Basilio
 
  315
In mal punto son qui giunto,
 
 
perdonate, o mio signor.
 
 
Susanna
 
     
 
    Che ruina, me meschina,
 
 
(Quasi svenuta.)Diese Szenenanweisung hat Mozart erst bei der Wiederholung des Textes eingetragen.
 
 
son oppressa dal dolor.
 
 
Il Conte, Basilio
 
 
(Sostenendola.)
 
 
Ah già svien la poverina!
 
  320
Come, oddio, le batte il cor!
 
 
Basilio
 
 
(Approssimandosi al sedile in atto di farla sedere.)
 
     
 
    Pian pianin su questo seggio.
 
 
Susanna
 
 
Dove sono!
 
 
(Rinviene.)Die Szenenanweisung (Rinviene.) hat Mozart in seiner Vertonung erst nach Susannas Ausruf „Dove sono!“ positioniert.
 
 
          Cosa veggio!
 
 
(Staccandosi da tutti due.)
 
 
Che insolenza, andate fuor.
 
 
 
 
Basilio
 
 
(Con malignità.)
 
     
 
    Siamo qui per aiutarvi,
 
  325
è sicuro il vostro onor.
 
 
Il Conte
 
 
Siamo qui per aiutarti,
 
 
non turbarti, o mio tesor.
 
 
 
 
Basilio
 
 
(Al Conte.)
 
     
 
    Ah del paggio quel che ho detto
 
 
era solo un mio sospetto.
 
 
Susanna
 
  330
È un'insidia, una perfidia,
 
 
non credete a l'impostor.
 
 
Il Conte
 
     
 
    Parta, parta il damerino!
 
 
Susanna, Basilio
 
 
Poverino!
 
 
Il Conte
 
 
(Ironicamente.)
 
 
         Poverino!
 
 
Ma da me sorpreso ancor.
 
 
Susanna
 
     
  335
    Come!Variante in den Textwiederholungen:
Che!
 
 
Basilio
 
 
         Che!Variante in den Textwiederholungen:
Come!
 
 
Il Conte
 
 
                      Da tua cugina
 
 
l'uscio ier trovai rinchiuso;
 
 
picchio, m'apre Barbarina
 
 
paurosa fuor dell'uso.
 
     
 
    Io, dal muso insospettito,
 
  340
guardo, cerco in ogni sito,
 
 
ed alzando pian pianino
 
 
il tappeto al tavolino
 
 
vedo il paggio…
 
 
(Imita il gesto colla vestaglia e scopre il paggio.)
 
 
 
 
(Con sorpresa.)
 
 
                 Ah cosa veggio!
 
 
Susanna
 
 
(Con timore.)
 
 
                                                 Ah crude stelle!
 
 
Basilio
 
 
(Con riso.)
 
 
                                                                                                                  Ah meglio ancora!
 
 
 
 
 
 
Il Conte
 
     
 
    Onestissima signora!
 
  345
Or capisco come va.
 
 
Susanna
 
 
Accader non può di peggio;Variante in den Textwiederholungen:
Accader non può di peggio, ah no;
 
 
giusti dèi! che mai sarà!
 
 
Basilio
 
 
Così fan tutte le belle;
 
 
non c'è alcuna novità.
 
 
(Al Conte con malignità.)
 
     
  350
    Ah del paggio quel che ho detto
 
 
era solo un mio sospetto.
 
 
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Il Conte
 
 
Basilio, in traccia tosto
 
 
di Figaro volate:
 
 
(Addita Cherubino che non si muove di loco.)
 
 
io vo' ch'ei veda…
 
 
Susanna
 
 
(Con vivezza.)
 
 
                    …ed io che senta: andate.
 
 
Il Conte
 
  355
Restate: che baldanza! E quale scusa,
 
 
se la colpa è evidente?
 
 
Susanna
 
 
Non ha d'uopo di scusa un'innocente.
 
 
Il Conte
 
 
Ma costui quando venne?
 
 
Susanna
 
 
                       Egli era meco
 
 
quando voi qui giungeste, e mi chiedea
 
  360
d'impegnar la padrona
 
 
a intercedergli grazia: il vostro arrivo
 
 
in scompiglio lo pose
 
 
ed allor in quel loco si nascose.
 
 
Il Conte
 
 
Ma s'io stesso m'assisi
 
  365
quando in camera entrai!
 
 
Cherubino
 
 
(Timidamente.)
 
 
Ed allorIm Libretto-Erstdruck „allora“; in Mozarts Vertonung „allor“ mit Apokope, wodurch der ursprüngliche Elfsilber „Ed allo3ra di die6tro io[7] mi cela10i.“ um eine Silbe gekürzt wird. di dietro io mi celai.
 
 
Il Conte
 
 
E quando io là mi posi?
 
 
Cherubino
 
 
Allor io pian mi volsi e qui m'ascosi.
 
 
Il Conte
 
 
(A Susanna.)
 
 
Oh cielo! Dunque ha sentito
 
  370
quello ch'io ti dicea!
 
 
Cherubino
 
 
Feci per non sentir quanto potea.
 
 
Il Conte
 
 
Oh perfidia!
 
 
Basilio
 
 
            Frenatevi: vien gente.
 
 
Il Conte
 
 
(Lo tira giù del sedile.)
 
 
E voi restate qui, picciol serpente!
 
 
SCENA VIII
 
 
Figaro con bianca veste in mano. Coro di contadine e di contadini vestiti di bianco che spargono fiori, raccolti in piccioli panieri, davanti ilConte e cantano il seguente coro.
 
speaker-icon
N° 8 Coro
 
 
Coro
 
     
 
    Giovani liete,
 
  375
fiori spargete
 
 
davanti il nobile
 
 
nostro signor.
 
     
 
    Il suo gran core
 
 
vi serba intatto
 
  380
d'un più bel fiore
 
 
l'almo candor.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Il Conte
 
 
(A Figaro con sorpresa.)
 
 
Cos'è questa comedia?
 
 
Figaro
 
 
(Piano a Susanna.)
 
 
                      (Eccoci in danza:
 
 
secondami, cor mio.)
 
 
Susanna
 
 
                    (Non ci ho speranza.)
 
 
Figaro
 
 
Signor, non isdegnate
 
  385
questo del nostro affetto
 
 
meritato tributo: or che aboliste
 
 
un diritto sì ingrato a chi ben ama…
 
 
Il Conte
 
 
Quel dritto or non v'è più; cosa si brama?
 
 
Figaro
 
 
De la vostra saggezza il primo frutto
 
  390
oggi noi coglierem: le nostre nozze
 
 
si son già stabilite; or a voi tocca
 
 
costei, che un vostro dono
 
 
illibata serbò, coprir di questa,
 
 
simbolo d'onestà, candida vesta.
 
 
Il Conte
 
  395
(Diabolica astuzia!
 
 
Ma fingere convien.) Son grato, amici,
 
 
ad un senso sì onesto!
 
 
Ma non merto per questo
 
 
né tributi né lodi, e un dritto ingiusto
 
  400
ne' miei feudi abolendo,
 
 
a natura, al dover lor dritti io rendo.
 
 
Tutti
 
 
Evviva, evviva, evviva!
 
 
Susanna
 
 
(Malignamente.)
 
 
Che virtù!
 
 
Figaro
 
 
           Che giustizia!
 
 
Il Conte
 
 
(A Figaro e Susanna.)
 
 
                                    A voi prometto
 
 
compier la cerimonia.
 
  405
Chiedo sol breve indugio: io voglio in faccia
 
 
de' miei più fidi e con più ricca pompa
 
 
rendervi appien felici.
 
 
(Marcellina si trovi.) Andate, amici.
 
 
(I contadini ripetono il coro, spargono il resto de' fiori e partono.)
 
speaker-icon
N° 9 Coro
 
 
Coro
 
     
 
    Giovani liete,
 
  410
fiori spargete
 
 
davanti il nobile
 
 
nostro signor.
 
     
 
    Il suo gran core
 
 
vi serba intatto
 
  415
d'un più bel fiore
 
 
l'almo candor.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Figaro
 
 
Evviva!
 
 
Susanna
 
 
       Evviva!
 
 
Basilio
 
 
                     Evviva!
 
 
Figaro
 
 
(A Cherubino.)
 
 
E voi non applaudite?
 
 
Susanna
 
 
È afflitto, poveretto!
 
  420
perché il padron lo scaccia dal castello.
 
 
Figaro
 
 
Ah in un giorno sì bello!
 
 
Susanna
 
 
In un giorno di nozze!
 
 
Figaro
 
 
Quando ognuno v'ammira!
 
 
Cherubino
 
 
(S'inginocchia.)
 
 
Perdono, mio signor…
 
 
Il Conte
 
 
                      Nol meritate.
 
 
Susanna
 
  425
Egli è ancora fanciullo!
 
 
Il Conte
 
 
Men di quel che tu credi.
 
 
Cherubino
 
 
È ver, mancai; ma dal mio labbro alfine…
 
 
Il Conte
 
 
(Lo alza.)
 
 
Ben ben, io vi perdono.
 
 
Anzi farò di più: vacante è un posto
 
  430
d'uffizial nel reggimento mio;
 
 
io scelgo voi, partite tosto: addio.
 
 
(Il Conte vuol partire, Susanna e Figaro l'arrestano.)
 
 
Susanna, Figaro
 
 
Ah fin domani sol…
 
 
Il Conte
 
 
                    No, parta tosto.
 
 
Cherubino
 
 
(Con passione e sospirando.)
 
 
A ubbidirvi, signor, son già disposto.
 
 
Il Conte
 
 
Via, per l'ultima volta
 
  435
la Susanna abbracciate.
 
 
(Cherubino abbraccia la Susanna che rimane confusa.)
 
 
(Inaspettato è il colpo.)
 
 
Figaro
 
 
                          Ehi capitano,
 
 
a me pure la mano…
 
 
(Piano a Cherubino.)
 
 
                    (Io vuo' parlarti
 
 
pria che tu parta.)
 
 
(Con finta gioia.)
 
 
                   Addio,
 
 
picciolo Cherubino:
 
  440
come cangia in un punto il tuo destino!
 
speaker-icon
N° 10 Aria
 
 
Figaro
 
 
(A Cherubino.)
 
     
 
    Non più andrai, farfallone amoroso,
 
 
notte e giorno d'intorno girando,
 
 
delle belle turbando il riposo,
 
 
narcisetto, adoncino d'amor.
 
     
  445
    Non più avrai questi bei pennacchini,Variante in den Textwiederholungen:
Non più avrai quei pennacchini,
 
 
quel cappello leggero e galante,Variante in den Textwiederholungen:
non più avrai quel cappello,
 
 
quella chioma, quell'aria brillante,Varianten in den Textwiederholungen:
non più avrai quella chioma,
non più avrai quell'aria brillante,
 
 
quel vermiglio, donnesco color.
 
     
 
    Tra guerrieri, poffarbacco!
 
  450
Gran mustacchi, stretto sacco,
 
 
schioppo in spalla, sciabla al fianco,
 
 
collo dritto, muso franco,
 
 
un gran casco o un gran turbante,
 
 
molto onor, poco contante,
 
  455
ed invece del fandango
 
 
una marcia per il fango,
 
 
per montagne, per valloni
 
 
con le nevi e i sollioni
 
 
al concerto di tromboni,
 
  460
di bombarde, di cannoni
 
 
che le palle in tutti i tuoni
 
 
a l'orecchio fan fischiar.
 
     
 
    Cherubino, alla vittoria,
 
 
alla gloria militar!
 
 
(Partono tutti alla militare.)
 
 
Fine dell'atto primo.