SCENA XIV
 
 
I sudetti, poi il Conte.
 
 
Figaro
 
 
(Si mette in ginocchio.)
 
     
 
    Pace, pace, mio dolce tesoro!
 
  1840
Io conobbi la voce che adoro
 
 
e che impressa ognor serbo nel cor.
 
 
Susanna
 
 
(Ridendo e con sorpresa.)
 
     
 
    La mia voce?
 
 
Figaro
 
 
                La voce che adoro.
 
 
Susanna, Figaro
 
 
Pace, pace, mio dolce tesoro,
 
 
pace, pace, mio tenero amor!
 
 
Il Conte
 
     
  1845
    Non la trovo, e girai tutto il bosco.
 
 
Susanna, Figaro
 
 
Questi è il Conte, a la voce il conosco.
 
 
Il Conte
 
 
(Parlando verso la nicchia dove entrò madama, cui apre egli stesso.)
 
 
Ehi Susanna… sei sorda… sei muta?
 
 
Susanna
 
 
Bella, bella! Non l'ha conosciuta!
 
 
Figaro
 
 
Chi?
 
 
Susanna
 
 
    Madama.
 
 
Figaro
 
 
               Madama?
 
 
Susanna
 
 
                                     Madama.
 
 
Susanna, Figaro
 
  1850
La comedia, idol mio, terminiamo,
 
 
consoliamo il bizzarro amator.
 
 
Figaro
 
 
(Si mette ai piedi di Susanna.)
 
     
 
    Sì, madama, voi siete il ben mio.
 
 
Il Conte
 
 
La mia sposa!… Ah senz'arme son io.
 
 
Figaro
 
 
Un ristoro al mio cor concedete.
 
 
Susanna
 
  1855
Io son qui, faccio quel che volete.
 
 
Il Conte
 
 
Ah ribaldi!
 
 
Susanna, Figaro
 
 
           Ah corriamo, mio bene;
 
 
e le pene compensi il piacer.
 
 
(Vanno verso la nicchia a man manca.)
 
 
(Susanna entra nella nicchia.)
 
 
Il Conte
 
     
 
    Gente, gente, a l'armi, a l'armi!
 
 
Figaro
 
 
(Finge eccessiva paura.)
 
 
Il padrone! Son perduto! Der zweite Versteil „Son perduto!“ wird von Figaro erst nach dem folgenden Vers des Conte „Gente, gente! Aiuto, aiuto!“ gesungen.
 
 
Il Conte
 
  1860
Gente, gente, aiuto, aiuto!
 
 
SCENA ULTIMA
 
 
I sudetti, Antonio, Basilio e servitoriDie ursprüngliche Angabe im Libretto-Erstdruck „coro“ ist hier, der NMA folgend, durch „servitori“ ersetzt worden. Entgegen den Angaben des Libretto-Erstdrucks besetzt Mozart im Finale der Oper kein Chor. con fiaccole accese.
 
 
Basilio, Antonio
 
 
Cosa avvenne?
 
 
Il Conte
 
 
             Il scellerato!
 
 
M'ha tradito, m'ha infamato,
 
 
e con chi state a veder.
 
 
Basilio, Antonio
 
     
 
    Son stordito, sbalordito,
 
  1865
non mi par che ciò sia ver.
 
 
Figaro
 
 
Son storditi, sbalorditi,
 
 
oh che scena, che piacer!
 
 
Il Conte
 
 
(Tira pel braccio Cherubino, che fa forza per non sortire né si vede che per metà.)
 
     
 
    Invan resistete,
 
 
uscite, madama,
 
  1870
il premio or avrete
 
 
di vostra onestà.
 
     
 
    Il paggio!
 
 
(Dopo il paggio escono Barbarina, Marcellina e Susanna, vestita cogli abiti della Contessa: si tiene il fazzoletto sulla faccia, s'inginocchia a' piedi del Conte.)
 
 
Antonio
 
 
              Mia figlia!
 
 
Figaro
 
 
Mia madre!
 
 
Basilio, Antonio, Figaro
 
 
          Madama!
 
 
Il Conte
 
 
Scoperta è la trama,
 
  1875
la perfida è qua.
 
 
(Si inginocchiano tutti ad uno ad uno.)
 
 
Susanna
 
     
 
    Perdono, perdono!
 
 
Il Conte
 
 
No no, non sperarlo.
 
 
Figaro
 
 
Perdono, perdono!
 
 
Il Conte
 
 
No no, non vuo' darlo.
 
 
Susanna, Barbarina, Marcellina, Cherubino, Basilio, Antonio, Figaro
 
     
  1880
    Perdono, perdono!
 
 
Il Conte
 
 
(Con più forza.)
 
 
No, no, no, no, no.Den ursprünglichen Sechssilbler (senario tronco) des Libretto-Erstdrucks "No, no, no, no, no." hat Mozart mit drei weiteren Wiederholungen des Wortes "no" vertont:
„No, no, no, no, no, no, no, no.“
 
 
La Contessa
 
 
(Esce dall'altra nicchia e vuole inginocchiarsi, il Conte nol permette.)
 
 
Almeno io per loro
 
 
perdono otterrò.
 
 
Basilio, il Conte, Antonio
 
     
 
    Oh cielo! Che veggio!
 
  1885
Deliro! Vaneggio!
 
 
Che creder non so.
 
 
Il Conte
 
 
(In tuon supplichevole.)
 
     
 
    Contessa, perdono!
 
 
La Contessa
 
 
Più docile io sono
 
 
e dico di sì.
 
 
Susanna, la Contessa, Barbarina, Marcellina, Cherubino, Basilio, il Conte, Antonio, Figaro
 
  1890
Ah tutti contenti
 
 
saremo così.
 
 
Susanna, la Contessa, Marcellina, Cherubino, Barbarina, Basilio, il Conte, Antonio, Figaro
 
     
 
    Questo giorno di tormenti,
 
 
di capricci e di follia
 
 
in contenti e in allegria
 
  1895
solo amor può terminar.
 
     
 
    Sposi, amici, al ballo, al gioco,
 
 
a le mine date foco,
 
 
ed al suon di lieta marcia
 
 
corriam tutti a festeggiar!
 
 
Fine dell'opera.