SCENA V
 
 
Figaro solo con mantello e lanternino notturno; poi Basilio, Bartolo e truppa di lavoratori etc.
 
 
Figaro
 
 
È Barbarina… Chi va là?
 
 
Basilio
 
 
                           Son quelli
 
  1535
che invitasti a venir.
 
 
Bartolo
 
 
(A Figaro.)
 
 
                      Che brutto ceffo!
 
 
Sembri un cospirator: che diamin sono
 
 
quegli infausti apparati?
 
 
Figaro
 
 
Lo vedrete tra poco.
 
 
In questo stesso loco
 
  1540
celebrerem la festa
 
 
de la mia sposa onesta
 
 
e del feudal signor…
 
 
Basilio
 
 
                      Ah buono, buono!
 
 
Capisco come ell'è.
 
 
(Accordati si son senza di me.)
 
 
Figaro
 
  1545
Voi da questi contorni
 
 
non vi scostate, intanto
 
 
io vado a dar certi ordini
 
 
e torno in pochi istanti:
 
 
a un fischio mio correte tutti quanti.
 
 
(Partono tutti eccettuati Bartolo e Basilio.)
 
 
SCENA VI
 
 
Basilio e Bartolo.
 
 
Basilio
 
  1550
Ha i diavoli nel corpo.
 
 
Bartolo
 
 
Ma cosa nacque?
 
 
Basilio
 
 
               Nulla:
 
 
Susanna piace al Conte, ella d'accordo
 
 
gli diè un appuntamento
 
 
che a Figaro non piace.
 
 
Bartolo
 
  1555
E che? Dunque dovria soffrirlo in pace?
 
 
Basilio
 
 
Quel che soffrono tanti
 
 
ei soffrir non potrebbe? E poi, sentite,
 
 
che guadagno può far? Nel mondo, amico,
 
 
l'accozzarla co' grandi
 
  1560
fu pericolo ognora:
 
 
dan novanta per cento e han vinto ancora.
 
speaker-icon
N° 26 Aria
 
 
Basilio
 
     
 
    In quegl'anni in cui val poco
 
 
la mal pratica ragion
 
 
ebbi anch'io lo stesso foco,
 
  1565
fui quel pazzo ch'or non son.
 
     
 
    Ché col tempo e coi perigli
 
 
donna flemma capitò,
 
 
e i capricci ed i puntigli
 
 
da la testa mi cavò.
 
     
  1570
    Presso un picciolo abituro
 
 
seco lei mi trasse un giorno
 
 
e togliendo giù dal muro
 
 
del pacifico soggiorno
 
 
una pelle di somaro:
 
  1575
"prendi", disse, "o figlio caro!"
 
 
Poi disparve e mi lasciò.
 
     
 
    Mentre ancor tacito
 
 
guardo quel dono,
 
 
il ciel s'annuvola,
 
  1580
rimbomba il tuono,
 
 
mista a la grandine
 
 
scroscia la piova:
 
 
ecco le membra
 
 
coprir mi giova
 
  1585
col manto d'asino
 
 
che mi donò.
 
     
 
    Finisce il turbine,
 
 
né fo due passi,
 
 
che fiera orribile
 
  1590
dianzi a me fassi:
 
 
già già mi tocca
 
 
l'ingorda bocca,
 
 
già di difendermi
 
 
speme non ho.
 
     
  1595
    Ma il fiuto ignobile
 
 
del mio vestito
 
 
tolse alla belva
 
 
sì l'appetito,
 
 
che disprezzandomi
 
  1600
si rinselvò.
 
     
 
    Così conoscere
 
 
mi fe' la sorte
 
 
ch'onte, pericoli,
 
 
vergogna e morte
 
  1605
col cuoio d'asino
 
 
fuggir si può.
 
 
(Partono.)
 
 
SCENA VII
 
 
Figaro solo.
 
speaker-icon
N° 27 Recitativo istromentato ed Aria
 
 
Recitativo
 
 
Figaro
 
 
Tutto è disposto: l'ora
 
 
dovrebbe esser vicina, io sento gente…
 
 
È dessa… Non è alcun… Buia è la notte…
 
  1610
Ed io comincio omai
 
 
a fare il scimunito
 
 
mestiero di marito…
 
 
Ingrata! Nel momento
 
 
de la mia cerimonia…
 
  1615
Ei godeva leggendo, e nel vederlo
 
 
io rideva di me senza saperlo.
 
 
O Susanna, Susanna,
 
 
quanta pena mi costi!
 
 
Con quell'ingenua faccia…
 
  1620
con quegli occhi innocenti…
 
 
chi creduto l'avria!
 
 
Ah che il fidarsi a donna è ognor follia!
 
 
Aria
 
 
Figaro
 
     
 
    Aprite un po' quegl'occhi,
 
 
uomini incauti e sciocchi,
 
  1625
guardate queste femmine,
 
 
guardate cosa son.
 
     
 
    Queste chiamate dèe
 
 
dagli ingannati sensi,
 
 
a cui tributa incensi
 
  1630
la debole ragion.
 
     
 
    Son streghe che incantano
 
 
per farci penar,
 
 
sirene che cantano
 
 
per farci affogar,
 
  1635
civette che allettano
 
 
per trarci le piume,
 
 
comete che brillano
 
 
per toglierci il lume;
 
 
son rose spinose,
 
  1640
son volpi vezzose,
 
 
son orse benigne,
 
 
colombe maligne,
 
 
maestre d'inganni,
 
 
amiche d'affanni,
 
  1645
che fingono, mentono,
 
 
amore non senton,
 
 
non senton pietà.Variante in den Textwiederholungen:
non senton pietà, no, no, no, no.
 
     
 
    Il resto nol dico,Variante in den Textwiederholungen:
(Il resto nol dico.)
 
 
già ognuno lo sa.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA VIII
 
 
Susanna, la Contessa travestite; Marcellina.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Susanna
 
  1650
Signora, ella mi disse
 
 
che Figaro verravvi.
 
 
Marcellina
 
 
                    Anzi è venuto:
 
 
abbassa un po' la voce.
 
 
Susanna
 
 
Dunque un ci ascolta e l'altro
 
 
dée venir a cercarmi,
 
  1655
incominciam.
 
 
Marcellina
 
 
            Io voglio qui celarmi.
 
 
(Entra dove entrò Barbarina.)
 
 
SCENA IX
 
 
I sudetti, Figaro in disparte.
 
 
Susanna
 
 
Madama, voi tremate: avreste freddo?
 
 
La Contessa
 
 
Parmi umida la notte… Io mi ritiro.
 
 
Figaro
 
 
 
 
(Eccoci de la crisi al grande istante.)
 
 
Susanna
 
 
Io sotto queste piante,
 
  1660
se madama il permette,
 
 
resto a prendere il fresco una mezz'ora.
 
 
Figaro
 
 
(Il fresco, il fresco!)
 
 
La Contessa
 
 
                       Restaci in buon'ora.
 
 
(Si nasconde.)
 
 
Susanna
 
 
(Sottovoce.)
 
 
Il birbo è in sentinella.
 
 
Divertiamci anche noi:
 
  1665
diamogli la mercé de' dubbi suoi.
 
speaker-icon
N° 28 Recitativo istromentato ed Aria
 
 
Recitativo
 
 
Susanna
 
 
Giunse alfin il momento
 
 
che godrò senz'affanno
 
 
in braccio a l'idol mio. Timide cure,
 
 
uscite dal mio petto,
 
  1670
a turbar non venite il mio diletto.
 
 
Oh come par che a l'amoroso foco
 
 
l'amenità del loco,
 
 
la terra e il ciel risponda!
 
 
Come la notte i furti miei seconda!
 
 
Aria
 
 
Susanna
 
     
  1675
    Deh vieni, non tardar, o gioia bella,
 
 
vieni ove amore per goder t'appella,
 
 
finché non splende in ciel notturna face,
 
 
finché l'aria è ancor bruna e il mondo tace.
 
     
 
    Qui mormora il ruscel, qui scherza l'aura
 
  1680
che col dolce susurro il cor ristaura;
 
 
qui ridono i fioretti e l'erba è fresca,
 
 
ai piaceri d'amor qui tutto adesca.
 
     
 
    Vieni, ben mio, tra queste piante ascose:Variante in den Textwiederholungen:
Vieni, vieni,
ti vo' la fronte incoronar di rose.
 
 
ti vo' la fronte incoronar di rose.
 
speaker-icon
N° 28a Recitativo e Rondò
 
 
Recitativo
 
 
Susanna
 
  1685
Or che farò, infelice?
 
 
Da chi sperar consiglio
 
 
e a qual pronto partito ora m'appiglio?
 
 
Recarlo sol potrebbe… Sì, ei solo
 
 
come fedele amante
 
  1690
aiutarmi potrebbe in questo istante;
 
 
ma dove mai si cela,
 
 
ove trovarlo adesso?
 
 
Oh ciel, perché non viene
 
 
a consolare un cor che vive in pene?
 
 
Rondò
 
 
Susanna
 
     
  1695
    Al desio di chi t'adora
 
 
vieni, vola, o mia speranza!
 
 
Morirò se indarno ancora
 
 
tu mi lasci sospirar.
 
     
 
    Le promesse, i giuramenti
 
  1700
deh rammenta, o mio tesoro!
 
 
E i momenti di ristoro
 
 
che mi fece amor sperar.Im Klavierauszug von No. 28a Rondò „Al desio di chi t’adora“ KV 577 (Susanna) in der Handschrift eines Wiener Berufskopisten sowie mit Mozarts autographer Eintragung der Kadenz ist das Wort „sperar“ bei der letzten Textwiederholung zu „amar“ geändert worden, vielleicht von Mozarts Hand. Vgl. dazu Ulrich Leisinger, Kritischer Bericht (Neue Mozart Ausgabe, Serie II: Bühnenwerke 5/16), Kassel 2007, S. 249.)
 
     
 
    Ah ch'omai più non resisto
 
 
all'ardor che il sen m'accende!
 
  1705
Chi d'amor gli affetti intende,
 
 
compatisca il mio penar.
 
 
 
 
SCENA X
 
 
I sudetti e poi Cherubino.
 
 
Figaro
 
 
Perfida! E in quella forma
 
 
meco mentia? Non so s'io vegli o dorma.
 
 
Cherubino
 
 
(Cantando.)
 
 
La la la la la la la la lera.
 
     
  1710
    Voi che intendete
 
 
che cosa è amor,
 
 
donne, vedete
 
 
s'io l'ho nel cor.
 
 
La Contessa
 
 
Il picciol paggio!
 
 
Cherubino
 
 
                  Io sento gente: entriamo
 
  1715
ove entrò Barbarina.
 
 
Oh vedo qui una donna!
 
 
La Contessa
 
 
                      Ahi, me meschina!
 
 
Cherubino
 
 
M'inganno? A quel cappello
 
 
che nell'ombra vegg'io parmi Susanna!
 
 
La Contessa
 
 
E se il Conte ora vien? Sorte tiranna!
 
 
SCENA XI
 
 
La Contessa, Susanna, il Conte, Cherubino, Figaro.
 
speaker-icon
N° 29 Finale
 
 
Cherubino
 
     
  1720
    Pian pianin le andrò più presso,
 
 
tempo perso non sarà.
 
 
La Contessa
 
 
(Ah se il Conte arriva adesso
 
 
qualche imbroglio accaderà!)
 
 
Cherubino
 
 
(Alla Contessa.)
 
     
 
    Susannetta… Non risponde…
 
  1725
Colla mano il volto asconde…
 
 
Or la burlo, in verità.
 
 
(Le prende la mano e l'accarezza.)
 
 
 
 
La Contessa
 
 
(Cerca liberarsi, alterando la voce a tempo.)
 
     
 
    Arditello, sfacciatello,
 
 
ite presto via di qua.
 
 
Cherubino
 
 
Smorfiosa, maliziosa,
 
  1730
io già so perché sei qua.Variante in den Textwiederholungen:
io so sì perché sei qua.
 
 
 
 
Il Conte
 
 
(Da lontano, in atteggiamento d'uno che guarda.)
 
     
 
    Ecco qui la mia Susanna.
 
 
Susanna, Figaro
 
 
(Da lontano.)
 
 
Ecco qui l'uccellatore.
 
 
Cherubino
 
 
Non far meco la tiranna.
 
 
Susanna, il Conte, Figaro
 
 
Ah nel sen mi batte il core!
 
  1735
Un altr'uom con lei si sta.
 
 
La Contessa
 
     
 
    Via, partite, o chiamo gente.
 
 
Cherubino
 
 
(Sempre tenendola per la mano.)
 
 
Dammi un bacio, o non fai niente.
 
 
Susanna, il Conte, Figaro
 
 
Alla voce è quegli il paggio.
 
 
La Contessa
 
 
Anche un bacio, che coraggio!
 
 
Cherubino
 
     
  1740
    E perché far io non posso
 
 
quel che il Conte or or farà?
 
 
Susanna, la Contessa, il Conte, Figaro
 
 
(Tutti da sé.)
 
 
Temerario!
 
 
Cherubino
 
 
          Oh ve' che smorfie!
 
 
Sai ch'io fui dietro il sofà.
 
 
Susanna, la Contessa, il Conte, Figaro
 
 
(Come sopra.)
 
     
 
    Se il ribaldo ancor sta saldo
 
  1745
la faccenda guasterà.
 
 
Cherubino
 
 
(Volendo dar un bacio alla Contessa.)
 
 
Prendi intanto…
 
 
(Il Conte, mettendosi tra la Contessa ed il paggio, riceve il bacio egli stesso.)
 
 
La Contessa, Cherubino
 
 
                 Oh cielo! Il Conte!
 
 
(Il paggio entra da Barbarina.)
 
 
Figaro
 
 
(Appressandosi al Conte.)
 
 
Vo' veder cosa fan là.
 
 
Il Conte
 
 
(Crede di dar un schiaffo al paggio e lo dà a Figaro.)
 
     
 
    Perché voi nol ripetete,
 
 
ricevete questo qua.
 
 
Figaro
 
  1750
Ah ci ho fatto un bel guadagno
 
 
colla mia curiosità!Variante in den Textwiederholungen:
colla mia curiosità, ah!
 
 
(Si ritira.)
 
 
Susanna, la Contessa, il Conte
 
 
(Susanna, ch'ode lo schiaffo, ride.)
 
 
Ah ci ha fatto un bel guadagno
 
 
colla sua curiosità|temerità!Variante in den Textwiederholungen:
colla sua curiosità|temerità, ah!
 
 
SCENA XII
 
 
Il Conte, Susanna, Figaro, la Contessa.
 
 
Il Conte
 
 
(Alla Contessa.)
 
     
 
    Partito è alfin l'audace.
 
  1755
Accostati, ben mio.
 
 
La Contessa
 
 
Giacché così vi piace,
 
 
eccomi qui, signor.
 
 
Figaro
 
 
Che compiacente femmina!
 
 
Che sposa di bon cor!
 
 
Il Conte
 
     
  1760
    Porgimi la manina.
 
 
La Contessa
 
 
Io ve la do.
 
 
Il Conte, Figaro
 
 
            Carina!
 
 
 
 
Il Conte
 
 
Che dita tenerelle!
 
 
Che delicata pelle!
 
 
Mi pizzica, mi stuzzica,
 
  1765
m'empie d'un nuovo ardor.
 
 
Susanna, la Contessa, Figaro
 
     
 
    La cieca prevenzione
 
 
delude la ragione,
 
 
inganna i sensi ognor.
 
 
 
 
Il Conte
 
 
(Le dà un anello.)
 
     
 
    Oltre la dote, o cara,
 
  1770
ricevi anco un brillante
 
 
che a te porge un amante
 
 
in pegno del suo amor.
 
 
La Contessa
 
     
 
    Tutto Susanna piglia
 
 
dal suo benefattor.
 
 
Susanna, il Conte, Figaro
 
  1775
Va tutto a maraviglia!
 
 
Ma il meglio manca ancor.
 
 
La Contessa
 
 
(Al Conte.)
 
     
 
    Signor, d'accese fiaccole
 
 
io veggio il balenar.
 
 
 
 
Il Conte
 
 
Entriam, mia bella Venere,
 
  1780
andiamoci a celar.
 
 
Susanna, Figaro
 
 
Mariti scimuniti,
 
 
venite ad imparar.
 
 
 
 
La Contessa
 
     
 
    Al buio, signor mio?
 
 
Il Conte
 
 
È quello che vogl'io:
 
  1785
tu sai che là per leggere
 
 
io non desio d'entrar.
 
 
 
 
Figaro
 
     
 
    La perfida lo seguita,
 
 
è vano il dubitar.
 
 
Susanna, la Contessa
 
 
I furbi sono in trappola,
 
  1790
camina ben l'affar.
 
 
 
 
Il Conte
 
 
(Figaro passa, il Conte con voce alterata.)
 
     
 
    Chi passa?
 
 
Figaro
 
 
(Con rabbia.)
 
 
              Passa gente.
 
 
 
 
La Contessa
 
 
È Figaro: men vo.
 
 
(Entra a man destra.)
 
 
Il Conte
 
 
Andate: io poi verrò.
 
 
(Si disperde pel bosco.)
 
 
 
 
SCENA XIII
 
 
Figaro e Susanna.
 
 
Figaro
 
     
 
    Tutto è tranquillo e placido;
 
  1795
entrò la bella Venere;
 
 
col vago Marte prendere,
 
 
nuovo Vulcan del secolo,
 
 
in rete la potrò.
 
 
Susanna
 
 
(Cangiando la voce.)
 
     
 
    Ehi Figaro, tacete.
 
 
Figaro
 
  1800
Oh questa è la Contessa…
 
 
A tempo qui giungete…
 
 
Vedrete là voi stessa…
 
 
Il Conte e la mia sposa…
 
 
Di propria man la cosa
 
  1805
toccar io vi farò.
 
 
Susanna
 
 
(Si dimentica di alterar la voce.)
 
     
 
    Parlate un po' più basso:
 
 
di qua non muovo passo,
 
 
ma vendicar mi vo'.
 
 
Figaro
 
     
 
    (Susanna!) Vendicarsi?
 
 
Susanna
 
  1810
Sì.
 
 
Figaro
 
 
    Come potria farsi?
 
 
 
 
Susanna
 
 
(L'iniquo io vo' sorprendere,
 
 
poi so quel che farò.)
 
 
Figaro
 
 
(La volpe vuol sorprendermi
 
 
e secondar la vo'.)
 
 
 
 
Figaro
 
 
(Con comica affettazione.)
 
     
  1815
    Ah se madama il vuole!Variante in den Textwiederholungen:
Ah madama!
 
 
Susanna
 
 
Su via, manco parole.
 
 
Figaro
 
 
(Come sopra.)
 
 
Eccomi a' vostri piedi…
 
 
Ho pieno il cor di foco…
 
 
Esaminate il loco…
 
  1820
Pensate al traditor.
 
 
 
 
Susanna
 
     
 
    (Come la man mi pizzica!
 
 
Che smania! Che furor!)
 
 
Figaro
 
 
(Come il polmon mi s'altera!
 
 
Che smania! Che calor!)Variante in den Textwiederholungen:
Oh che calor!)
 
 
 
 
Susanna
 
 
(Alterando un poco la voce.)
 
     
  1825
    E senz'alcun affetto?
 
 
Figaro
 
 
Suppliscavi il dispetto.
 
 
Non perdiam tempo invano,
 
 
(Si frega le mani.)
 
 
datemi un po' la mano…Variante in den Textwiederholungen:
datemi un po'…
 
 
Susanna
 
 
(Parlando in voce naturale, gli dà uno schiaffo.)
 
 
Servitevi, signor.
 
 
Figaro
 
     
  1830
    Che schiaffo!Variante in den Textwiederholungen:

SUSANNA
Che schiaffo!
 
 
Susanna
 
 
(Lo schiaffeggia a tempo.)
 
 
                 E ancora questoDen zweiten Teil des gebrochenen Verses (verso spezzato) hat Mozart mit folgendem Text vertont:
„E questo e ancora questo“.
 
 
e questo e poi quest'altro.
 
 
Figaro
 
 
Non batter così presto.
 
 
Susanna
 
 
E questo, signor scaltro,
 
 
e qui quest'altro ancor.Den ursprünglichen Siebensilber des Libretto-Erstdrucks hat Mozart mit folgendem Text vertont:
„e questo e qui quest’altro ancor.“
 
 
 
 
Figaro
 
     
  1835
    Oh schiaffi graziosissimi,
 
 
oh mio felice amor!
 
 
Susanna
 
 
Impara, impara, o perfido,
 
 
a fare il seduttor.
 
 
 
 
SCENA XIV
 
 
I sudetti, poi il Conte.
 
 
Figaro
 
 
(Si mette in ginocchio.)
 
     
 
    Pace, pace, mio dolce tesoro!
 
  1840
Io conobbi la voce che adoro
 
 
e che impressa ognor serbo nel cor.
 
 
Susanna
 
 
(Ridendo e con sorpresa.)
 
     
 
    La mia voce?
 
 
Figaro
 
 
                La voce che adoro.
 
 
Susanna, Figaro
 
 
Pace, pace, mio dolce tesoro,
 
 
pace, pace, mio tenero amor!
 
 
Il Conte
 
     
  1845
    Non la trovo, e girai tutto il bosco.
 
 
Susanna, Figaro
 
 
Questi è il Conte, a la voce il conosco.
 
 
Il Conte
 
 
(Parlando verso la nicchia dove entrò madama, cui apre egli stesso.)
 
 
Ehi Susanna… sei sorda… sei muta?
 
 
Susanna
 
 
Bella, bella! Non l'ha conosciuta!
 
 
Figaro
 
 
Chi?
 
 
Susanna
 
 
    Madama.
 
 
Figaro
 
 
               Madama?
 
 
Susanna
 
 
                                     Madama.
 
 
Susanna, Figaro
 
  1850
La comedia, idol mio, terminiamo,
 
 
consoliamo il bizzarro amator.
 
 
Figaro
 
 
(Si mette ai piedi di Susanna.)
 
     
 
    Sì, madama, voi siete il ben mio.
 
 
Il Conte
 
 
La mia sposa!… Ah senz'arme son io.
 
 
Figaro
 
 
Un ristoro al mio cor concedete.
 
 
Susanna
 
  1855
Io son qui, faccio quel che volete.
 
 
Il Conte
 
 
Ah ribaldi!
 
 
Susanna, Figaro
 
 
           Ah corriamo, mio bene;
 
 
e le pene compensi il piacer.
 
 
(Vanno verso la nicchia a man manca.)
 
 
(Susanna entra nella nicchia.)
 
 
Il Conte
 
     
 
    Gente, gente, a l'armi, a l'armi!
 
 
Figaro
 
 
(Finge eccessiva paura.)
 
 
Il padrone! Son perduto! Der zweite Versteil „Son perduto!“ wird von Figaro erst nach dem folgenden Vers des Conte „Gente, gente! Aiuto, aiuto!“ gesungen.
 
 
Il Conte
 
  1860
Gente, gente, aiuto, aiuto!
 
 
SCENA ULTIMA
 
 
I sudetti, Antonio, Basilio e servitoriDie ursprüngliche Angabe im Libretto-Erstdruck „coro“ ist hier, der NMA folgend, durch „servitori“ ersetzt worden. Entgegen den Angaben des Libretto-Erstdrucks besetzt Mozart im Finale der Oper kein Chor. con fiaccole accese.
 
 
Basilio, Antonio
 
 
Cosa avvenne?
 
 
Il Conte
 
 
             Il scellerato!
 
 
M'ha tradito, m'ha infamato,
 
 
e con chi state a veder.
 
 
Basilio, Antonio
 
     
 
    Son stordito, sbalordito,
 
  1865
non mi par che ciò sia ver.
 
 
Figaro
 
 
Son storditi, sbalorditi,
 
 
oh che scena, che piacer!
 
 
Il Conte
 
 
(Tira pel braccio Cherubino, che fa forza per non sortire né si vede che per metà.)
 
     
 
    Invan resistete,
 
 
uscite, madama,
 
  1870
il premio or avrete
 
 
di vostra onestà.
 
     
 
    Il paggio!
 
 
(Dopo il paggio escono Barbarina, Marcellina e Susanna, vestita cogli abiti della Contessa: si tiene il fazzoletto sulla faccia, s'inginocchia a' piedi del Conte.)
 
 
Antonio
 
 
              Mia figlia!
 
 
Figaro
 
 
Mia madre!
 
 
Basilio, Antonio, Figaro
 
 
          Madama!
 
 
Il Conte
 
 
Scoperta è la trama,
 
  1875
la perfida è qua.
 
 
(Si inginocchiano tutti ad uno ad uno.)
 
 
Susanna
 
     
 
    Perdono, perdono!
 
 
Il Conte
 
 
No no, non sperarlo.
 
 
Figaro
 
 
Perdono, perdono!
 
 
Il Conte
 
 
No no, non vuo' darlo.
 
 
Susanna, Barbarina, Marcellina, Cherubino, Basilio, Antonio, Figaro
 
     
  1880
    Perdono, perdono!
 
 
Il Conte
 
 
(Con più forza.)
 
 
No, no, no, no, no.Den ursprünglichen Sechssilbler (senario tronco) des Libretto-Erstdrucks "No, no, no, no, no." hat Mozart mit drei weiteren Wiederholungen des Wortes "no" vertont:
„No, no, no, no, no, no, no, no.“
 
 
La Contessa
 
 
(Esce dall'altra nicchia e vuole inginocchiarsi, il Conte nol permette.)
 
 
Almeno io per loro
 
 
perdono otterrò.
 
 
Basilio, il Conte, Antonio
 
     
 
    Oh cielo! Che veggio!
 
  1885
Deliro! Vaneggio!
 
 
Che creder non so.
 
 
Il Conte
 
 
(In tuon supplichevole.)
 
     
 
    Contessa, perdono!
 
 
La Contessa
 
 
Più docile io sono
 
 
e dico di sì.
 
 
Susanna, la Contessa, Barbarina, Marcellina, Cherubino, Basilio, il Conte, Antonio, Figaro
 
  1890
Ah tutti contenti
 
 
saremo così.
 
 
Susanna, la Contessa, Marcellina, Cherubino, Barbarina, Basilio, il Conte, Antonio, Figaro
 
     
 
    Questo giorno di tormenti,
 
 
di capricci e di follia
 
 
in contenti e in allegria
 
  1895
solo amor può terminar.
 
     
 
    Sposi, amici, al ballo, al gioco,
 
 
a le mine date foco,
 
 
ed al suon di lieta marcia
 
 
corriam tutti a festeggiar!
 
 
Fine dell'opera.