SCENA XI ED ULTIMA
 
 
I sudetti, Marcellina, Bartolo e Basilio.
 
 
Marcellina, Basilio, Bartolo
 
 
(Al Conte.)
 
     
 
    Voi, signor, che giusto siete,
 
  1040
ci dovete or ascoltar.
 
 
 
 
Il Conte
 
 
(Da sé.)
 
 
Son venuti a vendicarmi,
 
 
io mi sento a consolar.
 
 
Susanna, la Contessa, Figaro
 
 
(Da sé.)
 
 
Son venuti a sconcertarmi,
 
 
qual rimedio ritrovar?
 
 
 
 
Figaro
 
 
(Al Conte.)
 
     
  1045
    Son tre stolidi, tre pazzi;
 
 
cosa mai vengono a far?
 
 
Il Conte
 
 
Pian pianin, senza schiamazzi
 
 
dica ognun quel che gli par.
 
 
Marcellina
 
     
 
    Un impegno nuziale
 
  1050
ha costui con me contratto:
 
 
e pretendo che il contratto
 
 
deva meco effettuar.
 
 
Susanna, la Contessa, Figaro
 
 
Come! Come!
 
 
Il Conte
 
 
           Olà, silenzio:
 
 
io son qui per giudicar.
 
 
Bartolo
 
     
  1055
    Io, da lei scelto avvocato,
 
 
vengo a far le sue difese,
 
 
le legitime pretese
 
 
io qui vengo a palesar.
 
 
Susanna, la Contessa, Figaro
 
 
È un birbante!…
 
 
Il Conte
 
 
                  Olà, silenzio:
 
  1060
io son qui per giudicar.
 
 
Basilio
 
     
 
    Io, com'uom al mondo cognito,
 
 
vengo qui per testimonio
 
 
del promesso matrimonio
 
 
con prestanza di danar.
 
 
 
 
Susanna, la Contessa, Figaro
 
     
  1065
    Son tre matti.
 
 
Il Conte
 
 
                  Lo vedremo:
 
 
il contratto leggeremo,
 
 
tutto in ordin deve andar.
 
 

Tutti.
 
 
 
 
Susanna, la Contessa, Figaro
 
     
 
    Son confusa|confuso, son stordita|stordito,
 
  1070
disperata|disperato, sbalordita|sbalordito.
 
 
Certo un diavol dell'infernoVariante in den Textwiederholungen:
Certo un diavol
qui li ha fatti capitar.
 
 
qui li ha fatti capitar.
 
 
Marcellina, Basilio, Bartolo, il Conte
 
     
 
    Che bel colpo, che bel caso!
 
 
È cresciuto a tutti il naso.
 
  1075
Qualche nume a noi propizio
 
 
qui ci|li ha fatti capitar.
 
 
 
 
Fine del secondo atto.