ATTO PRIMO
 
 
Appartamenti d’Ilia nel palazzo reale. In fondo al prospetto una galleria.
 
 
SCENA I
 
 
Ilia sola.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ilia
 
 
Quando avran fine ormai
 
 
l’aspre sventure mie?…
 
 
                      Ilia infelice,
 
 
di tempesta crudel misero avanzo,
 
 
del genitor e de’ germani priva,
 
  5
del barbaro nemico
 
 
misto col sangue il sangue
 
 
vittime generose,
 
 
a qual sorte più rea
 
 
ti riserbano i numi?…
 
  10
Pur vendicaste voi
 
 
di Priamo e di Troia i danni e l’onte:
 
 
perì la flotta argiva, e Idomeneo
 
 
pasto forse sarà d’orca vorace…
 
 
Ma che mi giova, oh ciel! se al primo aspetto
 
  15
di quel prode Idamante,
 
 
che all’onde mi rapì, l’odio deposi,
 
 
e pria fu schiavo il cor che m’accorgessi
 
 
d’essere prigioniera!
 
 
Ah qual contrasto, oh dio! d’opposti affetti
 
  20
mi destate nel sen, odio ed amore!…
 
 
Vendetta deggio a chi mi diè la vita,
 
 
gratitudine a chi vita mi rende…
 
 
Oh Ilia, oh genitor, oh prence, oh sorte!
 
 
Oh vita sventurata, oh dolce morte!
 
  25
Ma che? M’ama Idamante?… Ah no, l’ingrato
 
 
per Elettra sospira, e quell’Elettra,
 
 
meschina principessa, esule d’Argo,
 
 
d’Oreste alle sciagure a queste arene
 
 
fuggitiva, raminga, è mia rivale.
 
  30
Quanti mi siete intorno
 
 
carnefici spietati?… Orsù, sbranate,
 
 
vendetta, gelosia, odio ed amore,
 
 
sbranate, sì, quest’infelice core!
 
speaker-icon
No 1 Aria
 
 
Ilia
 
     
 
    Padre, germani, addio!
 
  35
Voi foste, io vi perdei.
 
 
Grecia, cagion tu sei,
 
 
e un greco adorerò?
 
     
 
    D’ingrata al sangue mio
 
 
so che la colpa avrei,
 
  40
ma quel sembiante, oh dèi!
 
 
odiare ancor non so.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ilia
 
 
Ecco, Idamante, ahimè!
 
 
sen vien. Misero core,
 
 
tu palpiti e paventi.
 
  45
Deh cessate per poco, o miei tormenti!
 
 
SCENA II
 
 
Idamante, Ilia. Seguito d’Idamante.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Idamante
 
 
(Al seguito.)
 
 
Radunate i troiani, ite, e la corte
 
 
sia pronta questo giorno a celebrar.
 
 
(A Ilia.)
 
 
Di dolce speme a un raggio
 
 
scema il mio duol. Minerva, della Grecia
 
  50
protettrice, involò al furor dell’onde
 
 
il padre mio. In mar di qui non lunge
 
 
comparser le sue navi. Indaga, Arbace,
 
 
il sito che a noi toglie
 
 
l’augusto aspetto.
 
 
Ilia
 
 
(Con ironia.)
 
 
                  Non temer: difesa
 
  55
da Minerva è la Grecia, e tutta ormai
 
 
scoppiò sovra i troian l’ira de’ numi.
 
 
Idamante
 
 
Del fato de’ troian più non dolerti;
 
 
farà il figlio per lor quanto farebbe
 
 
il genitor e ogn’altro
 
  60
vincitor generoso. Ecco, abbian fine,
 
 
principessa, i lor guai:
 
 
rendo lor libertade, e ormai fra noi
 
 
sol prigioniero fia, sol fia chi porte
 
 
che tua beltà legò care ritorte.
 
 
Ilia
 
  65
Signor, che ascolto? Non saziaro ancora
 
 
d’implacabili dèi l’odio, lo sdegno,
 
 
d’Ilio le gloriose
 
 
or diroccate mura, ah non più mura,
 
 
ma vasto e piano suol? A eterno pianto
 
  70
dannate son le nostre egre pupille?
 
 
Idamante
 
 
Venere noi punì, di noi trionfa.
 
 
Quanto il mio genitor, ahi rimembranza!
 
 
soffrì de’ flutti in sen? Agamennone,
 
 
vittima in Argo alfin, a caro prezzo
 
  75
comprò que’ suoi trofei, e non contenta
 
 
di tante stragi ancor la dea nemica
 
 
che fe’? Il mio cor trafisse,
 
 
Ilia, co’ tuoi bei lumi
 
 
più possenti de’ suoi,
 
  80
e in me vendica adesso i danni tuoi.
 
 
Ilia
 
 
Che dici?
 
 
Idamante
 
 
         Sì, di Citerea il figlio
 
 
incogniti tormenti
 
 
stillommi in petto; a te pianto e scompiglio
 
 
Marte portò, cercò vendetta Amore
 
  85
in me de’ mali tuoi, quei vaghi rai,
 
 
quei tuoi vezzi adoprò… Ma all’amor mio
 
 
d’ira e rossor tu avvampi?
 
 
Ilia
 
 
                          In questi accenti
 
 
mal soffro un temerario ardir. Deh pensa,
 
 
pensa, Idamante, oh dio!
 
  90
il padre tuo qual è, qual era il mio.
 
speaker-icon
No 2 Aria
 
 
Idamante
 
     
 
    Non ho colpa, e mi condanni,
 
 
idol mio, perché t’adoro.
 
 
Colpa è vostra, o dèi tiranni,
 
 
e di pena afflitto io moro
 
  95
d’un error che mio non è.
 
     
 
    Se tu il brami, al tuo impero
 
 
aprirommi questo seno.
 
 
Ne’ tuoi lumi il leggo, è vero,
 
 
ma mel dica il labro almeno,
 
  100
e non chiedo altra mercé.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ilia
 
 
(Vede condurre i prigionieri.)
 
 
Ecco il misero resto de’ troiani,
 
 
da nemico furor salvi.
 
 
Idamante
 
 
                      Or quei ceppi
 
 
io romperò, vuo’ consolarli adesso.
 
 
 
 
(Ahi! Perché tanto far non so a me stesso?)
 
 
SCENA III
 
 
Idamante, Ilia. Troiani prigionieri, uomini e donne cretesi.
 
 
Idamante
 
  105
Scingete le catene,
 
 
(Si levano a’ prigionieri le catene, li quali dimostrano gratitudine.)
 
 
                   ed oggi il mondo,
 
 
o fedele Sidon suddita nostra,
 
 
vegga due gloriosi
 
 
popoli in dolce nodo avvinti e stretti
 
 
di perfetta amistà.
 
  110
Elena armò la Grecia e l’Asia, ed ora
 
 
disarma e riunisce ed Asia e Grecia
 
 
eroina novella,
 
 
principessa più amabile e più bella.
 
speaker-icon
No 3 Coro
 
 
Tutti
 
     
 
    Godiam la pace,
 
  115
trionfi Amore:
 
 
ora ogni core
 
 
giubilerà.
 
 
Due Cretesi
 
     
 
    Grazie a chi estinse
 
 
face di guerra:
 
  120
or sì la terra
 
 
riposo avrà.
 
 
Tutti
 
     
 
    Godiam la pace,
 
 
trionfi Amore:
 
 
ora ogni core
 
  125
giubilerà.
 
 
Due Troiani
 
     
 
    A voi dobbiamo,
 
 
pietosi numi,
 
 
e a quei bei lumi
 
 
la libertà.
 
 
Tutti
 
     
  130
    Godiam la pace,
 
 
trionfi Amore:
 
 
ora ogni core
 
 
giubilerà.
 
 
SCENA IV
 
 
Elettra e detti.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Elettra
 
 
(Agitata da gelosia.)
 
 
Prence, signor, tutta la Grecia oltraggi:
 
  135
tu proteggi il nemico.
 
 
Idamante
 
 
Veder basti alla Grecia
 
 
vinto il nemico. Opra di me più degna
 
 
a mirar s’apparecchi, o principessa:
 
 
vegga il vinto felice.
 
 
(Vede venire Arbace.)
 
 
                      Arbace viene.
 
 
SCENA V
 
 
Arbace e detti. (Arbace è mesto.)
 
 
Idamante
 
 
(Timoroso.)
 
  140
Ma quel pianto ch’annunzia?
 
 
Arbace
 
 
                           Mio signore,
 
 
de’ mali il più terribil…
 
 
Idamante
 
 
(Ansioso.)
 
 
                          Più non vive
 
 
il genitor?
 
 
Arbace
 
 
           Non vive: quel che Marte
 
 
far non poté finor, fece Nettuno,
 
 
l’inesorabil nume,
 
  145
e degl’eroi il più degno, ora il riseppi,
 
 
presso a straniera sponda
 
 
affogato morì.
 
 
Idamante
 
 
              Ilia, de’ viventi
 
 
eccoti il più meschin.
 
 
                      Or sì dal cielo
 
 
sodisfatta sarai…
 
 
                  Barbaro fato!…
 
  150
Corrasi al lido… Ahimè! Son disperato!
 
 
(Parte.)
 
 
Ilia
 
 
Dell’Asia i danni ancora
 
 
troppo risento, e pur d’un grand’eroe
 
 
al nome, al caso, il cor parmi commosso,
 
 
e negargli i sospir, ah no, non posso.
 
 
(Parte sospirando.)
 
 
SCENA VI
 
 
Elettra sola.
 
 
Elettra
 
  155
Estinto è Idomeneo?… Tutto a’ miei danni,
 
 
tutto congiura il ciel. Può a suo talento
 
 
Idamante disporre
 
 
d’un impero e del cor, e a me non resta
 
 
ombra di speme?…
 
 
                A mio dispetto, ahi lassa!
 
  160
vedrò, vedrà la Grecia a suo gran scorno
 
 
una schiava troiana di quel soglio
 
 
e del talamo a parte…
 
 
                     Invano, Elettra,
 
 
ami l’ingrato… E soffre
 
 
una figlia d’un re, ch’ha re vassalli,
 
  165
ch’una vil schiava aspiri al grand’acquisto?…
 
 
Oh sdegno, oh smanie, oh duol!… Più non resisto.
 
speaker-icon
No 4 Aria
 
 
Elettra
 
     
 
    Tutte nel cor vi sento,
 
 
furie del crudo averno,
 
 
lunge a sì gran tormento
 
  170
amor, mercé, pietà.
 
     
 
    Chi mi rubò quel core,
 
 
quel che tradito ha il mio,
 
 
provin dal mio furore
 
 
vendetta e crudeltà.
 
 
(Parte.)
 
 
Spiagge del mare ancora agitato, attorniate da dirupi. Rottami di navi sul lido.
 
 
SCENA VII
 
speaker-icon
No 5 Coro
 
 
 
 
Coro vicino
 
 
 
     
  175
    Pietà, numi, pietà!
 
 
Aiuto, o giusti numi!
 
 
A noi volgete i lumi…
 
 
Coro lontano
 
 
 
     
 
    Pietà, numi, pietà!
 
 
Il ciel, il mare, il vento
 
  180
ci opprimon di spavento…
 
 
Coro vicino
 
 
 
     
 
    Pietà, numi, pietà!
 
 
In braccio a cruda morte
 
 
ci spinge l’empia sorte…
 
 
Coro
 
 
 
     
 
    Pietà, pietà, pietà!|Pietà, numi, pietà!
 
 
SCENA VIII
 
speaker-icon
Pantomima
 
 
Nettuno comparisce sul mare. Fa cenno a’ venti di ritirarsi alle loro spelonche. Il mare a poco a poco si calma. Idomeneo, vedendo il dio del mare, implora la sua potenza. Nettuno riguardandolo con occhio torvo e minaccevole si tuffa nell’onde e sparisce.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Idomeneo con seguito.
 
 
Idomeneo
 
 
(Al suo seguito.)
 
  185
Eccoci salvi alfin. O voi, di Marte
 
 
e di Nettuno all’ire,
 
 
alle vittorie, ai stenti
 
 
fidi seguaci miei,
 
 
lasciatemi per poco
 
  190
qui solo respirar e al ciel natio
 
 
confidar il passato affanno mio.
 
 
SCENA IX
 
 
(Il seguito si ritira ed Idomeneo solo s’inoltra sul lido contemplando.)
 
 
Idomeneo
 
 
Tranquillo è il mar, aura soave spira
 
 
di dolce calma, e le cerulee sponde
 
 
il biondo dio indora. Ovunque io miro,
 
  195
tutto di pace in sen riposa e gode.
 
 
Io sol, io sol su queste aride spiagge,
 
 
d’affanno e da disagio estenuato,
 
 
quella calma, o Nettuno, in me non provo
 
 
che al tuo regno impetrai.
 
  200
In mezzo a flutti e scogli
 
 
dall’ira tua sedotto, a te lo scampo
 
 
dal naufragio chiedei, e in olocausto
 
 
il primo de’ mortali, che qui intorno
 
 
infelice s’aggiri, all’are tue
 
  205
pien di terror promisi.
 
 
                       All’empio voto
 
 
eccomi in salvo, sì, ma non in pace…
 
 
Ma son pur quelle, oh dio! le care mura
 
 
dove la prima io trassi aura vitale?…
 
 
Lungi da sì gran tempo, ah con qual core
 
  210
ora vi rivedrò, se, appena in seno
 
 
da voi accolto, un misero innocente
 
 
dovrò svenar…
 
 
             Oh voto insano, atroce!
 
 
Giuramento crudel! Ah qual de’ numi
 
 
mi serba ancor in vita,
 
  215
o qual di voi mi porge almen aita?
 
speaker-icon
No 6 Aria
 
 
Idomeneo
 
     
 
    Vedrommi intorno
 
 
l’ombra dolente
 
 
che notte e giorno:
 
 
"sono innocente"
 
  220
m’accennerà.
 
     
 
    Nel sen trafitto,
 
 
nel corpo esangue
 
 
il mio delitto,
 
 
lo sparso sangue
 
  225
m’additerà.
 
     
 
    Qual spavento!
 
 
Qual dolore!
 
 
Di tormento
 
 
questo core
 
  230
quante volte
 
 
morirà!
 
 
(Vede un uomo che s’avvicina.)
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Idomeneo
 
 
Cieli! Che veggo? Ecco, la sventurata
 
 
vittima, ahimè! s’appressa…
 
 
                           Oh qual dolore
 
 
mostra quel ciglio! Mi si gela il sangue…
 
  235
Fremo d’orror… E vi fia grata, o numi,
 
 
legittima vi sembra
 
 
ostia umana innocente?…
 
 
                       E queste mani
 
 
le ministre saran?… Mani esecrande!
 
 
Barbari, ingiusti numi! Are nefande!
 
 
SCENA X
 
 
Idamante, Idomeneo in disparte.
 
 
Idamante
 
  240
Spiagge romite e voi scoscese rupi,
 
 
testimoni al mio duol siate e cortesi
 
 
di questo vostro albergo
 
 
a un agitato cor… Quanto spiegate
 
 
di mia sorte il rigor, solinghi orrori!…
 
  245
Vedo fra quegli avanzi
 
 
di fracassate navi su quel lido
 
 
sconosciuto guerrier… Voglio ascoltarlo,
 
 
vuo’ confortarlo e voglio
 
 
in letizia cangiar quel suo cordoglio.
 
 
(S’appressa e parla a Idomeneo.)
 
  250
Sgombra, o guerrier, qual tu ti sia, il timore:
 
 
eccoti pronto a tuo soccorso quello
 
 
che in questo clima offrir tel può.
 
 
Idomeneo
 
 
 
 
                                   (Più il guardo,
 
 
più mi strugge il dolor.)
 
 
(A Idamante.)
 
 
                         De’ giorni miei
 
 
il resto a te dovrò. Tu quale avrai
 
  255
premio da me?
 
 
Idamante
 
 
             Premio al mio cor sarà
 
 
l’esser pago d’averti
 
 
sollevato, difeso; ahi, troppo, amico,
 
 
dalle miserie mie instrutto io fui
 
 
a intenerirmi alle miserie altrui!
 
 
Idomeneo
 
 
 
  260
(Qual voce, qual pietà il mio sen trafigge!)
 
 
(A Idamante.)
 
 
Misero tu? Che dici?… Ti son conte
 
 
le tue sventure appien?
 
 
Idamante
 
 
                       Dell’amor mio,
 
 
cielo! il più caro oggetto
 
 
                          di Cocito
 
 
l’onde varcò. Quel re sì chiaro in armi,
 
  265
de’ nemici il flagel, della sua corte
 
 
quell’idolo adorato,
 
 
il terror e l’amor dell’universo,
 
 
da iniqui dèi perseguitato, oppresso
 
 
– or vedi tu se giusto è il mio dolore –
 
  270
dalla furia dell’onde…
 
 
Idomeneo
 
 
(Piange e sospira.)
 
 
                      Oh fiero caso!
 
 
Idamante
 
 
In quegli abissi spinto
 
 
giace l’eroe Idomeneo estinto.
 
 
Ma tu sospiri e piangi?
 
 
T’è noto Idomeneo?
 
 
Idomeneo
 
 
                  Uom più di questo
 
  275
deplorabil non v’è, non v’è chi plachi
 
 
il fato suo austero.
 
 
Idamante
 
 
                    Che favelli?
 
 
Vive egli ancor?
 
 
 
 
                (Oh dèi! Torno a sperar.)
 
 
(A Idomeneo.)
 
 
Ah dimmi, amico, dimmi:
 
 
dov’è? Dove quel dolce aspetto
 
  280
vita mi renderà?
 
 
Idomeneo
 
 
                Ma d’onde nasce
 
 
questa che per lui nutri
 
 
tenerezza d’amor?
 
 
Idamante
 
 
                 Potessi almeno
 
 
a lui stesso gl’affetti miei spiegare!
 
 
Quelle famose imprese, onde la Grecia
 
  285
a quell’augusto nome
 
 
reverente s’inchina,
 
 
sproni furo al mio cor.
 
 
Là ne’ campi troiani,
 
 
allor ch’egli cogliea lauri e trofei,
 
  290
ah ch’io non potei di morte a scherno,
 
 
se testimonio fui del suo valore,
 
 
essere a parte ancor del grand’onore?
 
 
Idomeneo
 
 
Nobile ardir! Oh vita
 
 
degna che il ciel coroni
 
  295
di gloria e splendor!
 
 
 
 
                     (Pur quel sembiante
 
 
non m’è tutto stranier: un non so che
 
 
ravviso in quel…)
 
 
Idamante
 
 
 
 
                 (Pensoso il mesto sguardo
 
 
in me egli fissa… E pur a quella voce,
 
 
a quel ciglio, a quel gesto uom mi rassembra
 
  300
o in corte o in campo a me noto ed amico.)
 
 
Idomeneo
 
 
Tu mediti.
 
 
Idamante
 
 
          Tu mi contempli e taci.
 
 
Idomeneo
 
 
Perché quel tuo parlar sì mi conturba?
 
 
Idamante
 
 
E qual mi sento anch’io
 
 
turbamento nell’alma?… Ah più non posso
 
  305
il pianto ritener…
 
 
(Piange.)
 
 
Idomeneo
 
 
                  Ma di’: qual fonte
 
 
sgorga quel pianto? E quel sì acerbo duol
 
 
che per Idomeneo tanto t’affligge…
 
 
Idamante
 
 
(Con enfasi.)
 
 
Ah ch’egli è il padre…
 
 
Idomeneo
 
 
(Interrompendolo impaziente.)
 
 
                       (Oh dio!)
 
 
Parla: di chi è egli il padre?
 
 
Idamante
 
 
(Con voce fiacca.)
 
 
                              È il padre mio.
 
 
Idomeneo
 
 
 
  310
(Spietatissimi dèi!…)
 
 
Idamante
 
 
                     Meco compiangi
 
 
del padre mio il destin?…
 
 
Idomeneo
 
 
(Dolente.)
 
 
Ah figlio!…
 
 
Idamante
 
 
(Tutto giulivo.)
 
 
           Ah padre! Ah numi!
 
 
Dove son io?… Oh qual trasporto!… Soffri,
 
 
genitor adorato, che al tuo seno…
 
 
(Vuole abbracciarlo.)
 
  315
e che un amplesso…
 
 
(Il padre si ritira turbato.)
 
 
                   Ahimè! Perché ti sdegni?…
 
 
Disperato mi fuggi?… Ah dove, ah dove?
 
 
Idomeneo
 
 
Non mi seguir, tel vieto:
 
 
meglio per te saria il non avermi
 
 
veduto or qui.
 
 
              Paventa il rivedermi.
 
 
(Parte in fretta.)
 
 
Idamante
 
  320
Ah qual gelido orror m’ingombra i sensi!…
 
 
Lo vedo appena, il riconosco, e a’ miei
 
 
teneri accenti in un balen s’invola.
 
 
Misero! In che l’offesi, e come mai
 
 
quel sdegno io meritai, quelle minacce?…
 
  325
Vuo’ seguirlo e veder, oh sorte dura!
 
 
qual mi sovrasti ancor più rea sventura.
 
speaker-icon
No 7 Aria
 
 
Idamante
 
     
 
    Il padre adorato
 
 
ritrovo, e lo perdo:
 
 
mi fugge sdegnato
 
  330
fremendo d’orror.
 
     
 
    Morire credei
 
 
di gioia e d’amore:
 
 
or, barbari dèi!
 
 
m’uccide il dolor.
 
 
(Parte addolorato.)
 
 
Fine dell’atto primo.