ATTO PRIMO
 
 
Vago giardino con spaziosa scalinata per cui si ascende al palazzo del Podestà.
 
 
SCENA I
 
 
Il Podestà, Cavalier Ramiro e Serpetta che scendono dalla scalinata; Sandrina e Nardo applicati alla coltura del giardino.
 
speaker-icon
N° 1 Introduzione
 
 
Tutti
 
     
 
    Che lieto giorno,
 
 
                     che contentezza!
 
 
Qui d'ogni intorno
 
 
                  spira allegrezza;
 
 
amor qui giubila,
 
 
                 brillando va.
 
 
Ramiro
 
     
 
    Fra cento affanni sospiro e peno;
 
  5
per me non splende mai dì sereno,
 
 
per me non trovasi felicità.
 
 
Podestà
 
     
 
    Il cor mi balza per il piacere;
 
 
tra suoni e canti dovrò godere:
 
 
Sandrina amabile pur mia sarà.
 
 
Sandrina
 
     
  10
    Sono infelice, son sventurata;
 
 
mi vuole oppressa la sorte ingrata:
 
 
di me più misera, no, non si dà.
 
 
Nardo
 
 
(Accennando Serpetta.)
 
     
 
    Neppur mi guarda, neppur m'ascolta;
 
 
farà costei darmi di volta.Variante in den Wiederholungen:
farà costei darmi di volta, sì.
 
  15
Che donna barbara senza pietà!
 
 
Serpetta
 
 
(Accennando il Podestà.)
 
     
 
    Con quella scimmia già s'è incantato;
 
 
fa il cascamorto, lo spasimato;
 
 
ma se mi stuzzica la pagherà.
 
 
Ramiro
 
     
 
    Celar conviene la pena ria.
 
 
Podestà
 
  20
Via sollevatevi, Sandrina mia.
 
 
Sandrina
 
 
Son troppe grazie, troppa bontà.
 
 
Ramiro
 
     
 
    Vedrò placata l'iniqua stella.
 
 
Podestà
 
 
Non so lasciarla, ch'è troppo bella.
 
 
Serpetta
 
 
Son pieni gl'uomini di falsità.
 
 
Tutti
 
     
  25
    Che lieto giorno, che contentezza!
 
 
Qui d'ogni intorno spira allegrezza;
 
 
Amor qui giubila, brillando va.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Podestà
 
 
Viva, viva il buon gusto
 
 
della mia vezzosetta giardiniera,
 
  30
ch'è il più gradito fior di primavera.
 
 
Ramiro, che vi pare?
 
 
Ramiro
 
 
Non v'è che dir, mi sembra
 
 
il giardino incantato; eppur non basta
 
 
a farmi rallegrar.
 
 
Podestà
 
 
                  Questa è pazzia.
 
  35
Ma tu, Sandrina mia,
 
 
perché mesta così?
 
 
Serpetta
 
 
(Accennando Sandrina.)
 
 
(Uh che sia maledetta!)
 
 
(Accennando il Podestà.)
 
 
(Dopo giunta costei
 
 
non mi guarda più in faccia.)
 
 
Nardo
 
 
(A Serpetta che non gli dà udienza.)
 
  40
Neppure un'occhiatina?
 
 
Podestà
 
 
(A Sandrina.)
 
 
Via spiegati, carina: che t'affanna?
 
 
Serpetta
 
 
(Patisce il mal di core.)
 
 
Sandrina
 
 
Io non merto, signore,
 
 
tanta vostra bontà. Dovrei godere,
 
  45
sperar dovrei; ma sento
 
 
che in seno un fiero affanno
 
 
del povero mio cor si fa tiranno.
 
 
Nardo
 
 
(A Serpetta.)
 
 
Pur dovresti pensare…
 
 
Serpetta
 
 
(Mi sento della rabbia divorare.)
 
 
Podestà
 
  50
Don Ramiro, Sandrina, allegramente.
 
 
Qui a momenti s'attende
 
 
la sposa mia nipote; prepariamoci
 
 
ai banchetti, ai festini.
 
 
Io non voglio veder malinconia
 
  55
oggi che siamo in tempo d'allegria.
 
 
Sandrina
 
 
(Ah che procuro invano…)
 
 
Ramiro
 
 
(Invan mostro scioltezza.)
 
 
Podestà
 
 
Amico, ho gran timore
 
 
che sia del vostro mal cagione amore.
 
 
Ramiro
 
  60
Purtroppo è ver: per una donna infida
 
 
son ridotto a languire…
 
 
Podestà
 
 
                       Oh che sproposito!
 
 
Affliggersi così per una donna,
 
 
por la vita in periglio?
 
 
Prendete il mio consiglio:
 
  65
scegliete un'altra bella,
 
 
dategli il vostro core,
 
 
che, se amor vi ferì, vi sani amore.
 
 
Ramiro
 
 
Mi guardi il ciel che, appena
 
 
dalle catene sciolto, cercar voglia
 
  70
nuovi ceppi per me: non fia mai vero
 
 
che mi venga in pensiero idea sì stolta
 
 
e m'accenda d'amore un'altra volta.
 
speaker-icon
N° 2 Aria
 
 
Ramiro
 
     
 
    Se l'augellin sen fugge
 
 
dalla prigione un giorno,
 
  75
al cacciatore intorno
 
 
non più scherzando va.
 
     
 
    Libero uscito appena
 
 
da un amoroso impaccio,
 
 
l'idea d'un altro laccio
 
  80
ah che tremar mi fa.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA II
 
 
Podestà, Sandrina, Serpetta e Nardo.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Podestà
 
 
Presto, Nardo, Serpetta, andate, andate,
 
 
che all'arrivo de' sposi
 
 
vo' che tutto sia pronto
 
 
con pompa, splendidezza e proprietà.
 
 
Serpetta
 
  85
(Vuol restar con Sandrina in libertà.)
 
 
Nardo
 
 
Via, Serpetta, il padrone
 
 
ad ubbidir si vada.
 
 
Serpetta
 
 
Vanne, rompiti il collo, ecco la strada.
 
 
(Nardo parte e Serpetta resta in disparte.)
 
 
Podestà
 
 
Siam pur soli una volta,
 
  90
veniamo un poco a noi. Cara Sandrina,
 
 
mi spiego in due parole:
 
 
ardo, moro per te; quel brio, quel vezzo
 
 
subito mi colpì.
 
 
Sandrina
 
 
                Signor, che dite?
 
 
Povera villanella…
 
 
Serpetta
 
 
(Si fa avanti.)
 
  95
Venga Sandrina anch'ella
 
 
a travagliar con noi.
 
 
Podestà
 
 
Sandrina ha da star qui, parti, che vuoi?
 
 
Serpetta
 
 
Ubbidisco.
 
 
(Accennando Sandrina.)
 
 
          (Stregaccia.)
 
 
(Si ritira.)
 
 
Podestà
 
 
Così com'io diceva,
 
  100
speranza del mio cor, so quel che dico,
 
 
so quel che penso… basta…
 
 
Sandrina
 
 
Ah pensate, signore, al vostro grado:
 
 
voi nobile, io meschina…
 
 
Podestà
 
 
                        Eh che l'amore
 
 
non conosce ragione, uguaglia tutto.
 
 
Sandrina
 
  105
Ma una donzella onesta,
 
 
no, permetter non dée che s'avvilisca…
 
 
Serpetta
 
 
(Torna come sopra.)
 
 
Signore, compatisca
 
 
se interrompo nel meglio.
 
 
Podestà
 
 
Che disdetta!
 
 
Serpetta
 
 
             Dica, la toeletta
 
  110
di madama la sposa
 
 
dove poi la destina?
 
 
Podestà
 
 
In gabinetto, in camera, in cucina.
 
 
Serpetta
 
 
Mi perdoni.
 
 
(Accennando Sandrina.)
 
 
            (Sfacciata.)
 
 
(Si ritira.)
 
 
Podestà
 
 
Non più, cara! Quel volto
 
  115
nobilita la gente,
 
 
non l'avvilisce… Andiamo.
 
 
Sandrina
 
 
                         Che sperate?
 
 
Podestà
 
 
Voglio farti mia sposa.
 
 
Serpetta
 
 
(Come sopra.)
 
 
Già direte che son…
 
 
Podestà
 
 
(In collera.)
 
 
                   Dico che sei
 
 
un'ardita insolente,
 
  120
temeraria importuna!
 
 
Serpetta
 
 
                    Ma sentite
 
 
una parola sola…
 
 
Podestà
 
 
Parti, va' via di qua, vil donnicciuola.
 
 
Serpetta
 
 
Vado, vado; pazienza.
 
 
(Accennando Sandrina.)
 
 
(Ma tu la pagherai, brutta fraschetta.)
 
 
(Parte.)
 
 
Sandrina
 
  125
Permettete, signor…
 
 
(Vuol partire.)
 
 
Podestà
 
 
                    No, senti, aspetta,
 
 
mia cara, non partir; se tu sapessi…
 
 
(son fuor di me) che smania,
 
 
che tumulto ho nel core,
 
 
né so se sia speranza oppur timore.
 
speaker-icon
N° 3 Aria
 
 
Podestà
 
     
  130
    Dentro il mio petto io sento
 
 
un suono, una dolcezza
 
 
di flauti e di oboè.
 
     
 
    Che gioia, che contento,Variante in den Wiederholungen:
Che gioia, oh che contento,
 
 
manco per l'allegrezza,Variante in den Wiederholungen:
manco per l'allegria,
 
  135
più bel piacer non v'è.Variante in den Wiederholungen:
più bel piacer non v'è, no.
 
     
 
    Ma, oh dio! che all'improviso
 
 
si cangia l'armonia
 
 
che il cor fa palpitar.
 
     
 
    Se n'entran le viole
 
  140
e in tetra melodia
 
 
mi vengono a turbar.
 
     
speaker-icon
    Poi sorge un gran fracasso:
 
 
li timpani, le trombe,
 
 
fagotti e contrabasso
 
  145
mi fanno disperar.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA III
 
 
Sandrina, poi Nardo.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Sandrina
 
 
Della nemica sorte
 
 
quante vicende mai finor soffersi!
 
 
Trafitta, abbandonata dall'amante,
 
 
sotto spoglie mentite,
 
  150
in esercizio abietto son contenta
 
 
passare i giorni miei.
 
 
Almen potessi, oh dèi,
 
 
l'ingrato riveder! Ma che mi giova
 
 
così struggermi in pianto…
 
 
Nardo
 
 
                          Marchesina…
 
 
Sandrina
 
  155
Ah taci per pietà, potrebbe alcuno
 
 
qui ascoltarti.
 
 
Nardo
 
 
               Siam soli,
 
 
né v'è alcun che ci senta.
 
 
Sandrina
 
 
Tu sai che l'anno è scorso
 
 
da quell'infausta notte
 
  160
che il Contino Belfiore
 
 
invaso da una pazza gelosia
 
 
mi trafisse spietato, ed all'istante
 
 
credendomi già morta
 
 
mi lasciò, si partì.
 
 
Nardo
 
 
                    Che brutto caso!
 
  165
In ripensarlo solo
 
 
mi scappano le lagrime.
 
 
Sandrina
 
 
                       Ah caro servo,
 
 
sai pur che a solo oggetto
 
 
di ritrovar l'amante in queste spoglie
 
 
teco m'indussi andar raminga, e ognuno
 
  170
mio cugino ti crede.
 
 
Ma quivi giunta appena,
 
 
si preparan per me nuovi disastri.
 
 
Nardo
 
 
Ma questa, perdonate,
 
 
mi pare frenesia: giacché la sorte
 
  175
ci ha fatto capitare
 
 
in questo bel soggiorno
 
 
ove dal Podestà voi siete amata…
 
 
Sandrina
 
 
Questo motivo appunto
 
 
or mi sprona a partire; vedermi astretta
 
  180
i sospiri, le smanie,
 
 
i rimproveri udire in ogni istante
 
 
d'un importuno amante…
 
 
Nardo
 
 
                      Eh signorina,
 
 
chi v'obliga ad amarlo?
 
 
Seguitate lo stil dell'altre donne:
 
  185
fingete, lusingatelo,
 
 
fategli quattro smorfie.
 
 
Sandrina
 
 
                        Oh non mi piace
 
 
questo moderno stile:
 
 
nemmen per gioco io voglio
 
 
arder di nuovo amore. Il cuor degl'uomini
 
  190
già conosco abbastanza;
 
 
vo' subito partire…
 
 
(Vuol partire.)
 
speaker-icon
SCENA IV
 
 
Ramiro e detti.
 
 
Ramiro
 
 
 
 
Gl'uomini s'han d'amar, non da fuggire.
 
 
Nardo
 
 
E dice molto bene.
 
 
Ramiro
 
 
                  Ah perché mai
 
 
voi gl'uomini abborrite?
 
 
Sandrina
 
  195
Perché finti e incostanti…
 
 
Ramiro
 
 
                          Eppur vi sono
 
 
degl'uomini fedeli. Io tal mi vanto:
 
 
amai nobil donzella (ahi rimembranza!)
 
 
ed allor ch'io m'offersi
 
 
ad unirmi con lei, l'empia mi sprona,
 
  200
mi tradisce, mi lascia e m'abbandona.
 
 
Sandrina
 
 
Ecco lì! Tutto il male
 
 
già proviene da noi; povere donne,
 
 
che fier destino è il nostro!
 
 
Pace non v'è per noi né contentezza,
 
  205
né ci serve la grazia e la bellezza.
 
speaker-icon
N° 4 Aria
 
 
Sandrina
 
     
 
    Noi donne poverine,
 
 
tapine, sfortunate,
 
 
appena siamo nate
 
 
ch'abbiamo da penar.Variante in den Wiederholungen:
ch'abbiamo da penar, sì.
 
     
  210
    Disgrazie da bambine,
 
 
strapazzi grandicelle,
 
 
e dell'età nel fiore,
 
 
o siamo brutte o belle,Variante in den Wiederholungen:
o siamo brutte o siamo belle,
 
 
il maledetto amore
 
  215
ci viene a tormentar.
 
     
 
    Ah donne poverine,
 
 
meglio saria per noi
 
 
non nascere o morir.
 
 
(Parte.)
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ramiro
 
 
Sarei felice appieno
 
  220
se più non fosse in vita Arminda ingrata,
 
 
o che al mondo per me non fosse nata.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA V
 
 
Nardo solo.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Nardo
 
 
Io per me non capisco
 
 
con chi l'abbia costui; ma la padrona
 
 
mi sembra ancor che voglia dar di volta.
 
  225
È ver che n'ha ragione
 
 
per quell'indegna azione
 
 
che gli fece il Contino,
 
 
ma forse… e senza forse
 
 
il mio caso è peggior, che per Serpetta
 
  230
mi vado consumando:
 
 
ella mi fugge e scaccia,
 
 
neppur mi guarda in faccia… Che farò?
 
 
Per far che senta amore, piangerò.
 
 
Ah che non giova il pianto
 
  235
a piegar della donna il cor maligno,
 
 
ch'è più duro di un ferro o di un macigno.
 
speaker-icon
N° 5 Aria
 
 
Nardo
 
     
 
    A forza di martelli
 
 
il ferro si riduce,
 
 
a forza di scarpelli
 
  240
il marmo si lavora;
 
 
di donna il cor ognora
 
 
né ferro né martello
 
 
né amore tristarello
 
 
la può ridurre a segno,
 
  245
la può capacitar.
 
     
 
    Siam pazzi tutti quanti
 
 
che andiamo appresso a femine;
 
 
si sprezzino, si scaccino,
 
 
si fugghino, si piantino,
 
  250
si lascino crepar.Variante in den Wiederholungen:
si lascino crepar, sì.
 
 
(Parte.)
 
 


Galleria.
 
 
SCENA VI
 
 
Il Podestà, Arminda, poi Serpetta.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Podestà
 
 
Mia cara nipotina,
 
 
riposatevi un poco, che a momenti
 
 
lo sposo giungerà.
 
 
Arminda
 
 
                  Questa tardanza
 
 
è una somma increanza: egli doveva
 
  255
prevenire il mio arrivo.
 
 
Podestà
 
 
Forse ancora non sa…
 
 
Arminda
 
 
                    Non sa ch'io sono
 
 
testina e capricciosa.
 
 
Podestà
 
 
Via, colle buone, via, che di qui a poco
 
 
vi passerà la collera.
 
 
Arminda
 
 
                      Sediamo.
 
  260
Ehi, qui venghino sedie.
 
 
Serpetta
 
 
(Porta sedie.)
 
 
Ecco sedie, ecco sedie, non gridate,
 
 
ch'io non sono già sorda.
 
 
Arminda
 
 
                         Chi è costei?
 
 
Serpetta
 
 
Io son la cameriera…
 
 
Arminda
 
 
                    E non venite
 
 
a fare il vostro debito,
 
  265
a inchinarvi, ossequiarmi,
 
 
a bacciarmi la mano?
 
 
Serpetta
 
 
(Va per baciarle la mano.)
 
 
                    Or volea farlo…
 
 
Arminda
 
 
(Ricusa e la discaccia.)
 
 
Andate.
 
 
Podestà
 
 
        Andate.
 
 
Serpetta
 
 
               Vado.
 
 
(Va per partire.)
 
 
Arminda
 
 
(La richiama.)
 
 
Eh ragazza, ragazza.
 
 
Serpetta
 
 
 
 
                     (Che pazienza!)
 
 
Arminda
 
 
V'è nuova del mio sposo?
 
 
Serpetta
 
 
                        Non signora,
 
  270
ma credo…
 
 
Arminda
 
 
         Andate.
 
 
Podestà
 
 
                Andate.
 
 
Serpetta
 
 
 
 
                       (Con costei
 
 
non farem troppo bene.)
 
 
(Si ritira.)
 
 
Arminda
 
 
Ditemi, signor zio,
 
 
avete voi notizia se il mio sposo
 
 
sia bello manieroso?
 
 
Podestà
 
 
                    In quanto a questo…
 
 
Serpetta
 
 
(Correndo.)
 
  275
Signori, presto, presto!
 
 
È giunto un carrozzino…
 
 
(Arminda ed il Podestà s'alzano.)
 
 
Arminda
 
 
Questo sarà il Contino.
 
 
Podestà
 
 
Vado a incontrarlo… Olà, ch'ognuno stia
 
 
pronto all'uffizio suo…
 
 
(Ad Arminda.)
 
  280
Nipotina, sentite…
 
 
(A Serpetta.)
 
 
                   Avvisa tutti…
 
 
camerieri, staffieri…
 
 
Serpetta
 
 
                      Eccolo qua.
 
 
Arminda
 
 
Or mettiamoci un poco in gravità.
 
 
SCENA VII
 
 
Il Contino Belfioree detti.
 
speaker-icon
N° 6 Cavatina
 
 
Contino
 
     
 
    Che beltà, che leggiadria,
 
 
che splendore, eterni dèi!
 
  285
Guardo il sole e guardo lei,
 
 
e colpito da quei rai
 
 
parmi, oh dio! di vacillar.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Contino
 
 
Sposa, Arminda, mio sole,
 
 
precipitosamente,
 
  290
come a sua principessa e sua regina,
 
 
il Contino Belfiore a voi s'inchina.
 
 
Arminda
 
 
(Sostenuta.)
 
 
Contino, vi son serva
 
 
e vi accetto nel cor.
 
 
 
 
                     (Non mi dispiace.)
 
 
Podestà
 
 
 
 
Oh mio signor Contino,
 
  295
e quasi nipotino,
 
 
prendete un caro abbraccio
 
 
con affetto sincero
 
 
dal nobil Podestà di Lagonero.
 
 
(L'abbraccia.)
 
 
Contino
 
 
(Ad Arminda.)
 
 
Permettete, sposina,
 
  300
che sulla bianca mano… Ah no, sbagliai.
 
 
(Al Podestà.)
 
 
Perdonate, signor, so il dover mio.
 
 
Pien d'ossequio…
 
 
(A Serpetta.)
 
 
                Con voi, bella ragazza,
 
 
no, che mancar non voglio…
 
 
 
 
Sposa… signor… ragazza… Io già m'imbroglio.
 
 
Serpetta
 
  305
(Quanto mi vien da ridere!
 
 
Bella caricatura.)
 
 
Podestà
 
 
(Al Contino.)
 
 
                  Or dite un poco:
 
 
d'Arminda mia nipote,
 
 
vostra sposa novella,
 
 
Contino, che vi par?
 
 
Contino
 
 
                    Superba e bella.
 
  310
Bella fronte, begl'occhi, belle guance,
 
 
bel naso, bel bocchino:
 
 
ah voi siete, mia cara, un gelsomino.
 
 
Arminda
 
 
E voi sembrate appunto un girasole
 
 
che si volge qua e là tutti i momenti,
 
  315
anzi una banderola a' quattro venti.
 
 
Contino
 
 
Perché, perché, mia cara,
 
 
mia plenilunia stella,
 
 
voi mi dite così?
 
 
Arminda
 
 
                 Perché vi scorgo
 
 
volubile e leggiero.
 
 
(Al Podestà.)
 
  320
Che dite, signor zio?
 
 
Podestà
 
 
Lasciate ch'io l'osservi:
 
 
dalla fisonomia mi par… non sbaglio…
 
 
nipote, è un uom costante.
 
 
Contino
 
 
                          Oh costantissimo!
 
 
Podestà
 
 
Fedele.
 
 
Contino
 
 
       Fedelissimo!
 
  325
Io son qual duro scoglio, anzi qual nave
 
 
che in mezzo al mare infido
 
 
mi frango… no, mi spezzo, oibò, m'arresto;
 
 
voi m'intendete, il paragone è questo.
 
 
Podestà
 
 
Oh circa il paragone… udite bene:
 
  330
voi siete un aquilone… oibò, qual nembo…
 
 
anzi qual vento… no, qual mongibello;
 
 
voi m'intendete, è il paragon più bello.
 
 
Arminda
 
 
Ben lo vedrò, ma ditemi:
 
 
voi mi amate?
 
 
Contino
 
 
             Se v'amo? Al primo lampo
 
  335
di quei vezzosi e fulminanti rai
 
 
sotto il colpo restai.
 
 
Arminda
 
 
                      Adagio, adagio.
 
 
Sapete chi son io?
 
 
Contino
 
 
                  Voi siete, o cara…
 
 
Arminda
 
 
Io sono capricciosa,
 
 
cervellina, insolente.
 
 
Contino
 
 
                      Ci ho piacere.
 
 
Podestà
 
  340
Me ne consolo.
 
 
Arminda
 
 
              Ho buone mani e faccia.
 
 
Contino
 
 
Viva, viva.
 
 
Podestà
 
 
           Benissimo.
 
 
 
 
Arminda
 
 
Adopro anche il bastone.
 
 
Podestà
 
 
                        Meglio, meglio.
 
 
Contino
 
 
Brava, brava, bravissima,
 
 
che grazia, che portento, che scioltezza!
 
  345
Io mi sento rapir.
 
 
Arminda
 
 
                  Ci siamo intesi.
 
 
Io v'amerò, ma guai
 
 
se vi scopro incostante:
 
 
anche se foste in mezzo della via
 
 
io vi do quattro schiaffi, anima mia.
 
speaker-icon
N° 7 Aria
 
 
Arminda
 
     
  350
    Si promette facilmente
 
 
dagl'amanti d'oggidì;
 
 
e la semplice zitella
 
 
se lo crede, poverella,
 
 
e si fida a dir di sì.
 
     
  355
    Io però non fo così:
 
 
patti chiari e patti schietti,Variante in den Wiederholungen:
patti chiari, patti schietti,
 
 
pria di dirvi sì o no.
 
     
 
    Voi sarete l'idol mio,
 
 
il mio ben, la mia speranza;
 
  360
ma se mai, com'è l'usanza,
 
 
mi mancaste, m'ingannaste,
 
 
io le mani adoprerò.Variante in den Wiederholungen:
io le mani adoprerò, sì.
 
 
(Parte con Serpetta.)
 
 
SCENA VIII
 
 
Conte e Podestà.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Podestà
 
 
Che dite, signor Conte, che vi pare
 
 
di mia nipote?
 
 
Contino
 
 
              Oh quanto
 
  365
m'innamora e m'accende
 
 
sì cara bizzarria; oh che fortuna,
 
 
che bella sorte, amico,
 
 
ritrovare una donna,
 
 
ma che dico una donna? Ella è una dea
 
  370
che in vezzo, che in beltà, che in leggiadria
 
 
non v'è chi a lei somiglia.
 
 
E può dirsi l'ottava meraviglia.
 
 
Podestà
 
 
Non fo per dir che m'è nipote, in tutto
 
 
ella è particolare;
 
  375
a sentirla parlare
 
 
è un piacere, uno spasso:
 
 
sputa sentenze e par Torquato Tasso.
 
 
Contino
 
 
Eh già si vede e già la cosa è chiara;
 
 
ed alla fama che di lei già corre
 
  380
per tutte le gazzette
 
 
mi sono innamorato:
 
 
cent'altre ho ricusato
 
 
bellissime fanciulle… Nol credete?
 
 
Podestà
 
 
Oh lo credo purtroppo.
 
 
Contino
 
 
                      Assicuratevi
 
  385
che dovunque son stato
 
 
le donne a truppe, a schiere
 
 
correvan disperate
 
 
il compendio a mirar nel mio bel volto
 
 
di grazia, di valor insieme accolto.
 
 
Podestà
 
  390
Oh bravo il mio Contino,
 
 
mi piace il vostro brio.
 
 
Contino
 
 
Son cavalier di spirito,
 
 
son stato in guerra viva,
 
 
ho espugnato fortezze,
 
  395
e pur dal viso amabile
 
 
della mia cara Arminda
 
 
son fatto prigionier; quivi volando
 
 
venni a posta corrente;
 
 
ho lasciato per lei tutti i miei feudi,
 
  400
le cariche, i vassalli,
 
 
il marchese mio padre,
 
 
la duchessa mia nonna e tanti e tanti
 
 
cugini titolati…
 
 
(Il Podestà ride.)
 
 
                Voi ridete?
 
 
Cattera, non sapete
 
  405
chi sieno i miei parenti
 
 
vivi, morti e nascenti. Udite, udite:
 
 
vi darò in abrescé qualche contezza
 
 
della mia nobiltà, di mia grandezza.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
speaker-icon
N° 8 Aria
 
 
Contino
 
     
 
    Da scirocco a tramontana,
 
  410
da levante a mezzogiorno
 
 
è palese intorno intorno
 
 
la mia antica nobiltà.
 
     
 
    Ho gran feudi ed ho vassalli,
 
 
ho più nonni marescialli,
 
  415
più sorelle principesse,
 
 
tre regine, sei contesse,
 
 
dieci consoli romani,
 
 
ed i principi, i sovraniVariante in den Wiederholungen:
ed i principi e i sovrani
 
 
non si posson numerar.
 
     
  420
    Ma cospetto! Voi ridete?
 
 
Signor mio, non li vedete?
 
 
Ecco Numa, ecco Scipione,
 
 
Marco Aurelio, Marco Agrippa,
 
 
Muzio Scevola e Catone,
 
  425
e quei due che vanno a spalla
 
 
son Tiberio e Caracalla:
 
 
con rispetto salutateli,
 
 
sprofondatevi, inchinatevi
 
 
a ciascun di qua di là.
 
 
(Parte.)
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Podestà
 
  430
Evviva, evviva i consoli romani,
 
 
Scipione, Caracalla: ah ah, le risa
 
 
non posso trattenere!
 
 
Questo è spasso da ver, quest'è piacere.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA IX
 
 
Serpetta, poi Nardo con cestino di frutti.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Serpetta
 
 
In questa casa non si può più stare,
 
  435
dopo giunta costei:
 
 
almeno cento volte
 
 
chiamerà in un momento,
 
 
e di schiattar per lei non me la sento.
 
 
Ma Nardo qui s'appressa;
 
  440
da costui già m'aspetto
 
 
la musica ordinaria de' sospiri;
 
 
fingerò non vederlo, e qui seduta
 
 
mi spasserò a cantare
 
 
un'arietta novella:
 
  445
come vuole il marito una zitella.
 
 
(Siede.)
 
speaker-icon
N° 9a Cavatina
 
 
Serpetta
 
     
 
    Un marito, oh dio, vorrei
 
 
amoroso e pien d'affetto;
 
 
ma un marito un po' vecchietto,
 
 
mamma mia, non fa per me.
 
 
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Nardo
 
 
 
  450
Come in questa canzone
 
 
il sentimento esprime;
 
 
anch'io gli vo' risponder per le rime.
 
speaker-icon
N° 9b Cavatina
 
 
Nardo
 
     
 
    Un marito, oh dio, vorresti
 
 
amoroso e pien d'affetto;
 
  455
ma un marito giovinetto,
 
 
figlia mia, non fa per te.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Serpetta
 
 
Bravo, signor buffone:
 
 
chi vi ha dato licenza
 
 
di penetrar fin qui?
 
 
Nardo
 
 
                    Cara Serpetta,
 
  460
perdonate l'ardir: qui ritrovai
 
 
l'uscio aperto ed entrai.
 
 
Serpetta
 
 
Se volete il padrone,
 
 
sta da quell'altra parte: andate, andate.
 
 
Nardo
 
 
Così mi discacciate? Eppur, carina,
 
  465
io scolpita vi tengo in mezzo al petto.
 
 
Serpetta
 
 
Cinque volte l'ho detto
 
 
e questa che fan sei:
 
 
no, non sono per voi gli affetti miei.
 
 
Nardo
 
 
Ma tanta tirannia,
 
  470
dite, o cara…
 
 
Serpetta
 
 
             Non più. Parlo sincera:
 
 
fatto per me non siete.
 
 
Nardo
 
 
Dite almeno il perché?
 
 
Serpetta
 
 
                      Non mi piacete.
 
 
Nardo
 
 
Pazienza; eppur un giorno
 
 
avrete a richiamarmi.
 
 
Serpetta
 
 
(Ride.)
 
 
                     Ah ah!
 
 
Nardo
 
 
                            Ridete?
 
 
Serpetta
 
  475
Rido perché credete
 
 
che a trovare un marito
 
 
ci voglia una gran cosa.
 
 
Ve ne son tanti e tanti:
 
 
basta ch'io volga un sguardo, ho mille amanti.
 
speaker-icon
N° 10 Aria
 
 
Serpetta
 
     
  480
    Appena mi vedon, chi cade, chi sviene,
 
 
mi vengono appresso, nessuno li tiene,
 
 
e come insensati, storditi, stonati,
 
 
così van gridando, smaniando così:
 
     
 
    mirate che occhietti, che sguardi d'amore,
 
  485
che vita, che garbo, che brio, che colore!
 
 
Bellina, carina, vi vo' sempre amar.
 
     
 
    Io tutta modesta abbasso la testa,
 
 
neppur gli rispondo, li lascio passar.
 
 
(Partono.)
 
 


Giardino pensile.
 
 
SCENA X
 
 
Sandrina, poi Arminda.
 
speaker-icon
N° 11 Cavatina
 
 
Sandrina
 
     
 
    Geme la tortorella
 
  490
lungi dalla campagna;
 
 
del suo destin si lagna,
 
 
e par che in sua favella
 
 
vogli destar pietà.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Sandrina
 
 
Io son la tortorella che mi lagno
 
  495
lungi dal mio tesoro
 
 
senza trovar sollievo al mio martoro.
 
 
Armata di costanza
 
 
farò coi miei sospiri
 
 
impietosir le stelle, e il caro amante
 
  500
finch'io non troverò,
 
 
tortorella infelice ognor sarò.
 
 
Arminda
 
 
(Questa sarà la bella giardiniera.)
 
 
Eh ragazza, sentite?
 
 
Sandrina
 
 
                    Mia signora…
 
 
Arminda
 
 
Dimmi pur: che cos'hai,
 
  505
che ti sento lagnar?
 
 
Sandrina
 
 
                    Penso a' miei guai.
 
 
Arminda
 
 
Ho capito, ho capito: tu sospiri
 
 
forse pel Podestà…
 
 
Sandrina
 
 
                  Mi meraviglio;
 
 
io son povera, è ver, ma sono onesta,
 
 
conosco il grado mio…
 
 
Arminda
 
  510
Taci, fraschetta, olà, sai chi son io?
 
 
Misura i detti, e pensa
 
 
che parli con Arminda.
 
 
Sandrina
 
 
                      Perdonate…
 
 
Io non sapea…
 
 
Arminda
 
 
             Ti compatisco, or sappi
 
 
ch'io quella son ch'oggi darò la mano
 
  515
al Contino Belfiore…
 
 
Sandrina
 
 
(Sorpresa ed agitata.)
 
 
                    (Ohimè, che sento!)
 
 
Il Contino è lo sposo?
 
 
E sarà vero? Oh numi!
 
 
Arminda
 
 
Ei giunse poco fa; se lo vedessi
 
 
quanto è vago e gentil!
 
 
Sandrina
 
 
(Smarrita e tremante.)
 
 
                       (Ah ch'io non reggo,
 
  520
io mi sento morir.)
 
 
Arminda
 
 
                   Tu impallidisci?
 
 
Che mai ti turba?
 
 
Sandrina
 
 
                 Un fiero
 
 
improviso dolore… oh dèi… m'assale…
 
 
Sento strapparmi l'anima mia…
 
 
Mi manca il cor… nel seno…
 
  525
Sudo… Gelo… Non reggo… Io vengo meno.
 
 
(Sviene.)
 
 
Arminda
 
 
Misera!… Olà, chi la soccorre? Oh dio!
 
 
Non v'è alcun che mi senta?
 
speaker-icon
Scena XI
 
 
Contino e detti.
 
 
Contino
 
 
                           Vi son io.
 
 
Arminda
 
 
Presto, caro Contino,
 
 
assistete un momento
 
  530
quest'infelice giovine svenuta,
 
 
che intanto io vado a prendere
 
 
antidoto valevole
 
 
a richiamarla in vita.
 
 
(Parte in fretta.)
 
 
Contino
 
 
Ecco, idol mio, men volo a darle aita.
 
speaker-icon
N° 12 Finale
 
 
Contino
 
 
(S'accosta a Sandrina svenuta e resta spaventato e sorpreso.)
 
     
  535
    Numi, che incanto è questo!
 
 
Violante!… È viva? Ohimè!
 
 
Tremo da capo a piè;
 
 
dove mi sia non so.
 
 
Sandrina
 
 
(Nello svenimento si muove e poi torna ad abbandonarsi.)
 
     
 
    Deh vieni, ingrato core,
 
  540
guardami, son pur quella.
 
 
Contino
 
 
(Sempre con ammirazione e stupore.)
 
 
La voce è di Violante,
 
 
il ciglio, il bel sembiante.
 
     
 
    Ma come in queste spoglie?
 
 
Sarà la fantasia,
 
  545
meglio l'osserverò.
 
 
(Torna attentamente ad osservarla.)
 
 
Sandrina
 
 
(Rinviene.)
 
     
 
    Ah della pena mia
 
 
pietà sentite, oh dèi!
 
 
Contino
 
 
È lei senz'altro, è lei,
 
 
coraggio più non ho.
 
 
Sandrina
 
 
(S'accorge del Conte e resta attonita.)
 
     
  550
    Il Conte? Oh dio! che miro!
 
 
 
 
(Viene Arminda per dar la boccetta di spirito al Conte, s'incontra con Ramiro, e così sia l'una che l'altro restano insensati.)
 
 
Arminda
 
 
Ecco il liquor, prendete…
 
 
Ramiro
 
 
Contino, permettete…
 
 
Arminda, Ramiro
 
 
Ramiro?|Arminda? Che farò?
 
 
Contino
 
 
(A Sandrina di nascosto.)
 
     
 
    Dimmi: chi sei?
 
 
Sandrina
 
 
 
 
                    (Che dico?)
 
 
Ramiro
 
 
(Ad Arminda.)
 
  555
Barbara.
 
 
Arminda
 
 
 
 
         (Che dirò?)
 
 
a quattro
 
     
 
    Ah che gran colpo è questo!
 
 
Qual fulmine funesto,
 
 
misera|misero, mi gelò?
 
 
Contino
 
 
(Da sé.)
 
     
 
    Son dubbioso, sbalordito,
 
  560
io non so se veglio o dormo,
 
 
d'esser stupido mi par.
 
 
Sandrina
 
 
(Da sé.)
 
     
 
    Son confusa, ho il cor smarrito,
 
 
è sì barbaro il dolore
 
 
che mi forza a lacrimar.
 
 
Ramiro
 
 
(Da sé.)
 
     
  565
    Che stupor, sono insensato,
 
 
resto immobile, mi perdo,
 
 
io non so che mai pensar.
 
 
Arminda
 
 
(Da sé.)
 
     
 
    Che m'avvenne, cos'è stato,
 
 
non comprendo più me stessa,
 
  570
parmi, oh dio! di vaneggiar.
 
 
a quattro
 
 
(Ognun da sé, e restano tutti immobili.)
 
     
 
    Sento l'alma in sen oppressa,
 
 
non ho fiato da parlar.
 
 
SCENA XII
 
 
Podestà e detti.
 
 
Podestà
 
     
 
    Che silenzio! Fan lunari!
 
 
Questa scena che vuol dire?
 
  575
Via, Sandrina, rispondete.
 
 
Mio signore, perché tacete?
 
 
Su, parlate: cosa c'è?
 
 
Sandrina
 
 
 
     
 
    (Che rispondo?)
 
 
Contino
 
 
 
 
                   (Io qui m'imbroglio.)
 
 
Ramiro
 
 
 
 
(Son perplesso.)
 
 
Arminda
 
 
 
 
                (Non ardisco.)
 
 
Podestà
 
  580
Non intendo, non capisco.
 
 
Ma la cosa non va schietta,
 
 
non è liscia per mia fé.
 
 
Contino, Ramiro
 
 
(A Sandrina.)|(Ad Arminda.)
 
     
 
    Tu sei quella?
 
 
Sandrina, Arminda
 
 
(Al Contino.)|(A Ramiro.)
 
 
                  Tu sei quello?
 
 
a cinque
 
 
Ah che gira il mio cervello,
 
  585
va balzando qua e là.
 
 
(Partono Sandrina e il Conte da una parte, Arminda e Ramiro dall'altra; resta solo il Podestà che fa atti di meraviglia.)
 
 
 
 
Podestà
 
     
 
    Che tratto è questo, che stravaganza:
 
 
senza rispetto, senza creanza
 
 
lasciarmi solo come un ridicolo!Variante in den Wiederholungen:
lasciarmi solo com'un ridicolo!
 
 
Li mando tutti, li mando al diavolo,
 
  590
metto da parte il grado, il titolo,
 
 
il nepotismo, la nobiltà.
 
 
(Va per partire ed è fermato da Serpetta.)
 
 
Serpetta
 
     
 
    Oh mi rallegro, caro signore:
 
 
la giardiniera con il Contino
 
 
fanno l'amore qui nel giardino
 
  595
con tutta pace, con libertà.
 
 
Podestà
 
     
 
    E dove sono… la gelosia…
 
 
(Va per partire ed è fermato da Nardo.)
 
 
Nardo
 
 
Non gli credete, quest'è bugia,
 
 
quest'è un compendio di falsità.
 
 
Serpetta
 
     
 
    Se con quest'occhi, con quest'orecchie
 
  600
non osservata l'ho visti e intesi!
 
 
Nardo
 
 
Sono menzogne troppo palesi.
 
 
Podestà
 
 
Voglio chiarirmene.
 
 
Serpetta, Nardo
 
 
(Ognun lo tira a sé.)
 
 
                   Venite qui.Variante in den Wiederholungen:
Venite qua.
 
 
Serpetta
 
 
 
     
 
    Costui mentisce.
 
 
Nardo
 
 
 
 
                    Costei v'inganna.
 
 
Podestà
 
 
Saziati pur, sorte tiranna:
 
  605
ecco burlato, ecco tradito
 
 
un uomo celebre, un podestà.
 
 
a tre
 
     
 
    Or or vedremo, lo scopriremo,
 
 
e chi mentisce la pagherà.
 
 
(Partono.)
 
 
 
 
SCENA XIII
 
 
Sandrina e Contino, poi Podestà, Serpetta e Nardo in osservazione da una parte, Arminda e Ramiro dall'altra.
 
 
Sandrina
 
 
(Al Contino.)
 
     
 
    Ma voi che pretendete
 
  610
da un'infelice, oh dio!
 
 
Arminda non son io,
 
 
il vostro dolce amor.
 
 
Contino
 
 
(A Sandrina.)
 
     
 
    Ah per pietà, parlate;
 
 
via, ditemi, carina:
 
  615
voi siete Violantina,
 
 
regina del mio cor.
 
 
Serpetta
 
 
(Al Podestà accennando Sandrina ed il Conte.)
 
     
 
    Vedete quante smorfie
 
 
gli fa quella fraschetta.
 
 
Podestà
 
 
Lo vedo; ah maledetta,
 
  620
la voglio subissar.
 
 
Nardo
 
 
 
 
(Il Conte? Oh che disdetta!
 
 
Potessi rimediar.)
 
 
Sandrina
 
     
 
    Voi siete in grand'errore.
 
 
Contino
 
 
 
 
(Ah questo è un gran stupore.)
 
 
Arminda
 
  625
Da un perfido burlata
 
 
dovrò così restar.
 
 
Ramiro
 
 
(Ad Arminda.)
 
 
È poco a un'alma ingrata,
 
 
avvezza ad ingannar.
 
 
Sandrina
 
 
(Risoluta al Contino.)
 
     
 
    Barbaro senza fede,
 
  630
e questa è la mercede
 
 
del mio costante amor?
 
 
Misera, in che mancai?
 
 
Dimmi che feci mai,
 
 
perfido traditor!
 
 
Contino
 
 
(S'inginocchia.)
 
     
  635
    Sì, che l'ingrato io sono;
 
 
idolo mio, perdono,Variante in den Wiederholungen:
idolo mio, ah perdono,
 
 
cara Violante bella…
 
 
Sandrina
 
 
Eh non son io già quella:
 
 
Violante la meschina
 
  640
diceva pur così;
 
 
ma oh dio! ch'ella morì.Variante in den Wiederholungen:
ma oh dio! ch'ella morì, sì.
 
 
(Stando il Conte in quell'atto vien sorpreso da tutti.)
 
 
Podestà
 
     
 
    Rispondete.
 
 
Arminda
 
 
               Seguitate.
 
 
Ramiro
 
 
Signor Conte.
 
 
Serpetta
 
 
             Non temete.Variante in den Wiederholungen:
Non tremate.
 
 
Nardo
 
 
 
 
(Non so come finirà.)
 
 
Sandrina
 
 
 
     
  645
    (Pur convien ch'io soffra e taccia.)
 
 
Contino
 
 
 
 
(Già la sposa mi minaccia.)
 
 
Podestà, Arminda, Ramiro, Serpetta, Nardo
 
 
Che si dice, che si fa?
 
 
Arminda
 
 
(Al Contino con ironia.)
 
     
 
    Amoroso mio Contino.
 
 
Podestà
 
 
(A Sandrina con ironia.)
 
 
Giardiniera semplicetta.
 
 
Ramiro
 
 
(Ad Arminda come sopra.)
 
  650
Mi consola, mi diletta.
 
 
Serpetta
 
 
(A Sandrina come sopra.)
 
 
Che bel volto modestino.
 
 
Podestà, Arminda, Serpetta
 
     
 
    Su, godete, cari amanti.
 
 
Ramiro, Serpetta, Nardo
 
 
Regni in voi la bella pace.
 
 
Podestà, Arminda, Ramiro, Serpetta, Nardo
 
 
Scenda Amor colla sua face
 
  655
ed accenda il vostro cor.
 
 
Sandrina, Contino
 
 
Ah che solo io son capace
 
 
di tormento e di dolor.
 
 
Arminda
 
 
(Al Conte con sdegno.)
 
     
 
    Perfido, indegno,
 
 
vorrei strapparti
 
  660
dal petto il core.
 
 
Ramiro
 
 
(Ad Arminda.)
 
 
Ma tanto sdegno,
 
 
tanto furore
 
 
non so capir.
 
 
Podestà
 
 
(A Sandrina con rabbia.)
 
     
 
    Voglio esiliarti,
 
  665
donnetta ingrata.
 
 
Serpetta
 
 
(A Sandrina.)
 
 
Vorrei sbranarti,
 
 
brutta sguaiata.
 
 
Nardo
 
 
 
 
(Io resto estatico,
 
 
non so che dir.)
 
 
Sandrina
 
     
  670
    Che pena barbara, che crudo affanno!
 
 
Mi sento oppressa da un duol tiranno,
 
 
non so rispondere, non so parlar.
 
 
Contino
 
     
 
    Che giorno critico, inaspettato!Variante in den Wiederholungen:
Che giorno inaspettato!
 
 
Tra quella e questa sono imbrogliato,
 
  675
non so risolvere, non so che far.
 
 
Tutti
 
     
 
    Che smania orribile! Non ho ricetto:
 
 
l'ira, la collera ch'io sento in petto
 
 
non so reprimere, non so frenar.Variante in den Wiederholungen:
non so reprimere, non so frenar, no.
 
 
Fine dell'atto primo.