ATTO SECONDO
 
 
Portico fregiato di militari trofei.
 
 
SCENA I
 
 
Silla, Aufidio e guardie.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Aufidio
 
 
Tel predissi, o signor, che la superba
 
 
più ostinata saria, quanto più mostri
 
 
di clemenza e d'amor?
 
 
Silla
 
 
                     Poco le resta
 
 
da insultarmi così. Risolsi omai.
 
  345
Morir dovrà. L'ho tollerata assai.
 
 
Aufidio
 
 
L'amico tuo fedele
 
 
può libero parlar?
 
 
Silla
 
 
                  Parla.
 
 
Aufidio
 
 
                        Tu sai
 
 
ch'eroe non avvi al mondo
 
 
senza gli emoli suoi. Gli Emili e i Scipi
 
  350
n'ebbero anch'essi, e di sue gesta ad onta
 
 
il glorioso Silla assai ne conta.
 
 
Silla
 
 
Purtroppo il so.
 
 
Aufidio
 
 
                Tu porgi
 
 
nella morte di Giunia a' rei nemici
 
 
l'armi contro di te. D'un Mario è figlia,
 
  355
e questo Mario ancor ne' propri amici
 
 
vive a tuo danno.
 
 
Silla
 
 
                 E che far deggio?
 
 
Aufidio
 
 
                                  In faccia
 
 
al popolo e al Senato
 
 
sia l'altera tua sposa. Un finto zelo
 
 
di sopir gl'odi antichi
 
  360
la violenza asconda. Al tuo volere
 
 
chi s'opporrà? Di numerose schiere
 
 
folto stuolo ti cinga. Ognun paventa
 
 
in te l'eroe che ogni civil discordia
 
 
ha soggiogata e doma,
 
  365
e a un sguardo tuo trema il Senato e Roma.
 
 
Signor, del comun voto
 
 
t'accerta il tuo poter. La ragion sempre
 
 
siegue il più forte, e chi fra mille squadre
 
 
a supplicar si piega?
 
  370
Vuole e comanda allorché parla e prega.
 
 
Silla
 
 
E se l'ingrata ancora
 
 
mi sprezza, mi discaccia
 
 
al popolo, al Senato, a Roma in faccia?
 
 
Che far potrò?
 
 
Aufidio
 
 
              L'altera
 
  375
non s'opporrà. Quell'ostinato core
 
 
ceder vedrai nel pubblico consenso
 
 
del popolo roman.
 
 
Silla
 
 
                 Seguasi, amico,
 
 
il tuo consiglio. Oh ciel!… Sappi… Io ti scopro
 
 
la debolezza mia. Quando le stragi,
 
  380
le violenze ad eseguir m'affretto,
 
 
è il cor di Silla in petto
 
 
da' più atroci rimorsi
 
 
lacerato ed oppresso. In quei momenti
 
 
fieri contrasti io provo. Inorridisco,
 
  385
voglio, tremo, detesto, amo ed ardisco.
 
 
Aufidio
 
 
Questa incostanza tua, lascia che il dica,
 
 
i tuoi gran merti oscura. Ogni rimorso
 
 
della viltade è figlio. Ardito e lieto
 
 
il mio consiglio abbraccia, e suo malgrado
 
  390
la femmina fastosa
 
 
costretta venga a divenir tua sposa.
 
speaker-icon
N° 8 Aria
 
 
Aufidio
 
     
 
    Guerrier, che d'un acciaro
 
 
impallidisce al lampo,
 
 
a dar non vada in campo
 
  395
prove di sua viltà.
 
     
 
    Se or cede a un vil timore,
 
 
se or cede alla speranza,
 
 
e qual sarà incostanza,
 
 
se questa non sarà?
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA II
 
 
Silla e guardie, indi Celia.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Silla
 
  400
Ah no, mai non credea
 
 
ch'all'uom tra 'l fasto e le grandezze immerso
 
 
tanto costasse il divenir perverso.
 
 
Celia
 
 
Tutto tentai finor. Preghi, promesse
 
 
e minacce e spaventi al cor di Giunia
 
  405
sono inutili assalti. Ah mio germano,
 
 
immaginar non puoi
 
 
come per te…
 
 
Silla
 
 
            So quel che dir mi vuoi.
 
 
Silla non è men grato a chi per lui
 
 
anche inutil s'adopra. In man del caso
 
  410
se pende ogni successo, il proprio merto
 
 
all'opere non scema
 
 
contrario evento. In questo dì mia sposa
 
 
Giunia sarà.
 
 
Celia
 
 
            Giunia tua sposa?
 
 
Silla
 
 
                             Il come
 
 
non ricercar. Ti basti
 
  415
che pago io sia.
 
 
Celia
 
 
                Perché l'arcan mi celi,
 
 
e perché non rischiari
 
 
un favellar sì oscuro?
 
 
Silla
 
 
(Perché in donna un arcano è mal sicuro.)
 
 
Il mio silenzio or non ti spiaccia, e m'odi.
 
  420
Te pur sposa di Cinna
 
 
in questo giorno io bramo.
 
 
Celia
 
 
                          (Oh me felice!)
 
 
Lascia, ah lascia ch'a Cinna tuo
 
 
fido amico io rechi
 
 
così lieta novella. Il labbro mio
 
  425
gli sveli alfin ch'ei solo è il mio tesoro
 
 
e che ognor l'adorai come l'adoro.
 
 
(Parte.)
 
 
Silla
 
 
Ad affrettar si vada in Campidoglio
 
 
la meditata impresa, e la più ascosa
 
 
arte s'adopri onde la mia nemica
 
  430
al talamo mi segua. Ah sì, conosco
 
 
che ad ogni prezzo io deggio
 
 
il possesso acquistar della sua mano.
 
 
Rimorsi miei, vi ridestate invano.
 
 
(Parte colle guardie.)
 
 
SCENA III
 
 
Cecilio senz'elmo, senza manto e con spada nuda, che vuole inseguir Silla. Cinna che lo ritiene.
 
 
Recitativo
 
 
Cinna
 
 
Qual furor ti trasporta?
 
 
Cecilio
 
 
(In atto di partire.)
 
 
                        Il braccio mio
 
  435
non ritener. Su' passi
 
 
del tiranno si voli. Il nudo acciaro
 
 
gli squarci il sen…
 
 
Cinna
 
 
                   T'arresta.
 
 
Ma d'onde nasce questa
 
 
improvisa ira tua?
 
 
Cecilio
 
 
(Come sopra.)
 
 
                  Saper ti basti
 
  440
che prolungar non deggio
 
 
un sol momento il colpo…
 
 
Cinna
 
 
                        E il tuo periglio?
 
 
Cecilio
 
 
Non lo temo, e disprezzo ogni consiglio.
 
 
Cinna
 
 
Ah per pietà m'ascolta…
 
 
Svelami… Dimmi… Ah ciel! Que' tronchi accenti…
 
  445
que' furiosi sguardi…
 
 
le disperate smanie tue… gli sforzi
 
 
d'involarti da me… l'esporti ardito
 
 
a un cimento fatal… mille sospetti
 
 
mi fan nascere in sen. Parla. Rispondi…
 
 
Cecilio
 
 
(Come sopra.)
 
  450
Tutto saprai…
 
 
Cinna
 
 
             No, non sarà giammai
 
 
ch'io ti lasci partir.
 
 
Cecilio
 
 
                      Perché ritardi
 
 
la vendetta comun?
 
 
Cinna
 
 
                  Sol perché bramo
 
 
che dubbiosa non sia.
 
 
Cecilio
 
 
(Come sopra.)
 
 
Dubbiosa non sarà…
 
 
Cinna
 
 
                  Dunque tu vuoi
 
  455
per un ardire intempestivo e vano
 
 
troncare il fil di tutti i meditati
 
 
disegni miei? Giunia rivedi, e quando
 
 
amar per lei di più devi la vita,
 
 
incauto corri ad un'impresa ardita?
 
  460
Più non tacer. Mi svela:
 
 
chi furioso a segno tal ti rende?
 
 
Cecilio
 
 
L'orrida rimembranza in cor m'accende
 
 
novi stimoli all'ira. Odi e stupisci.
 
 
Poiché quest'alma oppressa
 
  465
della mia sposa al fianco
 
 
trovò dolce conforto alla sua pena,
 
 
dal luogo tenebroso
 
 
allontanati appena
 
 
avea Giunia i suoi passi, un legger sonno
 
  470
m'avvolse i lumi. Oh cielo!
 
 
D'orrore ancor ne gelo! Ecco mi sembra
 
 
spalancata mirar la fredda tomba
 
 
in cui l'estinte membra
 
 
giaccion di Mario. In me le cavernose
 
  475
luci raccoglie, e 'l teschio
 
 
per tre volte crollando
 
 
disdegnoso e feroce
 
 
sento che sì mi sgrida in fioca voce:
 
 
"Cecilio, a che t'arresti
 
  480
presso la tomba mia? Vanne ed affretta
 
 
della comun vendetta
 
 
il bramato momento. Ozioso al fianco
 
 
più l'acciar non ti penda. Ah se ritardi
 
 
l'opra a compir che l'ombra invendicata
 
  485
di Mario oggi t'impone e ti consiglia,
 
 
tu perderai la sposa, ed io la figlia."
 
 
Al fiero suon de' minacciosi accenti
 
 
l'alma si scosse. Il sonno
 
 
da' sbigottiti lumi
 
  490
s'allontanò. M'accese
 
 
improvviso furor. Strinsi l'acciaro,
 
 
né il timoroso piede io più ritenni,
 
 
ma 'l reo tiranno a trucidar qua venni.
 
 
Ah più non m'arrestare…
 
 
Cinna
 
 
                       Ferma. Per poco
 
  495
dell'ira tua raffrena
 
 
i feroci trasporti. Ah sei perduto,
 
 
se in te Silla s'avvien…
 
 
Cecilio
 
 
                        Paventar deggio
 
 
d'un tiranno gli sguardi? Un'altra mano
 
 
trucidarlo dovrà? Non mai. Mi veggio
 
  500
intorno ognor la bieca
 
 
ombra di Mario a ricercar vendetta;
 
 
e degli accenti suoi
 
 
ad ogni istante, or ch'al tuo fianco io sono,
 
 
mi rimbomba all'orecchie il fiero suono.
 
  505
Lasciami…
 
 
Cinna
 
 
         Ah se disprezzi
 
 
tanto i perigli tuoi, deh pensa almeno
 
 
che dalla vita tua pende la vita
 
 
d'una sposa fedele. Oh stelle! E come
 
 
per così cari giorni…
 
 
Cecilio
 
 
                     Oh Giunia!… Oh nome!…
 
  510
Il sol pensiero, amico,
 
 
che perderla potrei, del mio furore
 
 
ogn'impeto disarma.
 
 
                   Ah corri, vola,
 
 
per me svena il tiranno… Oh numi! E intanto
 
 
al mio nemico accanto
 
  515
resta la sposa?… Ahimè!… Chi la difende?…
 
 
Ma s'ei qui giunge?… Oh dio! Qual fier contrasto,
 
 
qual pena, eterni dèi! Timore, affanno,
 
 
ira, speme e furor mi sento in seno,
 
 
né so di lor chi vincerà. Che penso?
 
  520
E non risolvo ancora?
 
 
Giunia si salvi, o al fianco suo si mora.
 
speaker-icon
N° 9 Aria
 
 
Cecilio
 
     
 
    Quest'improviso tremito,
 
 
che in sen di più s'avanza,
 
 
non so se sia speranza,
 
  525
non so se sia furor.
 
     
 
    Ma fra i suoi moti interni,
 
 
fra le mie smanie estreme,
 
 
o sia furore o speme,
 
 
paventi il traditor.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA IV
 
 
Cinna, indi Celia.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cinna
 
  530
Ah sì, s'affretti il colpo. Il ciel d'un empio
 
 
se il castigo prolunga, attenderassi
 
 
che de' Tarquini in lui
 
 
gli scellerati eccessi
 
 
sian rinnovati a' nostri tempi istessi?
 
 
Celia
 
  535
Qual ti siede sul ciglio
 
 
cura affannosa?
 
 
Cinna
 
 
               Altrove,
 
 
Celia, passar degg'io.
 
 
                      Non m'arrestare…
 
 
Celia
 
 
E ognor mi fuggi?
 
 
Cinna
 
 
(In atto di partire.)
 
 
                 Addio.
 
 
Celia
 
 
Per un istante solo
 
  540
m'ascolta, e partirai.
 
 
Cinna
 
 
                      Che brami?
 
 
Celia
 
 
                                (Oh dèi!
 
 
Parlar non posso, e favellar vorrei.)
 
 
Sappi che il mio german…
 
 
Cinna
 
 
                        Parla.
 
 
Celia
 
 
                              …desia…
 
 
(Ah mi confondo e temo
 
 
che non mi ami il crudel.) Sì, sappi… (Oh stelle!
 
  545
In faccia a lui, che adoro,
 
 
perché mi perdo? Oggi sarà mio sposo,
 
 
e svelarli non oso?…)
 
 
Cinna
 
 
                     Io non intendo
 
 
i tronchi accenti tuoi.
 
 
Celia
 
 
                       (Finge l'ingrato.)
 
 
Or che dubbiosa io taccio,
 
  550
non ti favella in seno
 
 
il cor per me? Che dir poss'io? Purtroppo
 
 
ne' languidi miei rai
 
 
questo silenzio mio ti parla assai.
 
speaker-icon
N° 10 Aria [Cavatina]
 
 
Celia
 
     
 
    Se il labbro timido
 
  555
scoprir non osa
 
 
la fiamma ascosa,
 
 
per lui ti parlino
 
 
queste pupille,
 
 
per lui ti svelino
 
  560
tutto il mio cor.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA V
 
 
Cinna, indi Giunia.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cinna
 
 
Di piegarsi capace
 
 
a un'amorosa debolezza l'alma
 
 
non fu di Cinna ancor. Ma se da folle
 
 
s'avvilisse così, no, non avria
 
  565
la germana d'un empio usurpatore
 
 
il tributo primier di questo core.
 
 
Giunia s'appressa. Ah ch'ella può soltanto
 
 
la grand'opra compir che volgo in mente.
 
 
Agitata e dolente, immersa sembra
 
  570
fra torbidi pensier.
 
 
Giunia
 
 
                    Silla m'impone
 
 
che al popolo e al Senato io mi presenti;
 
 
l'empio che può voler? Sai ciò che tenti?
 
 
Cinna
 
 
Forse più che non credi
 
 
è la morte di Silla oggi vicina
 
  575
per vendicar la libertà latina.
 
 
Giunia
 
 
Tutto dal ciel pietoso
 
 
dunque speriam. Ma intanto
 
 
alla tua cura io lascio
 
 
l'amato sposo mio. Deh se ti deggio
 
  580
il piacer di mirarlo,
 
 
poiché lo piansi estinto, ah sì, per lui
 
 
veglia, t'adopra, e resti
 
 
al tiranno nascoso.
 
 
Cinna
 
 
                   A me t'affida.
 
 
Non paventar su' giorni suoi. M'ascolta.
 
  585
Ai padri in faccia e al popolo romano
 
 
Silla sai ciò che vuol? Vuol la tua mano.
 
 
Con il consenso lor la violenza
 
 
giustificar pretende. Il suo disegno
 
 
tutto, o Giunia, io prevedo.
 
 
Giunia
 
 
                            Io son la sola
 
  590
arbitra di me stessa. A un vil timore
 
 
ceda il Senato pur, non questo core.
 
 
Cinna
 
 
Da te, se vuoi, dipende,
 
 
Giunia, un gran colpo.
 
 
Giunia
 
 
                      E che far posso?
 
 
Cinna
 
 
                                      Al letto
 
 
segui l'empio tiranno ove t'invita,
 
  595
ma in quello per tua man lasci la vita.
 
 
Giunia
 
 
Stelle! Che dici mai? Giunia potria
 
 
con tradimento vil?…
 
 
Cinna
 
 
                    Folle timore.
 
 
Deh sovvienti che ognora
 
 
fu l'eccidio de' rei
 
  600
un spettacolo grato a' sommi dèi.
 
 
Giunia
 
 
S'è d'un plebeo pur sacra
 
 
fra noi la vita, e come
 
 
vuoi che in sen non mi scenda un freddo orrore
 
 
nel trafiggere io stessa un dittatore?
 
  605
Benché tiranno e ingiusto,
 
 
sempre al Senato e a Roma
 
 
Silla presiede, e di sua morte invano
 
 
farmi rea tu presumi.
 
 
Vittima ei sia, ma della man de' numi.
 
 
Cinna
 
  610
Se d'offender gli dèi
 
 
avesse un dì temuto,
 
 
la libertà non dovria Roma a Bruto.
 
 
Giunia
 
 
Ma Bruto in campo armato,
 
 
non con una viltade
 
  615
della latina libertade infranse
 
 
la catena servil. No, non fia mai
 
 
che a' dì futuri passi
 
 
il nome mio macchiato
 
 
d'un tradimento vil. Serbami, amico,
 
  620
serbami il caro ben. Deh sol tu pensa
 
 
alla salvezza sua. Della vendetta
 
 
al ciel lascia il pensier.
 
 
                          Vanne. T'affretta…
 
 
Forse lungi da te potria lo sposo
 
 
per un soverchio ardir… L'impetuosa
 
  625
alma sua tu ben conosci… Ah per pietade
 
 
fa' che rimanga ad ogni sguardo ascoso.
 
 
Dilli che, se m'adora,
 
 
dilli che, se m'è fido,
 
 
serbi i miei ne' suoi giorni.
 
 
                             A te l'affido.
 
speaker-icon
N° 11 Aria
 
 
Giunia
 
     
  630
    Ah se il crudel periglio
 
 
del caro ben rammento,
 
 
tutto mi fa spavento,
 
 
tutto gelar mi fa.
 
     
 
    Se per sì cara vita
 
  635
non veglia l'amistà,
 
 
da chi sperare aita,
 
 
da chi sperar pietà?Variante in den Textwiederholungen:
da chi sperar pietà, da chi?
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA VI
 
 
Cinna solo.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Cinna
 
 
Ah sì, scuotasi omai
 
 
l'indegno giogo. Assai
 
  640
si morse il fren di servitù tiranna.
 
 
Se di svenar ricusa
 
 
Giunia quell'empio, un braccio
 
 
non mancherà che, timoroso meno,
 
 
il ferro micidial l'immerga in seno.
 
speaker-icon
N° 12 Aria
 
 
Cinna
 
     
  645
    Nel fortunato istante,
 
 
ch'ei già coi voti affretta,
 
 
per la comun vendetta
 
 
vuo' che mi spiri al piè.
 
     
 
    Già va una destra altera
 
  650
del colpo suo felice,
 
 
e questa destra ultrice
 
 
lungi da lui non è.
 
 
(Parte.)
 
 
 
 
SCENA VII
 
 
Silla, Aufidio e guardie.
 
 
Recitativo
 
 
Aufidio
 
speaker-icon
Signor, a' cenni tuoi
 
 
il Senato fia pronto. Egli fra poco
 
  655
t'ascolterà. D'elette squadre intorno
 
 
numerosa corona
 
 
ad arte io disporrò.
 
 
Silla
 
 
                    L'amico Cinna
 
 
non ignori l'arcano. Il suo soccorso
 
 
è necessario all'opra. Ah che me stesso
 
  660
più non ritrovo in me! Dove io mi volga
 
 
della crudel l'immagine gradita
 
 
mi dipinge il pensier. Mi suona ognora
 
 
il caro nome suo fra i labbri miei,
 
 
e tutto parla a questo cor di lei.
 
 
Aufidio
 
  665
Io già ti vedo al colmo
 
 
di tua felicità. Della possanza
 
 
usa che 'l ciel ti diè. Roma, il Senato
 
 
e ogn'anima orgogliosa, or che lo puoi,
 
 
fa' che pieghin la fronte a' piedi tuoi.
 
 
(Parte.)
 
 
Silla
 
  670
Ah sì, di civil sangue
 
 
innonderò le vie, se Roma altera
 
 
alle brame di Silla oggi s'oppone;
 
 
ho nel braccio, ho nel cor la mia ragione.
 
 
Giunia?… Qual vista! In sì bel volto io scuso
 
  675
la debolezza mia… ma tanti oltraggi?…
 
 
Ah che in vederla, oh dèi!
 
 
il dittatore offeso io più non sono:
 
 
de' suoi sprezzi mi scordo, e le perdono.
 
 
SCENA VIII
 
 
Giunia, Silla e guardie.
 
 
Recitativo
 
 
Giunia
 
 
(Silla? L'odiato aspetto
 
  680
destami orror. Si fugga.)
 
 
Silla
 
 
                         Arresta il passo.
 
 
Sentimi, per pietade. Il più infelice
 
 
d'ogni mortal mi rendi,
 
 
se nemica mi fuggi…
 
 
Giunia
 
 
                   E che pretendi?
 
 
Scostati, traditor. (Tremo, m'affanno
 
  685
per l'idol mio.)
 
 
Silla
 
 
                Ah no, non son tiranno
 
 
come tu credi. È l'anima di Silla
 
 
capace di virtù. Quel tuo bel ciglio
 
 
soffrir più non poss'io così severo…
 
 
Giunia
 
 
(In atto di partire.)
 
 
Tu di virtù capace? Ah menzognero!
 
 
Silla
 
  690
Sentimi…
 
 
Giunia
 
 
        Non t'ascolto.
 
 
Silla
 
 
                      E vuoi?…
 
 
Giunia
 
 
                              Sì, voglio
 
 
detestarti e morir.
 
 
Silla
 
 
                   Morir?
 
 
Giunia
 
 
                         La morte
 
 
romano cor non teme.
 
 
Silla
 
 
                    E puoi?…
 
 
Giunia
 
 
                            Sì, posso
 
 
pria d'amarti morir. Vanne, t'invola…
 
 
Silla
 
 
Superba, morirai, ma non già sola.
 
speaker-icon
N° 13 Aria
 
 
Silla
 
     
  695
    D'ogni pietà mi spoglio,
 
 
perfida donna audace;
 
 
se di morir ti piace,
 
 
quell'ostinato orgoglio
 
 
presto tremar vedrò.
 
     
  700
    (Ma il cor mi palpita…
 
 
Perder chi adoro?…
 
 
Svenare, o barbaro,
 
 
il mio tesoro?…)
 
     
 
    Che dissi?
 
 
              Ho l'anima
 
  705
vile a tal segno?
 
 
Smanio di sdegno;
 
 
morir tu brami,
 
 
crudel mi chiami:
 
 
tremane, o perfida,
 
  710
crudel sarò.
 
 
(Parte con guardie.)
 
 
SCENA IX
 
 
Giunia, indi Cecilio.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Giunia
 
 
Che intesi, eterni dèi? Qual mai funesto
 
 
e spaventoso arcan ne' detti suoi?
 
 
Sola non morirò? Che dir mi vuoi,
 
 
barbaro?… Ahimè! Che vedo?…
 
  715
Lo sposo mio?… Che fu?… Che avvenne?… Ah dove,
 
 
sconsigliato, t'inoltri? In queste mura
 
 
sai che non è sicura
 
 
la tua vita, e non temi
 
 
di respirar quest'aure
 
  720
comuni a' tuoi nemici? In questo istante
 
 
il tiranno partì. Tremo… Deh fuggi…
 
 
Ah se dell'empio il ciglio…
 
 
Cecilio
 
 
Giunia, il tuo rischio è il mio maggior periglio.
 
 
Giunia
 
 
Deh per pietà, se m'ami
 
  725
torna, mio bene, ah torna
 
 
nel tenebroso asilo. Il rimirarti
 
 
qual martirio è per me!
 
 
Cecilio
 
 
                       Non amareggi
 
 
il tuo spavento, o cara,
 
 
il mio dolce piacer.
 
 
Giunia
 
 
                    Piacer funesto,
 
  730
se a un gelido spavento
 
 
abbandona il mio cor, se de' tuoi giorni
 
 
decider può. T'ascondi. Ah da che vivo,
 
 
no che angustia simìle…
 
 
Cecilio
 
 
Sola vuoi ch'io ti lasci in preda a un vile?
 
  735
So che al Senato in faccia il reo tiranno
 
 
con violenza ingiusta
 
 
al talamo vuol trarti, ed io, che t'amo,
 
 
restar potrò senza morir d'affanno
 
 
lungi dal fianco tuo? Se invano un braccio,
 
  740
un acciaro si cerca
 
 
per svenare un crudel ch'odio e detesto,
 
 
quell'acciaro, quel braccio, eccolo, è questo.
 
 
Giunia
 
 
Ahimè! Che pensi?… Esporti?…
 
 
Correr tu solo a un periglioso estremo?…
 
 
Cecilio
 
  745
Tu paventi di tutto, io nulla temo.
 
 
Frena il timor, mia speme, e ti rammenta
 
 
ch'una soverchia tema in cor romano
 
 
essere può viltà.
 
 
Giunia
 
 
                 Ma il troppo ardire
 
 
temerità s'appella. Ah sì, ti cela,
 
  750
né accrescere, idol mio, nel tuo periglio
 
 
nove cagion di pianto a questo ciglio.
 
 
Cecilio
 
 
Eterni dèi! Lasciarti,
 
 
fuggire, abbandonarti
 
 
all'empie insidie, all'ira
 
  755
d'un traditor che alle tue nozze aspira?
 
 
Giunia
 
 
E di che puoi temer, se meco resta
 
 
la mia costanza e l'amor mio? Deh corri,
 
 
corri donde fuggisti. Al suo dolore,
 
 
a' suoi spaventi invola
 
  760
il cor di chi t'adora.
 
 
Se ciò non basta, io tel comando ancora.
 
 
Cecilio
 
 
E in questo giorno orrendo,
 
 
se al tiranno io mi celo,
 
 
chi veglia, o sposa, in tua difesa?
 
 
Giunia
 
 
                                   Il cielo.
 
 
Cecilio
 
  765
Eh che talvolta i numi…
 
 
Giunia
 
 
                       A che ti guida
 
 
cieco furor? Ad onta
 
 
de' miei timori ancor mi resti a lato?
 
 
Partir non vuoi? Corro a morire, ingrato.
 
 
Cecilio
 
 
Fermati… Senti… Oh dèi!
 
  770
Così mi lasci, e brami?…
 
 
Giunia
 
 
                        I passi miei
 
 
guardati di seguir.
 
 
Cecilio
 
 
                   Saprò morire,
 
 
ma non lasciarti.
 
 
Giunia
 
 
                 (Oh stelle!
 
 
Io lo perdo. Che fo?)
 
 
Cecilio
 
 
                     Cara, tu piangi?
 
 
Ah che 'l tuo pianto…
 
 
Giunia
 
 
                     Ah sì, per questo pianto,
 
  775
per questi lumi miei di speme privi,
 
 
parti, parti da me. Celati. Vivi.
 
 
Cecilio
 
 
A che mi sforzi!
 
 
Giunia
 
 
                Alfine
 
 
lusingarmi poss'io di questo segno
 
 
del tuo tenero affetto?
 
  780
Che rispondi, idol mio?
 
 
Cecilio
 
 
                       Sì, tel prometto.
 
 
Giunia
 
 
Fuggi dunque, mio bene. Invan paventi,
 
 
se di me temi. Ah pensa,
 
 
pensa che il ciel difende i giusti e ch'io
 
 
d'altri mai non sarò. Di mie promesse,
 
  785
dell'amor mio costante
 
 
ch'abborre a morte un traditore indegno,
 
 
sposo, nella mia mano eccoti un pegno.
 
 
Cecilio
 
 
Chi sa che non sia questa
 
 
l'estrema volta, oh dio! ch'al sen ti stringo,
 
  790
destra dell'idol mio, destra adorata,
 
 
prova di fé sincera…
 
 
Giunia
 
 
No, non temere.
 
 
               Amami.
 
 
                     Fuggi e spera.
 
speaker-icon
N° 14 Aria
 
 
Cecilio
 
     
 
    Ah se a morir mi chiama
 
 
il fato mio crudele,
 
  795
seguace ombra fedele
 
 
sempre sarò con te.
 
     
 
    Vorrei mostrar costanza,
 
 
cara, nel dirti addio,
 
 
ma nel lasciarti, oh dio!
 
  800
sento tremarmi il piè.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA X
 
 
Giunia, indi Celia.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Giunia
 
 
Perché mi balzi in seno,
 
 
affannoso cor mio? Perché sul volto,
 
 
or che lo sposo io non mi vedo accanto,
 
 
cade da' rai più copioso il pianto?
 
 
Celia
 
  805
Oh ciel! Sì lagrimosa,
 
 
sì dolente t'incontro? Al suo destino
 
 
quell'anima ostinata alfin deh ceda,
 
 
e sposa al dittator Roma ti veda.
 
 
Giunia
 
 
T'accheta, per pietà.
 
 
Celia
 
 
                     Se in duro esiglio
 
  810
cadde estinto Cecilio, a lui che giova
 
 
un'inutil costanza?
 
 
Giunia
 
 
                   (A questo nome
 
 
s'agghiaccia il cor.)
 
 
Celia
 
 
                     Tu non mi guardi, e il labbro
 
 
fra i singhiozzi e i sospir pallido tace?
 
 
Siegui i consigli miei.
 
 
Giunia
 
 
                       Lasciami in pace.
 
 
Celia
 
  815
Bramo lieta vederti. Il mio germano
 
 
oggi me pur felice
 
 
render saprà: la mano
 
 
mi promise di Cinna. Ah tu ben sai
 
 
ch'io l'adoro fedel. Più non rammento
 
  820
i miei sofferti affanni,
 
 
se si cangiano alfin gli astri tiranni.
 
speaker-icon
N° 15 Aria
 
 
Celia
 
     
 
    Quando sugl'arsi campi
 
 
scende la pioggia estiva,
 
 
le foglie, i fior ravviva,
 
  825
e il bosco e il praticello
 
 
tosto si fa più bello,
 
 
ritorna a verdeggiar.
 
     
 
    Così quest'alma amante
 
 
fra la sua dolce spene
 
  830
dopo le lunghe pene
 
 
comincia a respirar.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA XI
 
 
Giunia sola.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Giunia
 
 
In un istante oh come
 
 
s'accrebbe il mio timor! Purtroppo è questo
 
 
un presagio funesto
 
  835
delle sventure mie! L'incauto sposo
 
 
più non è forse ascoso
 
 
al reo tiranno.
 
 
               A morte
 
 
ei già lo condannò. Fra i miei spaventi,
 
 
nel mio dolore estremo
 
  840
che fo? Che penso mai?… Misera, io tremo!
 
 
Ah no, più non si tardi.
 
 
Il Senato mi vegga. Al di lui piede
 
 
grazia e pietà s'implori
 
 
per lo sposo fedel. S'ei me la nega,
 
  845
si chieda al ciel. Se il ciel l'ultimo fine
 
 
dell'adorato sposo oggi prescrisse,
 
 
trafigga me chi l'idol mio trafisse.
 
speaker-icon
N° 16 Aria
 
 
Giunia
 
     
 
    Parto, m'affretto; ma nel partire
 
 
il cor si spezza, mi manca l'anima.
 
  850
Morir mi sento, né so morire;
 
 
e smanio e gelo, e piango e peno.
 
 
Ah se potessi, potessi almeno
 
 
fra tanti spasimi morir così.
 
     
 
    Ma, per maggior mio duolo,
 
  855
verso un'amante oppressa
 
 
divien la morte istessa
 
 
pietosa in questo dì.
 
 
(Parte.)
 
 
 
 
SCENA XII
 
 
S'avanza Silla ed Aufidio seguito dai senatori, dal popolo e dalle squadre al lieto canto del seguente coro.
 
speaker-icon
N° 17 Coro
 
 
Coro
 
     
 
    Se gloria il crin ti cinse
 
 
di mille squadre a fronte,
 
  860
or la temuta fronte
 
 
qui ti coroni Amor.
 
 
Parte del coro
 
     
 
    Stringa quel braccio invitto
 
 
lei che da te s'adora,
 
 
Tutto il coro
 
 
se con i mirti ancora
 
  865
cresce il guerriero allor.
 
 
(Compar Giunia fra i senatori.)
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Silla
 
 
Padri coscritti, io che pugnai per Roma,
 
 
io che vinsi per lei, io che la face
 
 
della civil discordia
 
 
col mio valore estinsi, io che la pace
 
  870
per opra mia regnar sul Tebro or vedo,
 
 
d'ogni trionfo mio premio vi chiedo.
 
 
Giunia
 
 
(Soccorso, eterni dèi!)
 
 
Silla
 
 
                       Non ignorate
 
 
l'antico odio funesto
 
 
e di Mario e di Silla. Il giorno è questo
 
  875
in cui tutto mi scordo. Alla sua figlia
 
 
sacro laccio m'unisca, e il dolce nodo
 
 
plachi l'ombra del padre. Un dittatore,
 
 
un cittadin fra i gloriosi allori
 
 
altro premio non cerca a' suoi sudori.
 
 
Giunia
 
  880
(Tace il Senato e col silenzio approva
 
 
d'un tiranno il voler?)
 
 
Silla
 
 
                       Padri, già miro
 
 
ne' volti vostri espresso
 
 
il consenso comun. Quei che s'udiro
 
 
festosi gridi risuonar d'intorno
 
  885
son del pubblico voto un certo segno.
 
 
Seguimi all'ara omai…
 
 
Giunia
 
 
                     Scostati, indegno.
 
 
A tal viltà discende
 
 
Roma e 'l Senato? Un ingiurioso, un folle
 
 
timor l'astringe a secondar d'un empio
 
  890
le violenze infami? Ah che fra voi
 
 
no che non v'è chi in petto
 
 
racchiuda un cor romano…
 
 
Silla
 
 
Taci, e più saggia a me porgi la mano.
 
 
Aufidio
 
 
Così per bocca mia
 
  895
tutto il popol t'impon.
 
 
Silla
 
 
                       Dunque mi segui…
 
 
Giunia
 
 
(In atto di ferirsi.)
 
 
Non appressarti, o in seno
 
 
questo ferro m'immergo.
 
 
Silla
 
 
                       Alla superba
 
 
l'acciar si tolga, e segua il voler mio.
 
 
SCENA XIII
 
 
Cecilio con spada nuda, e detti.
 
 
Recitativo
 
 
Cecilio
 
 
Sposa, ah no, non temer.
 
 
Silla
 
 
                        (Chi vedo?)
 
 
Giunia
 
 
                                   (Oh dio!)
 
 
Aufidio
 
  900
(Cecilio?)
 
 
Silla
 
 
          In questa guisa
 
 
son tradito da voi? Del mio divieto
 
 
e delle leggi ad onta
 
 
tornò Cecilio e, seco Giunia unita,
 
 
di toglier osa al dittator la vita?
 
  905
Quell'audace s'arresti.
 
 
Giunia
 
 
                       (Incauto sposo!)
 
 
Signor…
 
 
Silla
 
 
       Taci, indegna, ch'omai
 
 
solo ascolto il furore.
 
 
(A Cecilio.)
 
 
                       Al novo sole
 
 
per mia vendetta, o traditor, morrai.
 
 
SCENA XIV
 
 
Cinna con spada nuda, e detti.
 
 
Recitativo
 
 
Silla
 
 
Come? D'un ferro armato,
 
  910
confuso, irresoluto,
 
 
Cinna, tu pur?…
 
 
Cinna
 
 
               (Oh ciel! Tutto è perduto.
 
 
Qualche scampo ah si cerchi
 
 
nel cimento fatal!) Con mio stupore
 
 
col nudo acciaro io vidi
 
  915
Cecilio infra le schiere
 
 
aprirsi un varco. La sua rabbia, i fieri
 
 
minacciosi occhi suoi d'un tradimento
 
 
mi fecero temer. Onde salvarti
 
 
da quella destra al parricidio intesa
 
  920
corsi, e 'l brando impugnai per tua difesa.
 
 
Silla
 
 
Ah vanne, amico, e scopri
 
 
se altri perfidi mai…
 
 
Cinna
 
 
                     Sulla mia fede,
 
 
signor, riposa, e paventar non déi.
 
 
(Quasi nel fiero incontro io mi perdei.)
 
 
(Parte.)
 
 
Silla
 
  925
Olà, quel traditore,
 
 
Aufidio, si disarmi.
 
 
Giunia
 
 
                    Oh dio! Fermate.
 
 
Cecilio
 
 
Finché l'acciar mi resta,
 
 
saprò farti tremar.
 
 
Silla
 
 
                   E giunge a tanto
 
 
la tua baldanza?
 
 
Giunia
 
 
                (Oh dèi!)
 
 
Silla
 
 
                         Cedi l'acciaro,
 
  930
o ch'io…
 
 
Cecilio
 
 
        Lo speri invan.
 
 
Giunia
 
 
                       Cedilo, o caro.
 
 
Cecilio
 
 
Ad esser vil m'insegna
 
 
la sposa mia?
 
 
Giunia
 
 
             Deh non opporti!
 
 
Cecilio
 
 
                             E vuoi?…
 
 
Giunia
 
 
Della tua tenerezza
 
 
una prova vogl'io.
 
 
Cecilio
 
 
                  Dovrò?…
 
 
Giunia
 
 
                         Dovrai
 
  935
nella mia fede e nel favor del cielo
 
 
affidarti e sperar. Se ancor, mio bene,
 
 
dubbioso ti mostri, i giusti numi
 
 
e la tua sposa offendi.
 
 
Cecilio
 
 
(Fremo.)
 
 
(A Giunia.)
 
 
        T'appagherò.
 
 
(Getta la spada.)
 
 
                    Barbaro, prendi.
 
 
Silla
 
  940
Nella prigion più nera
 
 
traggasi il reo.
 
 
                Per poco
 
 
quest'aure a te vietate
 
 
respirar ti vedrò.
 
 
                  Fra le ritorte
 
 
del tradimento audace
 
  945
tu pur ti pentirai, donna mendace.
 
speaker-icon
N° 18 Terzetto
 
 
Silla
 
     
 
    Quell'orgoglioso sdegno
 
 
oggi umiliar saprò.
 
 
Cecilio
 
     
 
    Non lo sperare, indegno,
 
 
l'istesso ognor sarò.
 
 
Giunia
 
     
  950
    Eccoti, o sposo, un pegno
 
 
che al fianco tuo morrò.
 
 
Silla
 
     
 
    Empi, la vostra mano
 
 
merita sol catene.
 
 
Giunia, Cecilio
 
     
 
    Se mi ama il caro bene,
 
  955
lieta|lieto a morir men vo.
 
 
a tre
 
 
Silla
 
     
 
    Questa costanza intrepida,
 
 
questo sì fido amore,
 
 
tutto mi strazia il core,
 
 
tutto avvampar mi fa.
 
 
Giunia, Cecilio
 
     
  960
    La mia costanza intrepida,
 
 
il mio fedele amore,Variante in den Textwiederholungen:
il mio sì fido amore,
 
 
dolce consola il core,
 
 
né paventar mi fa.
 
 
 
 
Fine dell'atto secondo.