SCENA VII
 
 
Cecilio solo.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Cecilio
 
 
Morte, morte fatal, della tua mano
 
  280
ecco le prove in queste
 
 
gelide tombe. Eroi, duci, regnanti,
 
 
che devastar la terra,
 
 
angusto marmo or qui ricopre e serra.
 
 
Già in cento bocche e cento
 
  285
dei lor fatti echeggiò stupido il mondo,
 
 
e or qui gl'avvolge un muto orror profondo.
 
 
Oh dèi!… Chi mai s'appressa?
 
 
Giunia?… La cara sposa?… Ah non è sola;
 
 
m'asconderò… ma dove? Oh stelle! In petto
 
  290
qual palpito!… Qual gioia!…
 
 
                           E che far deggio?
 
 
Restar?… Partire?… Oh ciel!
 
 
Dietro a quest'urna a respirar mi celo.
 
 
(Si nasconde dietro l'urna di Mario.)
 
 
SCENA VIII
 
 
S'avanza Giunia col seguito di donzelle e di nobili al lugubre canto del seguente coro.
 
speaker-icon
N° 6 Coro
 
 
Coro
 
     
 
    Fuor di queste urne dolenti
 
 
deh n'uscite, alme onorate,
 
  295
e sdegnose vendicate
 
 
la romana libertà.
 
 
Giunia
 
     
 
    O del padre ombra diletta
 
 
che d'intorno a me t'aggiri,
 
 
i miei pianti, i miei sospiri
 
  300
deh ti movano a pietà.
 
 
Coro
 
     
 
    Il superbo, che di Roma
 
 
stringe i lacci in Campidoglio,
 
 
rovesciato oggi dal soglio
 
 
sia d'esempio ad ogni età.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Giunia
 
  305
Se l'empio Silla, o padre,
 
 
fu sempre l'odio tuo finché vivesti,
 
 
perché Giunia è tua figlia,
 
 
perché il sangue romano ha nelle vene,
 
 
supplice innanzi all'urna tua sen viene.
 
  310
Tu pure, ombra adorata
 
 
del mio perduto ben, vola e soccorri
 
 
la tua sposa fedel. Da te lontana
 
 
di questa vita amara
 
 
odia l'aure funeste…
 
 
SCENA IX
 
 
Cecilio e detta.
 
 
Cecilio
 
 
                    Eccomi, o cara.
 
 
Giunia
 
  315
Stelle!… Io tremo!… Che veggio?
 
 
Tu sei?… Forse vaneggio?…
 
 
Forse una larva, o pur tu stesso?… Oh numi!
 
 
M'ingannate, o miei lumi?…
 
 
Ah non so ancora se alla dolce
 
  320
illusion io m'abbandono!…
 
 
Dunque… tu sei?…
 
 
Cecilio
 
 
                Il tuo fedele io sono.
 
 
N° 7 Duetto
 
 
Giunia
 
     
 
    D'Eliso in sen m'attendi,
 
 
ombra dell'idol mio,
 
 
che a te ben presto, oh dio!
 
  325
fia che m'unisca il ciel.
 
 
Cecilio
 
     
 
    Sposa adorata e fida,
 
 
sol nel tuo caro viso
 
 
ritrova il dolce Eliso
 
 
quest'anima fedel.
 
 
Giunia
 
     
  330
    Sposo… Oh dèi! Tu ancor respiri?
 
 
Cecilio
 
 
Tutto fede e tutto amor.
 
 
a due
 
 
Fortunati i miei sospiri,
 
 
fortunato il mio dolor!
 
 
(Si prendon per mano.)
 
 
Giunia
 
     
 
    Cara spene!Variante in den Textwiederholungen:
Amato bene!
 
 
Cecilio
 
 
               Amato bene!Variante in den Textwiederholungen:
Cara spene!
 
 
a due
 
     
  335
    Or che al mio seno,
 
 
caro|cara, tu sei,
 
 
m'insegna il pianto
 
 
degl'occhi miei
 
 
che ha le sue lagrime
 
  340
anche il piacer.
 
 
Fine dell'atto primo.