SCENA IV
 
 
Aufidio con guardie, e detti.
 
 
Recitativo
 
 
Aufidio
 
  1080
Tosto seguir tu déi,
 
 
Cecilio, i passi miei.
 
 
Giunia
 
 
                      Forse… alla morte?…
 
 
Parla… Dimmi…
 
 
Aufidio
 
 
             Non so.
 
 
Cecilio
 
 
Prendi, mia speme,
 
 
prendi l'estremo abbraccio…
 
 
Giunia
 
 
(Ad Aufidio.)
 
  1085
Rispondi… Oh ciel!
 
 
Aufidio
 
 
                  Sempre obbedisco, e taccio.
 
 
Cecilio
 
 
Ah non perdiam, mia vita,
 
 
un passeggero istante
 
 
che ne porge il destin. Parto, ti lascio,
 
 
e in sì tenero amplesso
 
  1090
ricevi, anima mia, tutto me stesso.
 
 
Giunia
 
 
Ah caro sposo… Oh dèi!
 
 
Se uccider può il martoro,
 
 
perché vicino a te, perché non moro?
 
 
Cecilio
 
 
Quel pianto, oh dio! ah sì, quel pianto, o cara,
 
  1095
non sai come nel seno… Ahimè! Ti basti…
 
 
sì, ti basti il saper che in questo istante
 
 
più d'un morir tiranno
 
 
quelle lagrime tue mi son d'affanno.
 
speaker-icon
N° 21 Aria
 
 
Cecilio
 
     
 
    Pupille amate,
 
  1100
non lagrimate;
 
 
morir mi fate
 
 
pria di morir.
 
     
 
    Quest'alma fida
 
 
a voi d'intorno
 
  1105
farà ritorno
 
 
sciolta in sospir.
 
 
(Parte con Aufidio e guardie.)
 
 
SCENA V
 
 
Giunia sola.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Giunia
 
 
Sposo… mia vita… Ah dove…
 
 
dove vai?
 
 
         Non ti seguo? E chi ritiene
 
 
i passi miei? Chi mi sa dir?… Ma intorno
 
  1110
altro, ahi lassa, non vedo
 
 
che silenzio ed orror! L'istesso cielo
 
 
più non m'ascolta e m'abbandona. Ah forse,
 
 
forse l'amato bene
 
 
già dalle rotte vene
 
  1115
versa l'anima e 'l sangue…
 
 
                          Ah pria ch'ei mora
 
 
su quella spoglia esangue
 
 
spirar vogl'io… Che tardo?
 
 
Disperata a che resto?
 
 
                      Odo o mi sembra
 
 
udir di fioca voce
 
  1120
languido suon ch'a sé mi chiama? Ah sposo,
 
 
se i tronchi sensi estremi
 
 
de' labbri tuoi son questi,
 
 
corro, volo a cader dove cadesti.
 
 
N° 22 Aria
 
 
Giunia
 
     
speaker-icon
    Fra i pensier più funesti di morte
 
  1125
veder parmi l'esangue consorte
 
 
che con gelida mano m'addita
 
 
la fumante sanguigna ferita
 
 
e mi dice: "che tardi a morir?"
 
     
 
    Già vacillo, già manco, già moro,
 
  1130
e l'estinto mio sposo, che adoro,
 
 
ombra fida m'affretto a seguir.
 
 
(Parte.)
 
 
 
 
SCENA VI
 
 
Silla, Cinna, Celia, senatori, popolo e guardie.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Silla
 
 
Celia, Cinna, non più. Roma, il Senato
 
 
di mia giustizia e del delitto altrui
 
 
il giudice sarà.
 
 
Cinna
 
 
                Più che non credi
 
  1135
di Cecilio la vita
 
 
necessaria esser puote.
 
 
Celia
 
 
                       I giorni tuoi…
 
 
la disperata Giunia… il suo consorte
 
 
creduto estinto e alle sue braccia or reso…
 
 
Silla
 
 
So ch'ognor più l'odio comun m'han reso.
 
  1140
Ma un dittator tradito
 
 
vuol vendetta, e l'avrà. Stanco son io
 
 
di temer sempre e palpitar. La vita
 
 
agitata ed incerta
 
 
fra un barbaro spavento
 
  1145
è un viver per morire ogni momento.
 
 
Celia
 
 
Ah speri invan, se speri
 
 
fra un eccidio funesto e sanguinoso
 
 
trovar la sicurezza ed il riposo.
 
 
Cinna
 
 
La furiosa Giunia
 
  1150
correre tu vedrai
 
 
ad assordar le vie
 
 
di querele e di lai. Destare in petto
 
 
può de' nemici tuoi
 
 
quel lagrimoso ciglio…
 
 
Silla
 
  1155
Vedo più che non pensi il mio periglio.
 
 
Amor, gloria, vendetta,
 
 
sdegno, timore io sento
 
 
affollarmisi al cor. Ognun pretende
 
 
d'acquistarne l'impero. Amor lusinga.
 
  1160
Mi rampogna la gloria. Ira m'accende.
 
 
Freddo timor m'agghiaccia.
 
 
M'anima la vendetta e mi minaccia.
 
 
De' fieri assalti in preda,
 
 
alla difesa accinto,
 
  1165
di Silla il cor fia vincitor o vinto?
 
 
Ma l'atto illustre alfine
 
 
decider dée s'io merto
 
 
quel glorioso alloro
 
 
che mi adombra la chioma,
 
  1170
e giudice ne voglio il mondo e Roma.
 
 
SCENA VII
 
 
Giunia con guardie, e detti.
 
 
Recitativo
 
 
Giunia
 
 
Anima vil, da Giunia
 
 
che pretendi? Che vuoi? Roma e 'l Senato
 
 
nel tollerare un traditore indegno
 
 
è stupido e insensato a questo segno?
 
  1175
Padri coscritti, innanzi a voi qui chiedo
 
 
e vendetta e pietà. Pietade implora
 
 
una sposa infelice, e vuol vendetta
 
 
d'un cittadino e d'un consorte esangue
 
 
l'ombra che nuota ancora in mezzo al sangue.
 
 
Silla
 
  1180
Calma gli sdegni tuoi, tergi il bel ciglio.
 
 
Inutile è quel pianto
 
 
e vano il tuo furor. De' miei delitti,
 
 
della mia crudeltade a Roma in faccia
 
 
spettatrice ti voglio, e in questo loco
 
  1185
di Silla il cor conoscerai fra poco.
 
 
SCENA ULTIMA
 
 
Cecilio, Aufidio, guardie e detti.
 
 
Recitativo
 
 
Giunia
 
 
(Lo sposo mio?)
 
 
Cinna
 
 
               (Che miro?)
 
 
Celia
 
 
(E qual arcan?)
 
 
Cecilio
 
 
               (Che fia?)
 
 
Silla
 
 
                         Roma e il Senato
 
 
e 'l popolo m'ascolti. A voi presento
 
 
un cittadin proscritto
 
  1190
che di sprezzar le leggi
 
 
osò furtivo. Ei, che d'un ferro armato
 
 
in Campidoglio alle mie squadre appresso
 
 
tentò svenare il dittatore istesso.
 
 
Grazia ei non cerca. Anzi di me non teme,
 
  1195
e m'oltraggia e detesta. Ecco il momento
 
 
che decide di lui. Silla qui adopri
 
 
l'autorità che Roma
 
 
al suo braccio affidò. Giunia mi senta
 
 
e m'insulti se può. Quell'empio Silla,
 
  1200
quel superbo tiranno a tutti odioso
 
 
vuol che viva Cecilio e sia tuo sposo.
 
 
(Lo presenta a Giunia.)
 
 
Giunia
 
 
E sarà ver?… Mia vita…
 
 
Cecilio
 
 
Fida sposa… qual gioia…
 
 
qual cangiamento è questo?
 
 
Aufidio
 
  1205
(Che fu?)
 
 
Celia
 
 
         (Lode agli dèi.)
 
 
Cinna
 
 
                         (Stupido resto.)
 
 
Silla
 
 
Padri coscritti, or da voi cerco e voglio
 
 
quanto vergò la mano in questo foglio.
 
 
(Lo presenta a uno de' senatori.)
 
 
De' cittadin proscritti
 
 
ei tutti i nomi accoglie;
 
  1210
ciascun ritorni alle paterne soglie.
 
 
Cecilio
 
 
Ah come degno or sei
 
 
del supremo splendor fra cui tu siedi.
 
 
Giunia
 
 
Costretta ad ammirarti alfin mi vedi.
 
 
Aufidio
 
 
(Ah che la mia rovina
 
  1215
certa prevedo.)
 
 
Silla
 
 
               In mezzo
 
 
al publico piacer, fra tante lodi
 
 
ch'ogni labbro sincer prodiga a Silla,
 
 
e perché Cinna è il solo
 
 
che infra occulti pensier confuso giace
 
  1220
e diviso da me sospira e tace?
 
 
(Vuol abbracciarlo.)
 
 
Fedele amico…
 
 
Cinna
 
 
             Ah lascia
 
 
di chiamarmi così. Sappi ch'ognora
 
 
contro di te nel seno
 
 
l'odio il più fier celai. Per opra mia
 
  1225
tornò Cecilio a Roma. In Campidoglio
 
 
per trucidarti io corsi, e armai non lungi
 
 
di cento anime audaci
 
 
e la mano e l'ardir. Io sol le faci
 
 
a' danni tuoi della discordia accesi…
 
 
Silla
 
  1230
Tu abbastanza dicesti, io tutto intesi.
 
 
Celia
 
 
(Dolci speranze, addio.)
 
 
Silla
 
 
                        La pena or senti
 
 
d'ogni trama nascosa:
 
 
Celia germana mia sarà tua sposa.
 
 
Giunia
 
 
(Bella virtù!)
 
 
Cecilio
 
 
              (Che generoso core!)
 
 
Cinna
 
  1235
E quale, oh giusto cielo,
 
 
mi s'accende sul volto
 
 
vergognoso rossor? Come poss'io…
 
 
Silla
 
 
Quel rimorso mi basta, e tutto oblio.
 
 
Celia
 
 
(Me lieta!)
 
 
(A Cinna.)
 
 
           Ah premia alfine
 
  1240
il mio costante amor. Della clemenza
 
 
mostrati degno, e di quel core umano
 
 
la virtù, la pietade…
 
 
Cinna
 
 
                     Ecco la mano.
 
 
Silla
 
 
Qual de' trionfi miei
 
 
eguagliar potrà questo, eterni dèi?
 
 
Aufidio
 
  1245
Lascia ch'a' piedi tuoi
 
 
grazia implori da te. De' miei consigli,
 
 
delle mie lodi adulatrici or sono
 
 
pentito…
 
 
Silla
 
 
        Aufidio, sorgi. Io ti perdono.
 
 
Così lodevol opra
 
  1250
coronisi da me. Romani, amici,
 
 
dal capo mio si tolga
 
 
il rispettato alloro e trionfale:
 
 
più dittator non son, son vostro uguale.
 
 
(Depone l'alloro.)
 
 
Ecco alla patria resa
 
  1255
la libertade. Ecco asciugato alfine
 
 
il civil pianto. Ah no, che 'l maggior bene
 
 
la grandezza non è. Madre soltanto
 
 
è di timor, d'affanni,
 
 
di frodi e tradimenti. Anzi per lei
 
  1260
cieco mortal dalla calcata via
 
 
di giustizia e pietà spesso travia.
 
 
Ah sì, conosco a prova
 
 
che assai più grata all'alma
 
 
d'un menzogner splendore
 
  1265
è l'innocenza e la virtù del core.
 
speaker-icon
N° 23 Finale col Coro [Ciaccona]
 
 
Coro
 
     
 
    Il gran Silla a Roma in seno,
 
 
che per lui respira e gode,
 
 
d'ogni gloria e d'ogni lode
 
 
vincitor oggi si fa.
 
 
Giunia, Cecilio
 
     
  1270
    Sol per lui l'acerba sorte
 
 
è per me felicità.
 
 
Cinna, Silla
 
     
 
    E calpesta le ritorte
 
 
la latina libertà.
 
 
Coro
 
     
 
    Il gran Silla d'ogni lode
 
  1275
vincitore oggi si fa.
 
 
 
 
Giunia, Cecilio, Celia, Cinna, Silla, Aufidio
 
     
 
    Trionfò d'un basso amore
 
 
la virtude e la pietà.
 
 
Silla, Aufidio
 
     
 
    Il trofeo sul proprio core
 
 
qual trionfo uguaglierà?
 
 
 
 
Coro
 
     
  1280
    Se per Silla in Campidoglio
 
 
lieta Roma esulta, gode,
 
 
d'ogni gloria e d'ogni lode
 
 
vincitore oggi si fa.
 
 
FINE DEL DRAMMA.