ATTO PRIMO
 
 
Solitario recinto sparso di molti alberi con rovine d'edifizi diroccati. Riva del Tebro. In distanza veduta del Monte Quirinale con piccolo tempio in cima.
 
 
SCENA I
 
 
Cecilio, indi Cinna.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cecilio
 
 
Oh ciel! L'amico Cinna
 
 
qui attendo invan. L'impazienza mia
 
 
cresce nel suo ritardo. Oh come mai
 
 
è penoso ogn'istante
 
  5
al cor uman, se pende
 
 
fra la speme e il timor! I dubbi miei…
 
 
Ma non m'inganno. Ei vien. Lode agli dèi.
 
 
Cinna
 
 
Cecilio, oh con qual gioia
 
 
pur ti riveggio! Ah lascia
 
  10
che un pegno io t'offra, or che son lieto appieno,
 
 
d'amistade e d'affetto in questo seno.
 
 
Cecilio
 
 
Quanto la tua venuta
 
 
accelerò coi voti
 
 
l'inquieta alma mia! Quai non produsse
 
  15
la tua tardanza in lei
 
 
smanie e spaventi, e quali
 
 
imagini funeste
 
 
s'affollaro al pensier! L'alma agitata
 
 
s'affanna, si confonde…
 
 
Cinna
 
  20
Il mio ritardo alto motivo asconde.
 
 
Tutto da me saprai.
 
 
Cecilio
 
 
                   Deh non t'offenda
 
 
l'impazienza mia… Giunia… la cara,
 
 
la fida sposa è sempre
 
 
tutta amor, tutta fé? Quei dolci affetti,
 
  25
che un tempo a me giurò, rammenta adesso?
 
 
È il suo tenero core anche l'istesso?
 
 
Cinna
 
 
Ella estinto ti piange…
 
 
Cecilio
 
 
                       Ah come… Ah dimmi…
 
 
dimmi: e chi tal menzogna
 
 
osò d'immaginar?
 
 
Cinna
 
 
                L'arte di Silla
 
  30
per trionfar del di lei fido amore.
 
 
Cecilio
 
 
(In atto di partire.)
 
 
A consolar si voli il suo dolore.
 
 
Cinna
 
 
Deh t'arresta. E non sai
 
 
che il tuo ritorno è così gran delitto,
 
 
che guida a morte un cittadin proscritto?
 
 
Cecilio
 
  35
Per serbarmi una vita,
 
 
ch'odio senza di lei,
 
 
dunque lasciar potrei la sposa in preda
 
 
a un ingiusto, a un crudel?
 
 
Cinna
 
 
                           M'ascolta. E dove
 
 
di riveder tu speri
 
  40
la tua Giunia fedel? Nel proprio tetto
 
 
Silla la trasse…
 
 
Cecilio
 
 
                E Cinna
 
 
ozioso spettator soffrì?…
 
 
Cinna
 
 
                         Che mai
 
 
solo tentar potea? Purtroppo è vano
 
 
il contrastar con chi ha la forza in mano.
 
 
Cecilio
 
  45
Dunque, nemici dèi,
 
 
di riveder la sposa
 
 
più sperar non poss'io?
 
 
Cinna
 
 
                       M'odi. Non lungi
 
 
da questa ignota parte
 
 
il tacito recinto
 
  50
ergesi al ciel, che nelle cupe soglie
 
 
de' trapassati eroi le tombe accoglie.
 
 
Cecilio
 
 
Che far degg'io?
 
 
Cinna
 
 
                Passarvi
 
 
per quel sentiero ascoso
 
 
che fra l'ampie rovine a lui ne guida.
 
 
Cecilio
 
  55
E colà che sperar?
 
 
Cinna
 
 
                  Sai che confina
 
 
col palagio di Silla. In lui sovente,
 
 
da' fidi suoi seguita,
 
 
fra 'l dì Giunia vi scende. Ivi dolente
 
 
alla mest'urna accanto
 
  60
del genitor, la suol bagnar di pianto.
 
 
Sorprenderla potrai. Potrai nel seno
 
 
farle destar la speme
 
 
che già s'estinse, e consolarvi insieme.
 
 
Cecilio
 
 
Oh me beato!
 
 
Cinna
 
 
            Altrove
 
  65
co' molti amici
 
 
               in tua difesa uniti
 
 
frattanto io veglierò. Spera. Gli dèi
 
 
oggi render sapran, dopo una lunga
 
 
vil servitù penosa,
 
 
la libertà a Roma, a te la sposa.
 
speaker-icon
N° 1 Aria
 
 
Cinna
 
     
  70
    Vieni ov'amor t'invita,
 
 
vieni, ché già mi sento
 
 
del tuo vicin contento
 
 
gli alti presagi in sen.
 
     
 
    Non è sempre il mar cruccioso,
 
  75
non è sempre il ciel turbato,
 
 
ride alfin, lieto e placato,
 
 
fra la calma ed il seren.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA II
 
 
Cecilio solo.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Cecilio
 
 
Dunque sperar poss'io
 
 
di pascer gli occhi miei
 
  80
nel dolce idolo mio?
 
 
                    Già mi figuro
 
 
la sua sorpresa, il suo piacer.
 
 
                               Già sento
 
 
suonarmi intorno i nomi
 
 
di mio sposo, mia vita.
 
 
                       Il cor nel seno
 
 
col palpitar mi parla
 
  85
de' teneri trasporti e mi predice…
 
 
Oh ciel! Sol fra me stesso
 
 
qui di gioia deliro, e non m'affretto
 
 
la sposa ad abbracciar?
 
 
                       Ah forse adesso
 
 
sul morir mio delusa,
 
  90
priva d'ogni speranza e di consiglio,
 
 
lagrime di dolor versa dal ciglio!
 
speaker-icon
N° 2 Aria
 
 
Cecilio
 
     
 
    Il tenero momento,
 
 
premio di tanto amore,
 
 
già mi dipinge il core
 
  95
fra i dolci suoi pensier.
 
     
 
    E qual sarà il contento
 
 
ch'al fianco suo m'aspetta,
 
 
se tanto ora m'alletta
 
 
l'idea del mio piacer?
 
 
(Parte.)
 
 

Appartamenti destinati a Giunia con statue all'intorno delle più famose eroine romane.
 
 
SCENA III
 
 
Silla, Celia, Aufidio e guardie.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Silla
 
  100
A te dell'amor mio, del mio riposo,
 
 
Celia, lascio il pensier. Rendi più saggia
 
 
l'ostinata di Mario altera figlia,
 
 
e a non sprezzarmi alfin tu la consiglia.
 
 
Celia
 
 
German, sai che finora
 
  105
tutto feci per te. Vuo' lusingarmi
 
 
di vederla cangiar.
 
 
Aufidio
 
 
                   Quella superba
 
 
colle preghiere e coi consigli invano
 
 
fia che si tenti. Un dittator sprezzato
 
 
che da Roma e dal mondo inter s'ammira,
 
  110
s'altro non vale, usi la forza e l'ira.
 
 
Silla
 
 
E la forza userò. La mia clemenza
 
 
non mi fruttò che sprezzi
 
 
e ingiuriose repulse
 
 
d'una femmina ingrata. In questo giorno
 
  115
mi segua all'ara e paghi
 
 
renda gli affetti miei,
 
 
o il nuovo sol non sorgerà per lei.
 
 
Celia
 
 
Ah Silla, ah mio germano,
 
 
per tua cagione io tremo,
 
  120
se trasportar ti lasci a questo estremo.
 
 
Purtroppo, ah sì, purtroppo
 
 
la violenza è spesso
 
 
madre fatal d'ogni più nero eccesso.
 
 
Silla
 
 
Da tentar che mi resta,
 
  125
se ostinata colei mi fugge e sprezza?
 
 
Celia
 
 
Adoprar tu sol devi arte e dolcezza.
 
 
S'è ver che sul tuo core
 
 
vantai finor qualche possanza, ah lascia
 
 
che da Giunia men corra. Ella fra poco
 
  130
da te verrà. L'ascolta.
 
 
Forse fia che una volta
 
 
cangi pensier.
 
 
Silla
 
 
              Di mia clemenza ancora
 
 
prova farò. Giunia s'attenda, e seco
 
 
parli lo sposo in me. Ma non s'abusi
 
  135
dell'amor mio, di mia bontade, e tremi
 
 
se Silla alfine, inesorabil reso,
 
 
favellerà da dittatore offeso.
 
 
Celia
 
 
German, di me ti fida. Oggi più saggia
 
 
Giunia sarà. Finora
 
  140
una secreta speme
 
 
forse il cor le nutrì. Se cadde estinto
 
 
lo sposo suo, più non le resta omai
 
 
amorosa lusinga. I prieghi tuoi
 
 
cauto rinnova. Un amator vicino
 
  145
se d'un lontan trionfa, il trionfare
 
 
d'un amator, che già di vita è privo,
 
 
è più agevole impresa a quel che è vivo.
 
speaker-icon
N° 3 Aria
 
 
Celia
 
     
 
    Se lusinghiera speme
 
 
pascer non sa gli amanti,
 
  150
anche fra i più costanti
 
 
languisce fedeltà.
 
     
 
    Quel cor sì fido e tenero,
 
 
ah sì, quel core istesso
 
 
così ostinato adesso,
 
  155
quel cor si piegherà.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA IV
 
 
Silla, Aufidio e guardie.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Aufidio
 
 
Signor, duolmi vederti
 
 
ai rifiuti, agl'insulti
 
 
esposto ancor. Alle preghiere umìli
 
 
s'abbassi un cor plebeo. Ma Silla, il fiero
 
  160
terror dell'Asia, il vincitor di Ponto,
 
 
l'arbitro del Senato e che si vide
 
 
un Mitridate al suo gran piè sommesso,
 
 
s'avvilirà d'una donzella appresso?
 
 
Silla
 
 
Non avvilisce amore
 
  165
un magnanimo core, o se il fa vile,
 
 
infra gli eroi, che le provincie estreme
 
 
han debellate e scosse,
 
 
un sol non vi saria che vil non fosse.
 
 
In questo giorno, amico,
 
  170
sarà Giunia mia sposa.
 
 
Aufidio
 
 
                      Ella sen viene.
 
 
Mira in quel volto espresso
 
 
un ostinato amore,
 
 
un odio interno, un disperato duolo.
 
 
Silla
 
 
Ascoltarla vogl'io. Lasciami solo.
 
 
(Aufidio parte.)
 
 
SCENA V
 
 
Silla, Giunia e guardie.
 
 
Recitativo
 
 
Silla
 
  175
Sempre dovrò vederti
 
 
lagrimosa e dolente? Il tuo bel ciglio
 
 
una sol volta almeno
 
 
non fia che si rivolga a me sereno?
 
 
Cielo! Tu non rispondi?
 
  180
Sospiri? Ti confondi? Ah sì, mi svela:
 
 
perché così pensosa
 
 
t'agiti, impallidisci e scansi ad arte
 
 
d'incontrar gli occhi tuoi negl'occhi miei?
 
 
Giunia
 
 
Empio, perché sol l'odio mio tu sei.
 
 
Silla
 
  185
Ah no, creder non posso
 
 
ch'a danno mio s'asconda
 
 
sì fiera crudeltà nel tuo bel core.
 
 
Hanno i limiti suoi l'odio e l'amore.
 
 
Giunia
 
 
Il mio non già. Quanto amerò lo sposo,
 
  190
tanto Silla odierò. Se fra gli estinti
 
 
l'odio giunge e l'amor, dentro a quest'alma,
 
 
ch'ad onta tua non cangerà giammai,
 
 
egli il mio amor, tu l'odio mio sarai.
 
 
Silla
 
 
Ma dimmi: in che t'offesi
 
  195
per odiarmi così? Che non fec'io,
 
 
Giunia, per te? La morte
 
 
il genitor t'invola, ed io ti porgo
 
 
nelle mie mura istesse
 
 
un generoso asilo. Ogni dovere
 
  200
dell'ospitalità qui teco adempio,
 
 
e pur segui ad odiarmi, e Silla è un empio?
 
 
Giunia
 
 
Stender dunque dovrei le braccia amanti
 
 
a un nemico del padre? E ti scordasti
 
 
quanto contro di lui, barbaro, oprasti?
 
  205
In doloroso esiglio
 
 
fra i cittadin più degni
 
 
languisce e more alfin lo sposo mio,
 
 
e chi n'è la cagione amar degg'io?
 
 
Per tua pena maggior, di novo il giuro,
 
  210
amo Cecilio ancor. Rispetto in lui,
 
 
benché morto, la scelta
 
 
del genitor. Se l'inuman destino
 
 
dal fianco mio lo tolse
 
 
per secondare il tuo perverso amore,
 
  215
ah sì, viverà sempre in questo core.
 
 
Silla
 
 
Amalo pur, superba, e in me detesta
 
 
un nemico tiranno. Or senti. In faccia
 
 
di tanti insulti io voglio
 
 
tempo lasciarti al pentimento. O scorda
 
  220
un forsennato orgoglio,
 
 
un inutile affetto, un odio insano,
 
 
o a seguir ti prepara
 
 
nell'Erebo fumante e tenebroso
 
 
l'ombra del genitor e dello sposo.
 
 
Giunia
 
  225
Coll'aspetto di morte
 
 
del gran Mario una figlia
 
 
presumi d'avvilir? Non avria luogo
 
 
nell'alma tua la speme
 
 
che oltraggia l'amor mio,
 
  230
se provassi, inumano,
 
 
di che capace è un vero cor romano.
 
 
Silla
 
 
Meglio al tuo rischio, o Giunia,
 
 
pensa e risolvi. Ancora
 
 
un resto di pietade,
 
  235
sol perché t'amo, ascolto.
 
 
Ah sì, meglio risolvi…
 
 
Giunia
 
 
                      Ho già risolto.
 
 
Del genitor estinto ognora io voglio
 
 
rispettare il comando:
 
 
sempre Silla aborrir,
 
  240
sempre adorar lo sposo, e poi morire.
 
speaker-icon
N° 4 Aria
 
 
Giunia
 
     
 
    Dalla sponda tenebrosa
 
 
vieni, o padre, o sposo amato,
 
 
d'una figlia e d'una sposa
 
 
a raccor l'estremo fiato.
 
     
  245
    Ah tu di sdegno, o barbaro,
 
 
smani fra te, deliri,
 
 
ma non è questa, o perfido,
 
 
la pena tua maggior.
 
     
 
    Io sarò paga allora
 
  250
di non averti accanto,
 
 
tu resterai fra tanto
 
 
coi tuoi rimorsi al cor.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA VI
 
 
Silla e guardie.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Silla
 
 
E tollerare io posso
 
 
sì temerari oltraggi? A tante offese
 
  255
non si scote quest'alma? E chi la rese
 
 
insensata a tal segno? Un dittatore
 
 
così s'insulta e sprezza
 
 
da folle donna audace?…
 
 
E pure, oh mio rossor! e pur mi piace!
 
  260
Mi piace? Il cor di Silla
 
 
della sua debolezza
 
 
non arrossisce ancora?
 
 
Taccia l'affetto, e la superba mora.
 
 
Chi non mi cura amante,
 
  265
disdegnoso mi tema. A suo talento
 
 
crudel mi chiami. Aborra
 
 
la mia destra, il mio cor, gli affetti miei,
 
 
a divenir tiranno
 
 
in questo dì comincerò da lei.
 
speaker-icon
N° 5 Aria
 
 
Silla
 
     
  270
    Il desio di vendetta e di morte
 
 
sì m'infiamma e sì m'agita il petto,
 
 
che in quest'alma ogni debole affetto
 
 
disprezzato si cangia in furor.
 
     
 
    Forse nel punto estremo
 
  275
della fatal partita
 
 
mi chiederai la vita,
 
 
ma sarà il pianto inutile,
 
 
inutile il dolor.
 
 
(Parte colle guardie.)
 
 

Atrio magnifico alquanto oscuro che corrisponde a dei sotterranei in cui si alzano i sontuosi monumenti degl'eroi di Roma.
 
 
SCENA VII
 
 
Cecilio solo.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Cecilio
 
 
Morte, morte fatal, della tua mano
 
  280
ecco le prove in queste
 
 
gelide tombe. Eroi, duci, regnanti,
 
 
che devastar la terra,
 
 
angusto marmo or qui ricopre e serra.
 
 
Già in cento bocche e cento
 
  285
dei lor fatti echeggiò stupido il mondo,
 
 
e or qui gl'avvolge un muto orror profondo.
 
 
Oh dèi!… Chi mai s'appressa?
 
 
Giunia?… La cara sposa?… Ah non è sola;
 
 
m'asconderò… ma dove? Oh stelle! In petto
 
  290
qual palpito!… Qual gioia!…
 
 
                           E che far deggio?
 
 
Restar?… Partire?… Oh ciel!
 
 
Dietro a quest'urna a respirar mi celo.
 
 
(Si nasconde dietro l'urna di Mario.)
 
 
SCENA VIII
 
 
S'avanza Giunia col seguito di donzelle e di nobili al lugubre canto del seguente coro.
 
speaker-icon
N° 6 Coro
 
 
Coro
 
     
 
    Fuor di queste urne dolenti
 
 
deh n'uscite, alme onorate,
 
  295
e sdegnose vendicate
 
 
la romana libertà.
 
 
Giunia
 
     
 
    O del padre ombra diletta
 
 
che d'intorno a me t'aggiri,
 
 
i miei pianti, i miei sospiri
 
  300
deh ti movano a pietà.
 
 
Coro
 
     
 
    Il superbo, che di Roma
 
 
stringe i lacci in Campidoglio,
 
 
rovesciato oggi dal soglio
 
 
sia d'esempio ad ogni età.
 
speaker-icon
Recitativo accompagnato
 
 
Giunia
 
  305
Se l'empio Silla, o padre,
 
 
fu sempre l'odio tuo finché vivesti,
 
 
perché Giunia è tua figlia,
 
 
perché il sangue romano ha nelle vene,
 
 
supplice innanzi all'urna tua sen viene.
 
  310
Tu pure, ombra adorata
 
 
del mio perduto ben, vola e soccorri
 
 
la tua sposa fedel. Da te lontana
 
 
di questa vita amara
 
 
odia l'aure funeste…
 
 
SCENA IX
 
 
Cecilio e detta.
 
 
Cecilio
 
 
                    Eccomi, o cara.
 
 
Giunia
 
  315
Stelle!… Io tremo!… Che veggio?
 
 
Tu sei?… Forse vaneggio?…
 
 
Forse una larva, o pur tu stesso?… Oh numi!
 
 
M'ingannate, o miei lumi?…
 
 
Ah non so ancora se alla dolce
 
  320
illusion io m'abbandono!…
 
 
Dunque… tu sei?…
 
 
Cecilio
 
 
                Il tuo fedele io sono.
 
 
N° 7 Duetto
 
 
Giunia
 
     
 
    D'Eliso in sen m'attendi,
 
 
ombra dell'idol mio,
 
 
che a te ben presto, oh dio!
 
  325
fia che m'unisca il ciel.
 
 
Cecilio
 
     
 
    Sposa adorata e fida,
 
 
sol nel tuo caro viso
 
 
ritrova il dolce Eliso
 
 
quest'anima fedel.
 
 
Giunia
 
     
  330
    Sposo… Oh dèi! Tu ancor respiri?
 
 
Cecilio
 
 
Tutto fede e tutto amor.
 
 
a due
 
 
Fortunati i miei sospiri,
 
 
fortunato il mio dolor!
 
 
(Si prendon per mano.)
 
 
Giunia
 
     
 
    Cara spene!Variante in den Textwiederholungen:
Amato bene!
 
 
Cecilio
 
 
               Amato bene!Variante in den Textwiederholungen:
Cara spene!
 
 
a due
 
     
  335
    Or che al mio seno,
 
 
caro|cara, tu sei,
 
 
m'insegna il pianto
 
 
degl'occhi miei
 
 
che ha le sue lagrime
 
  340
anche il piacer.
 
 
Fine dell'atto primo.