PARTE PRIMA
 
 

Ozìa, Amital, Cabri e Coro.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ozìa
 
 
Popoli di Betulia, ah qual v'ingombra
 
 
vergognosa viltà! Pallidi, afflitti,
 
 
tutti mi siete intorno! È ver, ne stringe
 
 
d'assedio pertinace il campo assiro;
 
  5
ma non siam vinti ancor. Dunque sì presto
 
 
cedete alle sventure? Io, più di loro,
 
 
temo il vostro timor. De' nostri mali
 
 
questo, questo è il peggior: questo ci rende
 
 
inabili a' ripari. Ogni tempesta
 
  10
al nocchier che dispera
 
 
è tempesta fatal, benché leggera.
 
speaker-icon
N° 1 Aria
 
 
Ozìa
 
     
 
    D'ogni colpa la colpa maggiore
 
 
è l'eccesso d'un empio timore,
 
 
oltraggioso all'eterna pietà.
 
     
  15
    Chi dispera, non ama, non crede;
 
 
ché la fede, l'amore, la speme
 
 
son tre faci che splendono insieme,
 
 
né una ha luce se l'altra non l'ha.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cabri
 
 
E in che sperar?
 
 
Amital
 
 
                Nella difesa forse
 
  20
di nostre schiere indebolite e sceme
 
 
dall'assidua fatica? estenuate
 
 
dallo scarso alimento? intimorite
 
 
dal pianto universal? Fidar possiamo
 
 
ne' vicini già vinti?
 
  25
negli amici impotenti? in Dio sdegnato?
 
 
Cabri
 
 
Scorri per ogni lato
 
 
la misera città, non troverai
 
 
che oggetti di terror. Gli ordini usati
 
 
son negletti o confusi. Altri s'adira
 
  30
contro il ciel, contro te; piangendo accusa
 
 
altri le proprie colpe antiche e nuove;
 
 
chi corre, e non sa dove;
 
 
chi geme, e non favella; e lo spavento,
 
 
come in arida selva appresa fiamma,
 
  35
si comunica e cresce. Ognun si crede
 
 
presso a morir. Già ne' congedi estremi
 
 
s'abbracciano a vicenda
 
 
i congiunti, gli amici; ed è deriso
 
 
chi ostenta ancor qualche fermezza in viso.
 
speaker-icon
N° 2 Aria
 
 
Cabri
 
     
  40
    Ma qual virtù non cede
 
 
fra tanti oggetti e tanti
 
 
ad avvilir bastanti
 
 
il più feroce cor?
 
     
 
    Se non volendo ancora
 
  45
si piange agli altrui pianti,
 
 
se impallidir talora
 
 
ci fa l'altrui pallor?
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ozìa
 
 
Già le memorie antiche
 
 
dunque andaro in obblio? Che ingrata è questa
 
  50
dimenticanza, o figli! Ah ci sovvenga
 
 
chi siam, qual Dio n'assiste, e quanti e quali
 
 
prodigi oprò per noi. Chi a' passi nostri
 
 
divise l'Eritreo, chi l'onde amare
 
 
ne raddolcì, negli aridi macigni
 
  55
chi di limpidi umori
 
 
ampie vene ci aperse e chi per tante
 
 
ignote solitudini infeconde
 
 
ci guidò, ci nutrì, potremo adesso
 
 
temer che n'abbandoni? Ah no. Minaccia
 
  60
il superbo Oloferne
 
 
già da lunga stagion Betulia, e pure
 
 
non ardisce assalirla. Eccovi un segno
 
 
del celeste favor.
 
 
Cabri
 
 
                  Sì, ma fra tanto
 
 
più crudelmente il condottier feroce
 
  65
ne distrugge sedendo. I fonti, ond'ebbe
 
 
la città, già felice, acque opportune,
 
 
il tiranno occupò. L'onda che resta,
 
 
a misura fra noi
 
 
scarsamente si parte; onde la sete
 
  70
irrita e non appaga,
 
 
nutrisce e non estingue.
 
 
Amital
 
 
                        A tal nemico
 
 
che per le nostre vene
 
 
si pasce, si difonde, ah con qual'armi
 
 
resisterem? Guardaci in volto, osserva
 
  75
a qual segno siam giunti. Alle querele
 
 
abili ormai non sono i petti stanchi
 
 
dal frequente anelar, le scabre lingue,
 
 
le fauci inaridite. Umore al pianto
 
 
manca sugli occhi nostri, e cresce sempre
 
  80
di piangere cagion. Né il mal più grande
 
 
per me, che madre sono,
 
 
è la propria miseria. I figli, i figli
 
 
vedermi, oh Dio, miseramente intorno
 
 
languir così, né dal mortale ardore
 
  85
potergli ristorar! Questa è la pena
 
 
che paragon non ha, che non s'intende
 
 
da chi madre non è. Sentimi, Ozìa:
 
 
tu sei, tu che ne reggi,
 
 
delle miserie nostre
 
  90
la primiera cagione. Iddio ne sia
 
 
fra noi giudice e te. Parlar di pace
 
 
con l'Assiro non vuoi, perir ci vedi
 
 
fra cento affanni e cento,
 
 
e dormi? E siedi irresoluto e lento?
 
speaker-icon
N° 3 Aria
 
 
Amital
 
     
  95
    Non hai cor, se in mezzo a questi
 
 
miserabili lamenti
 
 
non ti scuoti, non ti desti,
 
 
non ti senti intenerir.
 
     
 
    Quanto, oh Dio, siamo infelici
 
  100
se sapessero i nemici,
 
 
anche a lor di pianto il ciglio
 
 
si vedrebbe inumidir!
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ozìa
 
 
E qual pace sperate
 
 
da gente senza legge e senza fede,
 
  105
nemica al nostro Dio?
 
 
Amital
 
 
                     Sempre fia meglio
 
 
benedirlo viventi,
 
 
che in obbrobrio alle genti
 
 
morir vedendo ed i consorti e i figli
 
 
spirar sugli occhi nostri.
 
 
Ozìa
 
 
                          E se né pure
 
  110
questa misera vita a voi lasciasse
 
 
la perfidia nemica?
 
 
Amital
 
 
                   Il ferro almeno
 
 
sollecito n'uccida, e non la sete
 
 
con sì lungo morir. Deh Ozìa, per quanto
 
 
han di sacro e di grande e terra e cielo,
 
  115
per lui, che or ne punisce,
 
 
gran Dio de' padri nostri, all'armi assire
 
 
rendasi la città.
 
 
Ozìa
 
 
                 Figli, che dite!
 
 
Amital
 
 
Sì, sì, Betulia intera
 
 
parla per bocca mia. S'apran le porte,
 
  120
alla forza si ceda: uniti insieme
 
 
volontari corriamo
 
 
al campo d'Oloferne. Unico scampo
 
 
è questo, ognun lo chiede.
 
 
Coro
 
 
                          Al campo, al campo.
 
 
Ozìa
 
 
Fermatevi, sentite. (Eterno Dio,
 
  125
assistenza, consiglio!) Io non m'oppongo,
 
 
figli, al vostro pensier; chiedo che solo
 
 
differirlo vi piaccia, e più non chiedo
 
 
che cinque dì. Prendete ardir. Fra tanto
 
 
forse Iddio placherassi e del suo nome
 
  130
la gloria sosterrà. Se giunge poi
 
 
senza speme per noi la quinta aurora,
 
 
s'apra allor la città, rendasi allora.
 
 
Amital
 
 
A questa legge attenderemo.
 
 
Ozìa
 
 
                           Or voi
 
 
co' vostri accompagnate
 
  135
questi che al ciel fervidi prieghi invio,
 
 
nunzi fedeli in fra' mortali e Dio.
 
speaker-icon
N° 4 Coro
 
 
Ozìa ed il Coro.
 
 
Ozìa
 
     
 
    Pietà, se irato sei,
 
 
pietà, Signor, di noi.
 
 
Abbian castigo i rei,
 
  140
ma l'abbiano da te.
 
 
Coro
 
     
 
    Abbian castigo i rei,
 
 
ma l'abbiano da te.
 
 
Ozìa
 
     
 
    Se oppresso chi t'adora
 
 
soffri da chi t'ignora,
 
  145
gli empi diranno poi:
 
 
"questo lor Dio dov'è?"
 
 
Coro
 
     
 
    Gli empi diranno poi:
 
 
"questo lor Dio dov'è?"
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cabri
 
 
Chi è costei che qual sorgente aurora
 
  150
s'appressa a noi, terribile d'aspetto
 
 
qual falange ordinata, e a paragone
 
 
della luna, del sol bella ed eletta?
 
 
Amital
 
 
Alla chioma negletta,
 
 
al rozzo manto, alle dimesse ciglia,
 
  155
di Merari è la figlia.
 
 
Ozìa
 
 
Giuditta!
 
 
Cabri
 
 
         Sì, la fida
 
 
vedova di Manasse.
 
 
Ozìa
 
 
Qual mai cagion la trasse
 
 
dal segreto soggiorno in cui s'asconde,
 
  160
volge il quart'anno ormai?
 
 
Amital
 
 
                          So ch'ivi orando
 
 
passa desta le notti,
 
 
digiuna i dì. So che donolle il cielo
 
 
e ricchezza e beltà, ma che disprezza
 
 
la beltà, la ricchezza; e tal divenne,
 
  165
che ritrovar non spera
 
 
in lei macchia l'invidia o finta o vera.
 
 
Ma non saprei…
 
 


Giuditta e detti.
 
 
Giuditta
 
 
              Che ascolto, Ozìa!
 
 
Betulia, ohimè, che ascolto! All'armi assire
 
 
dunque aprirem le porte, ove non giunga
 
  170
soccorso in cinque dì.
 
 
                      Miseri! E questa
 
 
è la via d'impetrarlo? Ah tutti siete
 
 
colpevoli egualmente. Ad un estremo
 
 
il popolo trascorse, e chi lo regge
 
 
nell'altro ruinò.
 
 
                 Quello dispera
 
  175
della pietà divina, ardisce questo
 
 
limitarle i confini. Il primo è vile,
 
 
temerario il secondo. A chi la speme,
 
 
a chi manca il timor;
 
 
                     né in questo o in quella
 
 
misura si serbò. Vizio ed eccesso
 
  180
non è diverso. Alla virtù prescritti
 
 
sono i certi confini; e cade ognuno,
 
 
che per qualunque via da lor si scosta,
 
 
in colpa egual, benché talvolta opposta.
 
speaker-icon
N° 5 Aria
 
 
Giuditta
 
     
 
    Del pari infeconda
 
  185
d'un fiume è la sponda,
 
 
se torbido eccede,
 
 
se manca d'umor.
 
     
 
    Si acquista baldanza
 
 
per troppa speranza,
 
  190
si perde la fede
 
 
per troppo timor.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ozìa
 
 
Oh saggia, oh santa, oh eccelsa donna! Iddio
 
 
anima i labri tuoi.
 
 
Cabri
 
 
                   Da tali accuse
 
 
chi si può discolpar?
 
 
Ozìa
 
 
                     Deh tu, che sei
 
  195
cara al Signor, per noi perdono implora;
 
 
ne guida, ne consiglia.
 
 
Giuditta
 
 
                       In Dio sperate
 
 
soffrendo i vostri mali. Egli in tal guisa
 
 
corregge, e non opprime; ei de' più cari
 
 
così prova la fede. E Abramo e Isacco
 
  200
e Giacobbe e Mosè diletti a lui
 
 
divennero così. Ma quei che osaro
 
 
oltraggiar mormorando
 
 
la sua giustizia, o delle serpi il morso
 
 
o il fuoco esterminò. Se in giusta lance
 
  205
pesiamo i falli nostri, assai di loro
 
 
è minore il castigo: onde dobbiamo
 
 
grazie a Dio, non querele. Ei ne consoli
 
 
secondo il voler suo. Gran prove io spero
 
 
della pietà di lui. Voi che diceste
 
  210
che muove i labbri miei, credete ancora
 
 
ch'ei desti i miei pensieri. Un gran disegno
 
 
mi bolle in mente e mi trasporta. Amici,
 
 
non curate saperlo. Al sol cadente
 
 
della città m'attendi,
 
  215
Ozìa, presso alle porte. Alla grand'opra
 
 
a prepararmi io vado. Or, finch'io torni,
 
 
voi con prieghi sinceri
 
 
secondate divoti i miei pensieri.
 
speaker-icon
N° 6 CoroIn der autographen Partitur hat Mozart die Wiederholung des Chors „Pietà, se irato sei“ (N° 6 Coro) nicht ausgeschrieben, sondern am Ende des vorhergehenden Rezitativs angegeben: Nach dem Schlussbalken des Rezitativs schrieb er zunächst die Worte "Il primo Coro / Da Capo", fügte dann mit dunklerer Tinte rechts von "Il primo Coro" die Angabe ", cioè, Ozia ed il Coro" ein, schwärzte mit der dunkleren Tinte die Worte "Da Capo:" und ergänzte das Incipit des Chors hinzu. Vgl. dazu Luigi Tagliavini, Kritischer Bericht (Neue Mozart Ausgabe, Serie I: Geistliche Gesangswerke 4/2), Kassel 1963, S. 19b, Recitativo „Oh saggia, oh santa“, T. 46.
 
 

Ozìa e Coro.
 
 
Ozìa
 
     
 
    Pietà, se irato sei,
 
  220
pietà, Signor, di noi.
 
 
Abbian castigo i rei,
 
 
ma l'abbiano da te.
 
 
Coro
 
     
 
    Abbian castigo i rei,
 
 
ma l'abbiano da te.
 
 
Ozìa
 
     
  225
    Se oppresso chi t'adora
 
 
soffri da chi t'ignora,
 
 
gli empi diranno poi:
 
 
"questo lor Dio dov'è?"
 
 
Coro
 
     
 
    Gli empi diranno poi:
 
  230
"questo lor Dio dov'è?"
 
 


Carmi, Achiorre e detti.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Cabri
 
 
Signor, Carmi a te viene.
 
 
Amital
 
 
                         E la commessa
 
 
custodia delle mura
 
 
abbandonò?
 
 
Ozìa
 
 
          Carmi, che chiedi?
 
 
Carmi
 
 
                            Io vengo
 
 
un prigioniero a presentarti. Avvinto
 
  235
ad un tronco il lasciaro
 
 
vicino alla città le schiere ostili.
 
 
Achiorre è il suo nome,
 
 
degli Ammoniti è il prence.
 
 
Ozìa
 
 
                           E così tratta
 
 
Oloferne gli amici?
 
 
Achior
 
 
                   È de' superbi
 
  240
questo l'usato stil. Per loro è offesa
 
 
il ver che non lusinga.
 
 
Ozìa
 
 
                       I sensi tuoi
 
 
spiega più chiari.
 
 
Achior
 
 
                  Ubbidirò. Sdegnando
 
 
l'assiro condottier che a lui pretenda
 
 
di resister Betulia, a me richiese
 
  245
di voi notizia. Io, le memorie antiche
 
 
richiamando al pensier, tutte gli esposi
 
 
del popolo d'Israele
 
 
le origini, i progressi: il culto avito
 
 
de' numerosi dèi che per un solo
 
  250
cambiaro i padri vostri, i lor passaggi
 
 
dalle caldee contrade
 
 
in Carra, indi in Egitto, i duri imperi
 
 
di quel barbaro re. Dissi la vostra
 
 
prodigiosa fuga, i lunghi errori,
 
  255
le scorte portentose, i cibi, l'acque,
 
 
le battaglie, i trionfi; e gli mostrai
 
 
che, quando al vostro Dio foste fedeli,
 
 
sempre pugnò per voi. Conclusi alfine
 
 
i miei detti così: "cerchiam se questi
 
  260
al lor Dio sono infidi; e, se lo sono,
 
 
la vittoria è per noi. Ma se non hanno
 
 
delitto innanzi a lui, no, non la spero,
 
 
movendo anch'a lor danno il mondo intero."
 
 
Ozìa
 
 
Oh eterna verità, come trionfi
 
  265
anche in bocca a' nemici!
 
 
Achior
 
 
                         Arse Oloferne
 
 
di rabbia a' detti miei. Da sé mi scaccia,
 
 
in Betulia m'invia;
 
 
e qui l'empio minaccia
 
 
oggi alla strage vostra unir la mia.
 
 
Ozìa
 
  270
Costui dunque si fida
 
 
tanto del suo poter?
 
 
Amital
 
 
                    Dunque ha costui
 
 
sì poca umanità?
 
 
Achior
 
 
                Non vede il sole
 
 
anima più superba,
 
 
più fiero cor. Son tali
 
  275
i moti, i detti suoi,
 
 
che trema il più costante in faccia a lui.
 
speaker-icon
N° 7 Aria
 
 
Achior
 
     
 
    Terribile d'aspetto,
 
 
barbaro di costumi,
 
 
o conta sé fra' numi,
 
  280
o nume alcun non ha.
 
     
 
    Fasto, furor, dispetto
 
 
sempre dagli occhi spira;
 
 
e quanto è pronto all'ira,
 
 
è tardo alla pietà.
 
speaker-icon
Recitativo
 
 
Ozìa
 
  285
Ti consola, Achior. Quel Dio, di cui
 
 
predicasti il poter, l'empie minacce
 
 
torcerà su l'autor. Né a caso il cielo
 
 
ti conduce fra noi. Tu de' nemici
 
 
potrai svelar…
 
 
Cabri
 
 
              Torna Giuditta.
 
 
Ozìa
 
 
                             Ognuno
 
  290
s'allontani da me. Conviene, o prence,
 
 
differir le richieste. Al mio soggiorno
 
 
conducetelo, o servi. Anch'io fra poco
 
 
a te verrò. Vanne, Achiorre, e credi
 
 
che in me, lungi da' tuoi,
 
  295
l'amico, il padre, il difensore avrai.
 
 
Achior
 
 
Ospite sì pietoso io non sperai.
 
 


Ozìa, Giuditta e Coro in lontano.
 
 
Ozìa
 
 
Sei pur Giuditta, o la dubbiosa luce
 
 
mi confonde gli oggetti?
 
 
Giuditta
 
 
                        Io sono.
 
 
Ozìa
 
 
                                E come
 
 
in sì gioconde spoglie
 
  300
le funeste cambiasti? Il bisso e l'oro,
 
 
l'ostro, le gemme a che riprendi, e gli altri
 
 
fregi di tua bellezza abbandonati?
 
 
Di balsami odorati
 
 
stilla il composto crin! Chi le tue gote
 
  305
tanto avviva e colora? I moti tuoi
 
 
chi adorna oltre il costume
 
 
di grazia e maestà? Chi questo accende
 
 
insolito splendor nelle tue ciglia,
 
 
che a rispetto costringe e meraviglia?
 
 
Giuditta
 
  310
Ozìa, tramonta il sole;
 
 
fa' che s'apran le porte: uscir degg'io.
 
 
Ozìa
 
 
Uscir!
 
 
Giuditta
 
 
      Sì.
 
 
Ozìa
 
 
         Ma fra l'ombre, inerme e sola
 
 
così…
 
 
Giuditta
 
 
     Non più. Fuor che la mia seguace
 
 
altri meco non voglio.
 
 
Ozìa
 
 
                      (Hanno i suoi detti
 
  315
un non so che di risoluto e grande
 
 
che m'occupa, m'opprime.) Almen… Vorrei…
 
 
Figlia… (Chi 'l crederia? Né pure ardisco
 
 
chiederle dove corra, in che si fidi.)
 
 
Figlia… va': Dio t'inspira, egli ti guidi.
 
speaker-icon
N° 8 Aria
 
 
Giuditta
 
     
  320
    Parto inerme, e non pavento;
 
 
sola parto, e son sicura;
 
 
vo per l'ombre, e orror non ho.
 
     
 
    Chi m'accese al gran cimento,
 
 
m'accompagna e m'assicura:
 
  325
l'ho nell'alma ed io lo sento
 
 
replicar che vincerò.
 
speaker-icon
N° 9 Coro
 
 
Coro
 
 
Oh prodigio! Oh stupor! Privata assume
 
 
delle pubbliche cure
 
 
donna imbelle il pensier! Con chi governa
 
  330
non divide i consigli! A' rischi esposta
 
 
imprudente non sembra! Orna con tanto
 
 
studio sé stessa, e non risveglia un solo
 
 
dubbio di sua virtù! Nulla promette,
 
 
e fa tutto sperar! Qual fra' viventi
 
  335
può l'autore ignorar di tai portenti?
 
 

Il fine della prima parte.