ATTO PRIMO
 
 
Giardino con un viale d'alberi che si stende dalla pianura sopra d'una eminenza, dove termina nella facciata d'un palazzino da campagna.Alternative Szenenanweisung (aus Libretto-Druck Salzburg 1769):
La scena rappresenta un giardino nel quale vanno spasseggiando Giacinta e Fracasso, Ninetta e Simone.
 
 
SCENA I
 
 
Giacinta, Ninetta, Fracasso e Simone.
 
speaker-icon
N° 1Coro
 
 
 
 
Tutti
 
     
 
    Bella cosa è far l'amore!
 
 
Bello è assai degl'anni il fiore!
 
 
Bella è più la libertà!
 
 
Giacinta
 
     
 
    Ma un momento così bello
 
  5
forse più non tornerà.
 
 
Fracasso
 
 
Son soldato, e a far duello
 
 
guai se alcun mi sforzerà.
 
 
Ninetta
 
 
Bravo questo e bravo quello,
 
 
ma nissun ne sposerà.
 
 
Simone
 
  10
La tua testa è un molinello,
 
 
questo sol temer mi fa.
 
 
 
 
Tutti
 
     
 
    Bella cosa è far l'amore!
 
 
Bello è assai degl'anni il fiore!
 
 
Bella è più la libertà!
 
 
Recitativo
 
 
Giacinta
 
  15
Ritiriamoci, amici,
 
 
che temo esser sorpresa
 
 
da' miei fratelli sì bizzari e strani.
 
 
Ninetta
 
 
Addio, Simone,
 
 
              e ci vedrem domani.
 
 
Fracasso
 
 
Ma cospetto di Bacco!
 
  20
Son pur due mesi adesso
 
 
che in casa vostra abbiam stanza e quartiero,
 
 
e tuttavia si teme
 
 
se siam trovati due momenti insieme.
 
 
Giacinta
 
 
Sapete pur chi sono
 
  25
i due fratelli miei!
 
 
Ninetta
 
 
                    Sono due pazzi,
 
 
due storni, due merlotti,
 
 
due gran caricature.
 
 
Fracasso
 
 
Che importa a me! Sian pure,
 
 
io li farò tremare. Alfin si tratta
 
  30
di farvi sposa mia.
 
 
Simone
 
 
                   Si tratta alfine
 
 
che possa anch'io sposar questa ragazza.
 
 
Giacinta
 
 
Guai se lo sa il maggiore, egli ne amazza.
 
 
Fracasso
 
 
L'ammazzaremo lui.
 
 
Simone
 
 
Li sforzeremo a queste nozze entrambi.
 
 
Ninetta
 
  35
Oh non fate gli strambi;
 
 
che per far queste nozze
 
 
non val bravura e furberia ci vuole.
 
 
Fracasso
 
 
Come sarebbe a dir?
 
 
Ninetta
 
 
                   Sarebbe a dire
 
 
che l'un de' miei padroni,
 
  40
perché fu maltrattato
 
 
da sua cognata un tempo, e l'altro poi
 
 
per timore del primo, or son del pari
 
 
nemici delle donne.
 
 
Simone
 
 
                   Oh che somari!
 
 
Fracasso
 
 
Dunque, che vuoi tu fare?
 
 
Ninetta
 
  45
Vo' farli innamorare.
 
 
Fracasso
 
 
Di chi?
 
 
Simone
 
 
       Di qualche vecchia
 
 
che sappia far la bella?
 
 
Ninetta
 
 
Non aspettate voi vostra sorella?
 
 
Fracasso
 
 
Arriverà a momenti.
 
 
Ninetta
 
  50
Fate che parli meco
 
 
più presto che potete,
 
 
fate che voglia anch'ella
 
 
regolarsi a mio modo e non temete,
 
 
che noi ci sposerem quando volete.
 
 
Fracasso
 
  55
Quando non vuoi che questo,
 
 
io farò tutto e presto. Olà, Simone,
 
 
all'osteria vicina
 
 
smontar dée mia sorella. Ivi l'aspetta,
 
 
va' ad avvisar Ninetta
 
  60
subito che sia giunta, e sia tua cura
 
 
che le possa parlar senza paura.
 
 
Simone
 
 
Benissimo, signore,
 
 
ma quando avran parlato
 
 
queste due volpi insieme,
 
  65
io dubito di pioggia e di tempesta,
 
 
e tutti ne diran: guarda la testa.
 
speaker-icon
N° 2 Aria
 
 
Simone
 
     
 
    Troppa briga a prender moglie,
 
 
troppa briga in verità.
 
 
Non è cosa da soldato,
 
  70
che la vuole a buon mercato
 
 
o di meno ancor ne fa.Den Schlussvers der Strophe „o di meno ancor ne fa.“ vertont Mozart in der autographen Partitur immer unter Hinzufügung des zweimal wiederholten Partikels „sì sì“:
o di meno ancor ne fa, sì sì.
 
     
 
    Son le donne belle e buone,
 
 
ma se tanto han da costar,
 
 
per un sol mazzo di carte,
 
  75
per un fiasco di buon vino,
 
 
per due pippe di tabacco
 
 
ve le do tutte in un sacco,
 
 
né mi vo' più maritar.Variante in den Textwiederholungen:
né mi vo' più maritar, no no.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA II
 
 
Giacinta, Ninetta e Fracasso.
 
 
Recitativo
 
 
Ninetta
 
 
L'un de' patroni è alzato,
 
  80
ché aperte già le sue fenestre io veggio.
 
 
Fracasso
 
 
Ben, che sarà per questo?
 
 
Ninetta
 
 
Oh niente, e a vostro grado
 
 
restate voi, che a trappolarli io vado.
 
 
(Parte.)
 
 
Fracasso
 
 
Ninetta è scaltra assai.
 
 
Giacinta
 
  85
Ma assai conosco
 
 
                i miei fratelli anch'io.
 
 
Fracasso
 
 
Ad un uomo par mio,
 
 
che ad essi far potrebbe un brutto giuoco,
 
 
per dir di no ci penseranno un poco.
 
 
Giacinta
 
 
Vel diran certamente.
 
 
Fracasso
 
  90
Se mel diran, farne saprò vendette,
 
 
saprò sposarvi a forza,
 
 
saprò condurvi altrove, e mi trattengo
 
 
sol perché spero…
 
 
Giacinta
 
 
                 Oibò, signor, non vengo.
 
 
Fracasso
 
 
Così non farem nulla.
 
  95
Troppo fredda voi siete,
 
 
né sapete alla fin cosa volete.
 
 
Giacinta
 
 
So che vi voglio bene.
 
 
Fracasso
 
 
                      Del vostro bene
 
 
che n'ho da far, se presto
 
 
non arrivo a sposarvi,
 
 
                      e vi perdete
 
  100
in occhiate e in sospiri
 
 
che noi soldati non contiamo un fico?
 
 
Giacinta
 
 
Pian, che ci pensi un poco, e ve lo dico.
 
speaker-icon
N° 3 Aria
 
 
Giacinta
 
     
 
    Marito io vorrei,
 
 
ma senza fatica:
 
  105
averlo se comoda,
 
 
lasciarlo se intrica;
 
 
che aspetti degli anni,
 
 
che sole le mani
 
 
gli basti bacciar.
 
     
  110
    In somma io desidero
 
 
un uomo d'ingegno,
 
 
ma fatto di legno,
 
 
che dove lo metto
 
 
là sappia restar.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA III
 
 
Fracasso, poi Cassandro.
 
 
Recitativo
 
 
Fracasso
 
  115
Oh starem male insieme!
 
 
Ch'ella è tutta di ghiaccio, io tutto foco;
 
 
ma pur l'amo un poco,
 
 
e se arrivo a sposarla a mio talento,
 
 
non mi fo più ammazzar per complimento.
 
speaker-icon
N° 4 Aria
 
 
Cassandro
 
     
  120
    Non c'è al mondo altro che donne:
 
 
ma sian belle, ma sian buone,
 
 
non mi voglio infeminire,
 
 
non mi vo' matrimoniar.
 
     
 
    Servitore…
 
 
              sì signore,
 
  125
sua sorella…
 
 
            l'ho con ella,
 
 
vada altrove ad abitar.
 
 
Recitativo
 
 
Fracasso
 
 
Con chi l'ha Don Cassandro?
 
 
Cassandro
 
 
L'ho con i capitani,
 
 
colle capitanesse sue sorelle,
 
  130
cogli alfier, coi sergenti,
 
 
coi tamburi e le trombe,
 
 
coi cannoni e le bombe
 
 
che or or vorran con vostra signoria
 
 
il quartier generale in casa mia.
 
 
Fracasso
 
  135
È forse già arrivata
 
 
la baronessa mia sorella?
 
 
Cassandro
 
 
                         Appunto.
 
 
(Non fosse mai venuta!)
 
 
Fracasso
 
 
L'avete voi veduta?
 
 
Cassandro
 
 
Non la voglio veder:
 
 
                    donne non voglio
 
  140
in casa acquartierate.
 
 
Fracasso
 
 
A me lo dite? Andate
 
 
a dirlo a chi si aspetta.
 
 
Cassandro
 
 
Spedirò in Transilvania una staffetta.
 
 
Fracasso
 
 
Dove son io ci deve
 
  145
star mia sorella ancora,
 
 
che del pari v'onora.
 
 
Cassandro
 
 
                     Oh lo sappiamo;
 
 
ma ci vuol convenienza.
 
 
Si domanda licenza,
 
 
e purché non ci venga a civettare,
 
  150
vederemo e penserem che s'ha da fare.
 
 
Fracasso
 
 
Ella sa le creanze,
 
 
so il mio dovere anch'io. Pria la vedete,
 
 
e poi deciderete.
 
 
Cassandro
 
 
                 Eh la vedremo;
 
 
perché si dée cerimoniar la donna
 
  155
per la sua fratellevol fratellanza;
 
 
del resto ho per usanza,
 
 
vo' dir che star costumo
 
 
alla larga dal fumo,
 
 
imperciocché, quantunque
 
  160
la militare sua baroneria,
 
 
la vorrei persuasa
 
 
che mi può imbaronar tutta la casa.
 
 
Fracasso
 
 
Olà, mi meraviglio:
 
 
d'una sorella mia
 
  165
non si parla così.
 
 
Cassandro
 
 
                  Di lei non parlo,
 
 
cioè parlo di tutte, anzi pretendo
 
 
non parlar di nissuna.
 
 
Fracasso
 
 
Che stil spropositato! Io non v'intendo.
 
 
Cassandro
 
 
M'intenderà madama,
 
  170
conciosiaché di lei
 
 
in casa m'hanno detto
 
 
che parla e scrive ancor senza alfabeto.
 
 
Fracasso
 
 
Certo, la troverete
 
 
una buona ragazza.
 
 
Cassandro
 
  175
Ohimè… sarà una pazza!
 
 
Tanto meglio: sì bene…
 
 
vo' dir che mia cognata
 
 
uno spirito avea da spiritata.
 
 
Fracasso
 
 
Della sorella mia
 
  180
non dovete già aver tale impressione.
 
 
Cassandro
 
 
Ma… fo come Catone,
 
 
cioè fuggo i rumori.
 
 
Fracasso
 
 
Cosa temete voi? Che v'innamori?
 
 
Cassandro
 
 
Io innamorarmi! Oh sfido
 
  185
Lucrezia, Marco Antonio e Cattilina!
 
 
N'ho avute una dozzina
 
 
che volean migliorar questo colosso,
 
 
ma non voglio, non posso,
 
 
conciosiaché ho fissato
 
  190
virginello morir come son nato.
 
 
Fracasso
 
 
Ne ho veduti degli altri
 
 
che facean colle donne i paladini,
 
 
e poi ci son caduti.
 
 
Cassandro
 
 
                    I babuini.
 
 
Fracasso
 
 
Ci caderete, io scometto,
 
  195
presto o tardi voi pure.
 
 
Cassandro
 
 
                        Uh poveretto!
 
 
Fracasso
 
 
Non fate tanto il bravo.
 
 
Cassandro
 
 
Sono in questo un Orlando…
 
 
anzi… cioè… con lui non mi baratto.
 
 
Fracasso
 
 
Orlando per le donne era un bel matto.
 
speaker-icon
N° 5 AriaZur ursprünglichen Fassung der Aria N° 5 „Guarda la donna in viso“ vgl. Wolfgang Rehm, Kritischer Bericht (Neue Mozart Ausgabe, Serie II: Bühnenwerke 5/2), Kassel 2004, S. b/27f und b/74f sowie La finta semplice, vorgelegt von Rudolph Angermüller und Wolfgang Rehm (Neue Mozart Ausgabe, Serie II: Bühnenwerke 5/2), Kassel 1983, S. 403.
 
 
Fracasso
 
     
  200
    Guarda la donna in viso
 
 
e non l'amar se puoi.
 
 
Con un gentil sorriso,
 
 
con quegli occhietti suoi:
 
 
"vieni", vi dice, "vieni,
 
  205
se per me piangi e peni,
 
 
ch'io t'ho da consolar."
 
     
 
    E siano pure infide,Tempo-Angabe der ursprünglichen Fassung der Strophe:
Allegro (von Leopold Mozarts Hand).
Vgl. dazu Wolfgang Rehm, Kritischer Bericht (Neue Mozart Ausgabe, Serie II: Bühnenwerke 5/2), Kassel 2004, S. b/75, T. 44/45.
 
 
siano le donne ingrate:
 
 
quando una guarda e ride,
 
  210
vogliate o non vogliate,
 
 
bisogna perdonar.
 
 
(Parte.)
 
 
Recitativo
 
 
Cassandro
 
 
Eh! ben ben, ci vedremo, e sua sorella
 
 
metterla voglio in tanta soggezione,
 
 
che creda di parlar conDie Präposition mit bestimmten Artikel „col“ („mit dem“) in der autographen Partitur wurde in der kritischen Edition entsprechend der Libretto-Vorlage 1764 und dem späteren Libretto-Druck Salzburg 1769 zur Präposition ohne bestimmten Artikel („con“ = „mit“) korrigiert, da hier „Cicerone“ nicht als Fremdenführer („col Cicerone“ = „mit dem Cicerone“), sondern als historische Person gemeint ist („con Cicerone“ = „mit Cicero“). Cicerone.
 
 
(Parte.)
 
 


Cabinetto nella casa di Cassandro.
 
 
SCENA IV
 
 
Rosina, Ninetta, poi Polidoro.
 
speaker-icon
N° 6 Aria
 
 
Rosina
 
     
  215
    Colla bocca, e non col core,
 
 
tutti sanno innamorar.
 
 
Ma chi vuol fede ed amore
 
 
da me venga ad imparar,
 
 
che si può senza rossore
 
  220
gradir tutti e un solo amar.Die in Mozarts autographer Partitur häufige Verwendung des falschen, wohl aus dem lateinischen bzw. französischen übernommenen Worts "et" für die italienische Konjunktion „e“ kann hier sowohl zu "e" als auch zu "ed" korrigiert werden, da die Konjunktion vor einem Wort steht, das mit einem Vokal anfängt. Der Herausgeber hat sich hier, anders als die NMA und der Redaktor des späteren, nach der autographen Partitur angefertigten Libretto-Drucks Salzburg 1769, für "e" entschieden, da durch "ed" der ursprüngliche Achtsilbler der Vorlage des Librettos Venedig 1764 "gradir tutti e un solo amar." eine metrisch überzählige Silbe erhalten würde.
 
 
Recitativo
 
 
Ninetta
 
 
Sicché m'avete inteso?
 
 
Rosina
 
 
So cosa deggio fare.
 
 
Ninetta
 
 
Fateli innamorare
 
 
questi due sciocchi,
 
 
                    e giacché l'un ne viene,
 
  225
cominciate da lui.
 
 
Rosina
 
 
                  Qual vien di loro?
 
 
Ninetta
 
 
Viene Don Polidoro,
 
 
e con lui ci vuol poco,
 
 
che di sposarla ei tratta
 
 
se vede con la scuffia anche una gatta.
 
 
Rosina
 
  230
Zitto, ch'egli entra adesso.
 
 
Polidoro
 
 
(Dalla porta fa cenno a Ninetta che corre a lui.)
 
 
Ehi?
 
 
Ninetta
 
 
    Signore.
 
 
Polidoro
 
 
            È permesso?
 
 
Ninetta
 
 
Cosa?
 
 
Polidoro
 
 
     Veder madama.
 
 
Rosina
 
 
(Correndoli incontro.)
 
 
Favorisca, se il brama.
 
 
Complimenti non vuo', sempre padrone,
 
  235
ecco a bacciar la mano,
 
 
ecco là da seder, voglio l'onore
 
 
dell'amicizia vostra, e qui si viene,
 
 
si va, si resta a desinare, a cena;
 
 
perché io non ho pretese
 
  240
e tratto cogli amici alla francese.
 
 
Polidoro
 
 
(Facendo cenno a Ninetta.)
 
 
Ehi!
 
 
Ninetta
 
 
    Da me che volete?
 
 
Polidoro
 
 
Cosa risponderò?
 
 
Ninetta
 
 
                Non intendete
 
 
che non vuol cirimonie, e tutto è buono
 
 
quel che vi viene in bocca?
 
 
Polidoro
 
  245
Ho capito… Madama,
 
 
gran bell'abito avete!
 
 
Rosina
 
 
                      Eh bagatelle
 
 
all'uso del paese.
 
 
Polidoro
 
 
                  Oh come belle
 
 
quelle scarpine ancora!
 
 
Rosina
 
 
(Che sciocco!)
 
 
Polidoro
 
 
              Ma signora,
 
  250
più delle scarpe vostre, io mi dichiaro,
 
 
siete bella voi stessa.
 
 
Ninetta
 
 
                       (Oh che somaro!)
 
 
Rosina
 
 
Tutta vostra bontà.
 
 
Polidoro
 
 
                   Voi mi piacete.
 
 
Rosina
 
 
Oh troppo onor!
 
 
Polidoro
 
 
               Volete
 
 
prendermi per marito?
 
 
Rosina
 
 
                     Io non son degna
 
  255
d'una tanta fortuna.
 
 
Polidoro
 
 
                    Eh non importa.
 
 
Anch'io
 
 
       non voglio cirimonie,
 
 
                            e basta
 
 
che non lo sappia
 
 
                 mio fratel: del resto
 
 
vi sposo adesso qui.
 
 
Rosina
 
 
                    Ma… così presto?
 
 
Così arrivata in casa vostra appena
 
  260
e nel vostro paese?
 
 
Polidoro
 
 
Sì ben, come diceste, alla francese.
 
 
Rosina
 
 
Alla francese ancora
 
 
domanda un matrimonio i passi suoi:
 
 
s'ama da prima, e poi
 
  265
qualche visita almeno,
 
 
qualche gentil biglietto,
 
 
qualche bel regaletto;
 
 
in somma un uom di spirito, qual siete,
 
 
in somiglianti impegni
 
  270
bisogno non avrà che altri gli insegni.
 
 
Polidoro
 
 
Insegnatemi pure,
 
 
ma la visita è fatta,
 
 
e il regalo farò senza fatica.
 
 
Quello che più m'intrica
 
  275
è il biglietto, o madama,
 
 
ché a scriver mai non m'insegnò la mama.
 
 
Ninetta
 
 
Eh non serve, signore:
 
 
sarò io, se volete,
 
 
la vostra secretaria.
 
 
Polidoro
 
  280
Ma nol dite a nessun.
 
 
Ninetta
 
 
                     Nemmeno all'aria.
 
 
Polidoro
 
 
Così ci sposerem.
 
 
Rosina
 
 
                 Tempo e cervello.
 
 
Polidoro
 
 
Non basta un'ora?
 
 
Ninetta
 
 
(Vedendo arrivare Don Cassandro.)
 
 
                 È qua vostro fratello.
 
 
Polidoro
 
 
Oh poveretto me!
 
 
Rosina
 
 
                Non dubitate:
 
 
perché nulla sospetti,
 
  285
io me ne andrò finché con voi ragiona.
 
 
Polidoro
 
 
Se con voi mi ritrova, ei mi bastona.
 
 
Rosina
 
 
Siatemi voi costante,
 
 
ché, per esservi amante,
 
 
fin col fratello vostro
 
  290
a me non mancheran mille ripieghi;
 
 
e se m'ha da parlar, vo' che mi preghi.
 
 
(Parte.)
 
 
Ninetta
 
 
Gran fortuna è la vostra!
 
 
Chi moglie tal non prende è grosso e tondo,
 
 
perché di queste ne son poche al mondo.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA V
 
 
Cassandro e detto.
 
 
Recitativo
 
 
Polidoro
 
  295
Oh la prendo da vero.
 
 
Cassandro
 
 
Dov'è la baronessa?
 
 
Polidoro
 
 
                   In qualche sito
 
 
sarà sicuramente.
 
 
Cassandro
 
 
                 Oh scimunito!
 
 
Voi mi fate vergogna;
 
 
e non aveste
 
 
            mai
 
  300
il coraggio, cioè la petulanza
 
 
di parlar seco lei?
 
 
Polidoro
 
 
                   Le ho già parlato.
 
 
Cassandro
 
 
Ella v'avrà trovato
 
 
un stolido rampollo… sì signore,
 
 
della progenie nostra ingenerata
 
  305
di mascolini eroi.
 
 
Polidoro
 
 
                  S'è innamorata.
 
 
Cassandro
 
 
Di voi?
 
 
Polidoro
 
 
       Di me.
 
 
Cassandro
 
 
             Sarà una sciocca anch'ella.
 
 
Polidoro
 
 
Ve la mantengo, è bella.
 
 
Cassandro
 
 
Bella, ma senza spirito:
 
 
bella senza intelletto.
 
 
Polidoro
 
  310
Ha uno spirito…
 
 
               da spirito folletto.Der Elfsilbler „Ha uno spirito… da spirito folletto“ enthält eine überzählige Silbe. Im späteren Libretto-Druck Salzburg 1769 hat der Redaktor versucht, die metrisch überzählige Silbe durch eine unterschiedliche Aufteilung des Textes in Elf- und Siebensilbler zu beseitigen. Seine Versifikation erfordert allerdings eine ebenfalls ungewöhnliche Synalöphe vor dem Wort „Ha“: „bella senza intelletto.^Ha uno spirito…“. Außerdem geht dadurch der ursprüngliche Reim zwischen „intelletto“ und „folletto“ verloren. In der Edition des vertonten Textes wurde daher der Elfsilbler wie in der Libretto-Vorlage 1764 mit überzähliger Silbe belassen.
 
 
Cassandro
 
 
Non è dunque per voi,
 
 
amar non può un storno,
 
 
e statele lontan.
 
 
Polidoro
 
 
                 La notte o il giorno?
 
 
Cassandro
 
 
E giorno e notte e sempre
 
  315
seco lei non trescate.
 
 
Polidoro
 
 
Farò quel che voi fate.
 
 
Cassandro
 
 
Io posso far che voglio. Infra noi due
 
 
c'è una gran differenza.
 
 
Polidoro
 
 
Siamo però fratelli in conclusione.
 
 
Cassandro
 
  320
Ma son io uom di garbo, e voi minchione.
 
 
Polidoro
 
 
Sarò per altro un uomo.
 
 
Cassandro
 
 
E per questo?
 
 
Polidoro
 
 
             La donna
 
 
mi piace, e d'una moglie ho anch'io bisogno.
 
 
Cassandro
 
 
Da farne che, bagiano?
 
 
Polidoro
 
  325
Quel che gli altri ne fanno.
 
 
Cassandro
 
 
Voi donne? Voi mogliera? Oh che asinaccio!
 
 
Polidoro
 
 
Zitto, zitto, che taccio.
 
 
Cassandro
 
 
Non lo dite più mai.
 
 
Polidoro
 
 
Farò senza parlar.
 
 
Cassandro
 
 
                  Cosa farai?
 
 
Polidoro
 
  330
Tutto quel che volete.
 
 
Cassandro
 
 
Mai più parlar di donne.
 
 
Polidoro
 
 
                        Sì signor.
 
 
Cassandro
 
 
Non guardar per amore
 
 
mai più la baronessa.
 
 
Polidoro
 
 
                     Signor sì.
 
 
Cassandro
 
 
E quando ella vi guarda,
 
  335
cioè quando vi piace,
 
 
chiuder gli occhi, fuggir, farle dispetto.
 
 
Polidoro
 
 
Andrò a cacciarmi per paura in letto.
 
speaker-icon
N° 7 Aria
 
 
Polidoro
 
     
 
    Cosa ha mai la donna indosso
 
 
che mi piace tanto tanto?
 
  340
Se la guardo in lei m'incanto,
 
 
se la tocco mi fo rosso,
 
 
e che caldo ella mi fa!
 
     
 
    Il malanno che li porti
 
 
quei che sprezzan le consorti;
 
  345
carezzarla, cocolarla
 
 
una moglie, poveretta;
 
 
una moglie, benedetta,
 
 
anche a me per carità.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA VI
 
 
Cassandro e Rosina.
 
 
Recitativo
 
 
Cassandro
 
 
Grand'uomo che son io,
 
  350
per non temer le donne! Ecco che viene
 
 
la baronessa, e sfodrar bisogna
 
 
tutta la mia eloquenza, onde ella veda
 
 
dal mio cerimonial cerimoniante
 
 
che lo spirito suo meco è spirante.
 
 
Rosina
 
 
(Ritirandosi spaventata.)
 
  355
Chi è qua?… Fratello, aiuto!
 
 
Cassandro
 
 
Cosa avete veduto?
 
 
Cioè, di che temete?
 
 
Un galantuomo son io.
 
 
Rosina
 
 
                     Un galantuomo?
 
 
Cassandro
 
 
Al portamento, al viso,
 
  360
all'abito leggiadro
 
 
chi, come e qual mi credeste?
 
 
Rosina
 
 
                             Un ladro.
 
 
Cassandro
 
 
Per una qual voi siete
 
 
spiritosa pulcella
 
 
questa è una debolezza.
 
 
Rosina
 
 
                       Io spiritosa…
 
  365
Oh sì signore, e come!
 
 
Cassandro
 
 
                      (Non mi pare,
 
 
ma la vo' esaminare.)
 
 
(Fa portar delle sedie.)
 
 
Sediam qui, baronessa,
 
 
e discorriamla un poco.
 
 
Rosina
 
 
Sarà meglio in cucina appresso il fuoco.
 
 
Cassandro
 
  370
(Che stolida!) Volete
 
 
che parliamo in francese,
 
 
in tedesco, in turchesco o in italiano?
 
 
Rosina
 
 
Come che più vi piace.
 
 
Cassandro
 
 
                      In verso o in prosa?
 
 
Rosina
 
 
Oibò, né l'un né l'altro.
 
 
Cassandro
 
  375
Come, se ognun che parla,
 
 
cioè sempre favella il mondo intiero
 
 
o in prosa o in versi?
 
 
Rosina
 
 
                      Io nol sapea da vero.
 
 
Cassandro
 
 
Ma dunque che sa lei?
 
 
Rosina
 
 
So che tre e tre fan sei.
 
 
Cassandro
 
  380
Poter del mondo! Siete
 
 
una gran dottoressa in aritmetica.
 
 
E non è già sì poco
 
 
nell'età vostra… di quanti anni?
 
 
Rosina
 
 
                                Gli anni?
 
 
Cassandro
 
 
Sì, signora madama.
 
 
Rosina
 
  385
Lasciate che ci pensi.
 
 
Cassandro
 
 
E così?
 
 
Rosina
 
 
       Gli anni adesso
 
 
son millesettecento
 
 
sessantotto in punto.
 
 
Cassandro
 
 
                     Oh che portento!
 
 
Rosina
 
 
Chi è questo signore?
 
 
Cassandro
 
  390
Non sapete che sia
 
 
il portento,
 
 
            il prodiggio
 
 
da tutti conosciuto?
 
 
Rosina
 
 
Non ho l'onor d'averlo mai veduto.
 
 
Cassandro
 
 
(Che innocente fanciulla!
 
  395
Questa non fa paura.)
 
 
Ma nulla voi sapete?
 
 
Rosina
 
 
Oh so un poco di tutto.
 
 
Cassandro
 
 
                       Verbigrazia,
 
 
voglio dir, per esempio…
 
 
Rosina
 
 
                        …sì signore…
 
 
Cassandro
 
 
…cosa sapete voi?
 
 
Rosina
 
 
                 Far all'amore.
 
 
Cassandro
 
  400
L'avete fatto mai?
 
 
Rosina
 
 
Signor sì.
 
 
Cassandro
 
 
          E al giorno d'oggi
 
 
lo fate?
 
 
Rosina
 
 
        Sì signore.
 
 
Cassandro
 
 
E lo vorrete far anche dappoi?
 
 
Rosina
 
 
Signor sì.
 
 
Cassandro
 
 
          Ma con chi?
 
 
Rosina
 
 
                     Bella! Con voi.
 
 
Cassandro
 
  405
Con me? (M'accosto un poco,
 
 
che questa è al caso mio.)
 
 
Rosina
 
 
                          (Povero alocco!)
 
 
Cassandro
 
 
(Un muso da museo,
 
 
una buona pulcella innocentina.
 
 
Eh lascia far a noi.)
 
 
                     Ehi! - Madama.
 
 
Rosina
 
  410
Che volete?
 
 
Cassandro
 
 
           Accostatevi.
 
 
Rosina
 
 
(S'accosta un poco.)
 
 
Così?
 
 
Cassandro
 
 
(La tira vicin affatto.)
 
 
     Così in buon'ora.
 
 
Rosina
 
 
Se volete, io vi vengo in braccio ancora.
 
 
Cassandro
 
 
(Senz'altro è innamorata.)
 
 
Ma dite in confidenza:
 
  415
voi faceste all'amore
 
 
anche con mio fratello?
 
 
Rosina
 
 
                       Sì signore.
 
 
Cassandro
 
 
E sposarvi vorrebbe?
 
 
Rosina
 
 
                    Signor sì.
 
 
Cassandro
 
 
Onde, se io vi sposassi,
 
 
rivale averei la fratellanza in casa,
 
  420
e dividendo il core
 
 
mi fareste voi forse…
 
 
Rosina
 
 
                     Oh sì signore.
 
 
Cassandro
 
 
(Poter del mondo! Io sfido
 
 
tutta la quinta essenza feminesca
 
 
ad esser più sincera,
 
  425
cioè più di costei sciocca e ciarliera.)
 
 
Rosina
 
 
Ah!…
 
 
Cassandro
 
 
    Cosa è quel sospiro?
 
 
Rosina
 
 
Quanto più vi rimiro,
 
 
voi nemmen mi guardate.
 
 
Cassandro
 
 
Anzi a forza d'occhiate
 
  430
vi assorbo e vi divoro.
 
 
Rosina
 
 
Una manina almeno.
 
 
Cassandro
 
 
                  Ecco la mano.
 
 
(Quanto è mai compiacente!
 
 
E come mi vien caldo!)
 
 
Rosina
 
 
Quanto siete mai bello!
 
 
Cassandro
 
  435
Me l'han detto degli altri.
 
 
Rosina
 
 
                           Oh questo anello!
 
 
Cassandro
 
 
Mi costa mille scudi.
 
 
Rosina
 
 
Se mi voleste bene?…
 
 
Cassandro
 
 
                    Oh son di fuoco.
 
 
Rosina
 
 
Mel dovreste donar.
 
 
Cassandro
 
 
(Alzandosi in fretta.)
 
 
                   Torno tra poco.
 
 
Rosina
 
 
Partite da chi v'ama?
 
 
Cassandro
 
  440
Sento là fuora
 
 
              che qualcun mi chiama.
 
 
Rosina
 
 
Lasciatemi l'anello,
 
 
che in vece vostra compagnia mi tenga.
 
 
Cassandro
 
 
Sì bene, un'altra volta,
 
 
cioè mai più, conciosiaché so io…
 
  445
L'anello ha d'esser mio.
 
 
Rosina
 
 
Perché voi non mi amate.
 
 
Cassandro
 
 
Oh mai… non dubitate;
 
 
ma…
 
 
Rosina
 
 
   Siete troppo avaro.
 
 
Cassandro
 
 
Oh mai, me ne dichiaro;
 
  450
ma…
 
 
Rosina
 
 
   Se non ho di voi
 
 
questa memoria almen, presto mi scordo.
 
 
Cassandro
 
 
A questa cantilena oggi son sordo.
 
speaker-icon
8 Aria
 
 
Cassandro
 
     
 
    Ella vuole, ed io torrei,
 
 
convenire non si può.
 
  455
Quando son vicino a lei,
 
 
vale a dir: solusDas Wort „solas“ in der autographen Partitur wurde in der kritischen Edition wie in der NMA als Erratum betrachtet und entsprechend dem späteren Libretto-Druck Salzburg 1769 zu „solus“ korrigiert, da hier eine absichtliche Verballhornung des Worts durch Mozart, etwa um Cassandros mangelhafte Kenntnisse des Lateins auszudrücken, eher unwahrscheinlich scheint. cum sola,
 
 
a un'occhiata, a una parola
 
 
mi riscaldo, mi fo rosso,
 
 
mi par ch'abbia il fuoco addosso,
 
  460
sento il sangue in ogni vena
 
 
che ribolle e fa blo blo.
 
     
 
    Ma l'amor finisce poi
 
 
colla borsa e coll'anello,
 
 
ed il sangue già bel bello
 
  465
si rapprese, si gelò.
 
     
 
    E son come un can barbone
 
 
fra la carne ed il bastone:
 
 
vorrei stender lo zampino
 
 
e al baston più m'avvicino
 
  470
e abbaiando, mugolando
 
 
piglio il porco e me ne vo.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA VII
 
 
Fracasso, Ninetta e detta.
 
 
Recitativo
 
 
Fracasso
 
 
Eh ben, sorella mia?
 
 
Rosina
 
 
                    Siamo a buon segno,
 
 
e in questo dì m'impegno
 
 
d'innamorarli tutti due del pari
 
  475
sino a farmi sposar.
 
 
Fracasso
 
 
                    Basta ch'io sposi
 
 
Giacinta lor sorella.
 
 
Ninetta
 
 
E ch'io, sua damigella,
 
 
abbia Simone
 
 
            per marito mio.
 
 
Rosina
 
 
Tutto va ben,
 
 
             ma vo' marito anch'io.
 
 
Fracasso
 
  480
Sono sì pazzi entrambi,
 
 
ch'io non saprei qual sia per voi migliore.
 
 
Ninetta
 
 
Il più sciocco è il minore:
 
 
attaccatevi a lui,
 
 
che farete più presto;
 
  485
ed una moglie spiritosa e bella,
 
 
come l'han molte e molte,
 
 
un marito ha d'aver buono tre volte.
 
 
Fracasso
 
 
No, che quell'altro almeno
 
 
un uom non è di legno, e mia sorella
 
  490
di ridurlo a dovere è ben capace.
 
 
Rosina
 
 
Io sposerò quello che più mi piace.
 
 
Ma perché piaccia un uomo,
 
 
e perché amor non sia di noi tiranno,
 
 
cosa si debba far tutte non sanno.
 
speaker-icon
N° 9 Aria
 
 
Rosina
 
     
  495
    Senti l'eco, ove t'aggiri,
 
 
sussurar tra fiori e fronde;
 
 
ma se gridi o se sospiri,
 
 
quello sol l'eco risponde
 
 
che ti sente a ragionar.
 
     
  500
    Così far dovrebbe ancora
 
 
cogli amanti e questa e quella:
 
 
voler bene a chi l'adora,
 
 
corbellar chi ne corbella,
 
 
non dar niente a chi non dona,
 
  505
ché l'usanza è bella e buona
 
 
di far quel che gli altri fanno,
 
 
e in amor non può fallar.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA VIII
 
 
Polidoro e detti.
 
 
Recitativo
 
 
Polidoro
 
 
Ninetta.
 
 
Ninetta
 
 
        Che volete?
 
 
Polidoro
 
 
Digli a colui che vada,
 
  510
perché t'ho da parlar da solo a sola.
 
 
Fracasso
 
 
Dov'è la convenienza?
 
 
Quivi alla mia presenza
 
 
non si parla in secreto.
 
 
Polidoro
 
 
                        Andate via,
 
 
che ho un non so che da dirle.
 
 
Fracasso
 
 
                              A mia sorella
 
  515
porto rispetto adesso e alla sua stanza,
 
 
ma noi v'insegneremo la creanza.
 
 
(Parte.)
 
 
Ninetta
 
 
Voi l'avete irritato.
 
 
Polidoro
 
 
                     Eh non importa.
 
 
Ninetta
 
 
E se vi bastonasse?
 
 
Polidoro
 
 
                   Eh prenderemo
 
 
le bastonate ancora
 
  520
per quella che m'adora; e preme adesso
 
 
quel biglietto che sai.
 
 
Ninetta
 
 
                       L'ho preparato,
 
 
eccolo sigillato:
 
 
di tenerezze è pieno,
 
 
e basta ritrovar chi a lei lo dia,
 
  525
perché io non sarei buona.
 
 
Polidoro
 
 
Glielo darò in persona.
 
 
Ninetta
 
 
Oh bravo da vero!
 
 
La moda è nuova affatto,
 
 
ma la migliore è poi
 
  530
far tutti da sua posta i fatti suoi.
 
speaker-icon
N° 10 Aria
 
 
Ninetta
 
     
 
    Chi mi vuol bene
 
 
presto mel dica,
 
 
che per capire
 
 
non vo' fatica
 
  535
né intisichire
 
 
per civiltà.
 
     
 
    Tutti i biglietti
 
 
io ve li dono:
 
 
sono seccagini,
 
  540
son melansagini,
 
 
e alla più presta
 
 
da testa a testa
 
 
tutto si fa.
 
 
(Parte.)
 
 
SCENA IX
 
 
Polidoro, poi Rosina,Fracasso, Ninetta, poi Cassandro, Giacinta e Simone coll'ordine sequente.Die in der autographen Partitur fehlende Angaben zu den Personen der Scena IX, die in der Libretto-Vorlage Venedig 1764 an zwei unterschiedlichen Stellen der Szene angeführt sind (vgl. die diplomatische Übertragung der Libretto-Vorlage Venedig 1764, Z. 1030 und Z. 1046), wurden wie in der kritischen Edition der Vorlage am Anfang der Szene zusammengeführt, um Wiederholungen zu vermeiden.
 
 
Recitativo
 
 
Polidoro
 
 
Adesso è fatto tutto.
 
  545
Questo è il biglietto che da me pretende
 
 
l'innamorata mia,
 
 
anche il regalo è pronto,
 
 
onde faccio il mio conto
 
 
che nissun me la toglie,
 
  550
e saremo così marito e moglie.
 
 
Ecco che viene appunto. Allegramente,
 
 
che solo qui mi trova;
 
 
e se ancor qui venisse mio fratello,
 
 
in sua presenza aver dovrà cervello.
 
speaker-icon
N° 11 Finale
 
 
Rosina
 
     
  555
    Dove avete la creanza?
 
 
Mio fratello e la mia stanza
 
 
sempre s'ha da rispettar.
 
 
Fracasso
 
     
 
    Cospettaccio, cospettone!
 
 
Vuo' da voi sodisfazione,
 
  560
o vi faccio bastonar.
 
 
Polidoro
 
     
 
    Non so niente, poveretto;
 
 
n'è cagion questo biglietto
 
 
ch'io le avea da presentar.
 
 
Fracasso
 
     
 
    Un biglietto a mia sorella?
 
 
Ninetta
 
  565
La faceste ora più bella.
 
 
Rosina, Fracasso
 
 
 
 
Non prendiam vostri biglietti,
 
 
non sappiam di voi che far.
 
 
 
 
Polidoro
 
     
 
    Me l'avete voi richiesto.
 
 
Rosina, Fracasso
 
 
 
 
Per noi due che affronto è questo!
 
 
 
 
Polidoro
 
  570
Ah Ninetta, che paura!
 
 
Ninetta
 
 
(Lo fa inginocchiare.)
 
 
In ginocchio a dirittura
 
 
e pregarli a perdonar.
 
 
Fracasso
 
     
 
    Non perdono per sì poco.
 
 
Ninetta
 
 
Lo scrissi io così per giuoco.
 
 
Rosina, Fracasso
 
 
 
  575
Compatiam la debolezza,
 
 
e per fargli una finezza
 
 
s'ha il biglietto da accettar.
 
 
 
 
Cassandro
 
     
 
    Bravo, fratello!
 
 
Brava, madama!
 
  580
Così in ginocchio
 
 
cosa si fa?
 
 
Polidoro
 
     
 
    Ora sto fresco!
 
 
Caro tedesco,
 
 
voi difendetemi
 
  585
per carità.
 
 
Cassandro
 
     
 
    Anche biglietti,
 
 
mia signorina,
 
 
quel mamalucco
 
 
scriver vi sa.
 
 
Rosina
 
     
  590
    Oibò, signore,
 
 
questo biglietto
 
 
pieno d'amore
 
 
è per voi scritto
 
 
in verità.
 
 
Cassandro
 
     
  595
    Scritto l'avete
 
 
per me, carina?
 
 
Ninetta
 
 
Brava da vero!
 
 
Fracasso
 
 
(Povero alocco!)
 
 
Cassandro
 
 
Leggiamo un poco,
 
  600
datelo qua.
 
 
(Prende il biglietto e si ritira a leggerlo.)
 
 
Polidoro
 
     
 
    Finché il fratel non guarda,
 
 
prendete il regaletto
 
 
che voi m'avete detto
 
 
per farmi poi sposar.
 
 
(Le porge una borsa.)
 
 
Rosina
 
 
(Prende con dispetto.)
 
     
  605
    A me si dan danari?
 
 
Ninetta
 
 
Che diavolo faceste?
 
 
Rosina, Fracasso
 
 
 
 
Per Bacco, i nostri pari
 
 
non l'han da sopportar!
 
 
 
 
Cassandro
 
     
 
    Che fassi in quel cantone?
 
  610
Fratello mio buffone,
 
 
a lei non t'accostar.Variante in den Textwiederholungen:
a lei non t'accostar, no.
 
 
Rosina
 
     
 
    Povero Polidoro!
 
 
Che questa borsa d'oro
 
 
mi dà, se il voglio amar.
 
 
Cassandro
 
     
  615
    Che pezzo d'asinaccio!
 
 
Di queste io non ne faccio
 
 
né sono con le donne
 
 
sì facile a cascar.
 
 
Rosina
 
     
 
    Se mi volete bene,
 
  620
quest'oro voi serbate
 
 
e quell'anel mi date
 
 
per farlo disperar.
 
 
Cassandro
 
     
 
    L'anel?
 
 
Rosina
 
 
           Per un pocchetto.
 
 
Cassandro
 
 
L'anel?
 
 
Rosina
 
 
       Vel rendo subito.
 
 
Cassandro
 
  625
Da vero che ne dubito;
 
 
ma in grazia del biglietto,
 
 
che con tal gusto ho letto,
 
 
vi voglio contentar.
 
 
(Le dà l'anello.)
 
 
Simone
 
     
 
    Presto, madama,
 
  630
che uno vi chiama
 
 
e vi vorrebbe
 
 
complimentar.
 
 
(Parte.)Obwohl Simone weitere Verse im Laufe der Szene singt (V. 630–633 und V. 647), wurde hier die Angabe zu seinem Abgang (Parte.) nach der Libretto-Vorlage Venedig 1764 ergänzt, da die Szenenanweisung auch darauf deuten könnte, dass Simone im Laufe der Szene die Bühne verlässt, um später wieder auf die Bühne zurückzukehren.
 
 
Rosina
 
 
(Volendo partire.)
 
     
 
    Subito… addio!
 
 
Cassandro
 
 
(La trattiene.)
 
 
L'anello mio?
 
 
Fracasso
 
  635
Corpo del diavolo!
 
 
Non vuol mangiarvelo.
 
 
Ninetta
 
 
Non vuol scappar.
 
 
Simone
 
     
 
    Presto, signora,
 
 
che c'è di fuora
 
  640
chi vi desidera
 
 
seco a pransar.
 
 
Rosina
 
 
(Come sopra.)
 
     
 
    Andiam, fratello.
 
 
Cassandro
 
 
(Come sopra.)
 
 
Prima il mio anello.
 
 
Rosina, Fracasso
 
 
 
 
Poter del mondo!
 
  645
De' pari nostri
 
 
s'ha da fidar.
 
 
 
 
Cassandro
 
     
 
    Senza che andiate
 
 
con chi vi brama,
 
 
fate che resti
 
  650
quel che vi chiama,
 
 
ch'io darò a tutti
 
 
da desinar.
 
 
Ninetta, Giacinta
 
 
 
     
 
    Bravo, bravissimo!
 
 
 
 
Fracasso
 
 
Così va fatto.
 
 
Polidoro, Simone
 
 
 
  655
Quest'è cervello!
 
 
 
 
Cassandro
 
 
(Così l'anello
 
 
non sparirà.)
 
 
Tutti
 
     
 
    Dunque a pranso in compagnia,
 
 
e tra il vino e l'allegria
 
  660
che si balli e che si canti,
 
 
tutti amici, tutti amanti,
 
 
viva amore e la beltà.
 
 
Fine dell'atto primo.